Altre poesie inedite

5 gennaio 2013
Pubblicato da

di Daniele Ventre

1.

 

Non so se il giorno si compia nel tramonto che posa

sopra le case stanche un rosso manto d’ore,

o se la luce trovi qualche senso più nuovo

nella memoria dell’iride che animava la pioggia,

o nella memoria del vento che fugava le nuvole

rapide all’orizzonte.

 

Ma questo scorrere lento di giorni senza colore

non lascia memorie nelle fughe del vento

oltre il vieto sipario

dei tramonti, calato (un tremito di foschia

sulla farsa del mondo) al cerchio delle colline.

 

2.

Tu cerchi il senso dei voli primaverili:

ma i giochi delle correnti ascensionali

non avvertono i sensi degli umani:

non inquinano il cielo con idoli scurrili.

 

3.

Si cresce in culla di spine, tenuti al seno

da esperte distillatrici della colpa

d’esistere: il nostro tempo è la misura

fra il sollevarsi e il chiudersi dei respiri

che incidono lente angosce, lungo i passi

di basoli sdrucciolevoli: il tormento

dei nostri sguardi reciproci in noi vibra.

 

4.

 

A volte, se l’onda chiara delle nubi

dischiude i lembi pallidi d’un cielo

di zucchero turchese, sorride il giorno

aperto sulle ciglia del tramonto:

ma è solo il muto fondersi della luce

morente con la tenebra, che dall’orlo

dell’orizzonte avanza, per involarci

il tempo sulle cuspidi del sonno.

Tag: , ,

14 Responses to Altre poesie inedite

  1. effeffe il 5 gennaio 2013 alle 23:54

    Daniele è tra le cose più belle che abbia letto in questi anni, davvero. bisogna assolutamente che rimangano inedite per poco. effeffe

  2. daniele ventre il 6 gennaio 2013 alle 01:30

    Purtroppo non dipende dal sottoscritto :)

  3. Carla il 6 gennaio 2013 alle 10:08

    una poesia immersa nel paesaggio e nelle sensazioni, lieve tocco di corrente ascensionale che plana sulle cuspidi del sonno.
    mi ha fatto respirare profondamente.

  4. dod il 6 gennaio 2013 alle 14:21

    probabilmente una poesia del genere nel tardo medioevo avrebbe avuto un buon succ… no, no, avrebbe fatto schifo anche all’epoca (c’era l’epica, la parodia dell’epica, l’ottava rima, la poesia giocosa) :D

  5. daniele ventre il 6 gennaio 2013 alle 15:16

    è un’opinione come un’altra

  6. Emanuele Maggio il 8 gennaio 2013 alle 21:56

    Caro Daniele,
    una domanda: che ne pensi di quella “nausea” che Vittorio Sereni avvertiva nei confronti di quel vocabolario lirico primonovecentesco di cui tu ampiamente disponi? In queste 4 liriche hai usato più volte sempre le stesse parole: vento, giorno, cielo, orizzonte, tramonto, tempo….e poi pioggia, lento, manto, tormento…all’appello mancano solo buio e silenzio, ma immagino che se l’ambientazione fosse stata notturna ci sarebbero stati. Ovviamente non voglio appiattire la poesia alla “questione della lingua” (che personalmente detesto), ma piuttosto considerare in primo piano la questione dell’autenticità. Essa non è stata compromessa da quel tuo ripeterti? Non senti tu stesso di essere imbrigliato all’interno di un vocabolario piuttosto inautentico e prefissato, anche quando è barocco (come in altre tue poesie)? Del resto credo che tu abbia la metrica in testa, da buon studioso della poesia classica, e ti riesce quindi difficile distaccarti dal “componimento”. Solo la quarta poesia, a parer mio, trasmette qualcosa di più di un vago fenomenismo paesaggistico alla Betocchi, per non dire di un manierismo pascoliano. Mentre “il tormento dei nostri sguardi reciproci in noi vibra” è l’unico verso che si sente davvero, e ti blocca davanti allo schermo, come uno scemo, come un bambino sorpreso sul fatto. Ma queste sono mie opinioni, insindacabili quanto ininfluenti. Vorrei che rispondessi invece alla prima domanda.

  7. daniele ventre il 9 gennaio 2013 alle 19:56

    Vedi, la nausea che Vittorio Sereni avvertiva nei confronti di quel vocabolario lirico novecentesco è ampiamente giustificata nel contesto storico di cui Vittorio Sereni fa parte.

    Tuttavia dopo Sereni, dopo l’abolizione della musica d’angeli, dopo l’ironizzazione del verso (à propos, questi erano versi liberi di una certa struttura e forma -non c’è vero isosillabismo qui, solo andamenti) dopo quello che hanno combinato le neoavanguardie (che per altro hanno dichiarato vecchi e non poetici, in ordine critico e cronologico sparso, Quasimodo, Betocchi, Gatto), dopo l’estetica del degrado che è diventata alfa e omega del poetare, alla lunga è venuto fuori un petrarchismo al contrario, fatto di poetica immondezzificatrice e altrettanto vieto vuoto e retorico -e riproducibile tanto quanto quell’arte (poetica o figurativa che dir si voglia) riproducibile, che si voleva stigmatizzare e infrangere. Insomma, a me viene la nausea di altre cose, quelle che magari, nell’altra mia forma un po’ più barocca (e dicono citazionista e supponente), cerco di parodiare.

    Alla fine, al di sopra di un immondezzaio cittadino, dell’Apbau a cui si inneggia in sintagmi dilaccati, del degrado e della decomposizione estetica rimangono il suono del vento il tramonto le stelle e il silenzio -pure quelli all’imperfetto, del resto. Enti e vocaboli fuggevoli e minimali, siano pur manieristici e pascoliani -che forse si sta cercando di rivitalizzare in un determinato modo. Ah, a proposito: Pascoli era un grande poeta (oltre che un uomo anche lui macchiato dalla colpa, inespiabile per il modernista medio, di essere uno “studioso del mondo classico” e il primo e forse unico teorizzatore del verso libero che l’Italia abbia in un certo periodo storico): forse ricordarselo ogni tanto fa bene alla salute, con buona pace di troppi, altrettanto grandi, che per necessità storica dovettero all’epoca seppellirlo.

    E comunque il fatto che in un gruppo di quattro poesie almeno un solo verso, per citare quello che dici tu stesso, riesce a bloccarti “davanti allo schermo, come uno scemo, come un bambino sorpreso sul fatto”, mi sembra già qualcosa, di questi tempi.

    Quanto all’imbrigliamento, si potrebbe forse magari pensare che dietro la sua forma verbale si annidi una sua dimensione ontologica, ma non voglio dilagare e non voglio annoiare più di quanto non abbia già fatto.

    Voglio solo precisare un’ultima cosa. Io non sono affatto refrattario ad accettare la possibilità che qualcosa che faccio, qualche mia “composizione”, non sia buona o meriti di essere criticata e se necessario smantellata. Quello che dà abbastanza fastidio è essere considerato in modo unilaterale (classicista manierista azzeccasillabe e azzeccagarbugli), e di essere aggredito, di conseguenza, da gente che spesso mostra a chiare lettere di non sapere di che cosa si sta parlando. Fra l’altro, io a questa gente, deliberatamente ignara e colpevolmente ignorante perfino dei fatti di casa propria (un versificatore atono, più che atonale, e poi un editor -da principio nemmeno chiamato in causa!- di una certa casa editrice, il quale non sa nemmeno che le traduzioni pubblicate dalla sua stessa azienda nascono alineari negli anni ’50-’60 per reazione alle traduzioni esametriche malmesse di Romagnoli) ho risposto con cose che si possono qualificare almeno per comodità espositiva “poesie” in “versi”. Non ho piazzato insulti gratuiti.

    Ma questo è un mio modo di vedere, tanto sindacabile e astruso quanto (in ogni caso) ininfluente.

  8. Emanuele Maggio il 10 gennaio 2013 alle 04:41

    Sono perfettamente d’accordo con praticamente tutto quello che dici. Poiché recentemente ti hanno attaccato nei commenti, hai probabilmente letto un po’ di acredine anche nel mio. Ma assolutamente si trattava solo di una distaccata critica (nel senso di parere, ovviamente, lungi da me la recensione, che vadano ammazzati i recensori). Assolutamente d’accordo sulle avanguardie e sulla necessità di un loro “superamento”. Il problema è se quest’ultimo debba o non debba essere “lirico”, soprattutto nel senso classico del termine. Ma non è neanche tanto questo. Mi riferisco proprio al componimento come gabbia, la forma che avviluppa il contenuto e inesorabilmente lo influenza e lo svilisce a musicalità invece che a musica. La musica, secondo me, è solo in quel verso che mi è piaciuto e ho segnalato. Inoltre con “manierismo pascoliano” non mi riferivo a Pascoli, ma ai suoi epigoni che appunto scrivono “alla maniera” di Pascoli (lui sì, originale – e originale è sinonimo di autentico, non di nuovo) cioè a tutti coloro che oggi chiamano buio il buio e silenzio il silenzio, e intorno aggiungono un’aura di mistero, o dicono tramonto per dire tramonto con intorno una sognante sospensione, ottenendo soltanto la prosecuzione anonima di un canto già cantato in un particolare periodo storico in un particolare modo con una particolare “funzione estetica” (appunto dai Pascoli e dagli Ungaretti), e che è inutile ricantare ancora rimescolando sempre la stesse parole in altra forma, così come la poesia destrutturata-asintattica-atonale non è che una prosecuzione anonima dell’esaurimento nervoso di Sanguineti o dell’Urlo di Ginsberg, in un delirante quanto inutile oramai collàge di massa di sfoghi privati, con la stessa dignità letteraria di uno sputo per terra, fatto qui, ora, da me, davanti al computer. Personalmente ritengo che oggi la poesia abbia posto soltanto come rapimento lirico interno alla prosa, strutturalmente più aperta, più problematica. In ogni caso preciso che non sono nessuno per “criticare” la poesia altrui, non voglio stancarti, non devi certo giustificarti con me delle tue scelte stilistiche. Ti informo inoltre che già ti conoscevo per la tua ottima traduzione dell’Iliade, poema che lessi anni fa in un’altra edizione e non era assolutamente così bello.

    • daniele ventre il 10 gennaio 2013 alle 11:27

      Vorrei che fosse chiaro: il mio tono di acredine non era diretto a te. Purtroppo quando si crea un certo clima è difficile sedarlo.

      C’è da dire che qui volutamente ho messo un certo tipo di cose.

      • dod il 10 gennaio 2013 alle 11:33

        ho capito bene daniele, non preoccuparti: mi faceva solo piacere inserire qualche verso per sottolineare la nostra differenza di visione sulla poesia e la cultura in generale (confrontandoci anche con durezza ma senza scadere sul personale)

        • daniele ventre il 10 gennaio 2013 alle 11:54

          vedi se riconosci la ballata, frattanto

  9. dod il 10 gennaio 2013 alle 10:44

    da “Confessioni di un versificatore atono” :)

    a cosa servono queste indicazioni
    per realizzare una poesia poeticamente poetica
    ecco una lista iniziale di frammenti da utilizzare
    tu ancora oltre senza soltanto un po’ meno temo
    desiderio divenire nel vuoto greve manca io la vedo
    come se tutto non è possibile solo quando sognavo
    di essere la nebbia e la notte non c’è nessuno scampo
    nemmeno qui eppure magari e invece dunque sente
    in sé un’illusione dell’attesa così nel buio rattrappito
    o se la luce trovi qualche senso più nuovo il tormento
    te lo dicevo io dentro ascolto che adesso è il tempo
    lascia un commento
    un unico grande ronzio continuo
    deterge e profuma tutta la casa
    ecco un endecasillabo perfetto
    anche quest’ultimo verso è un endecasillabo perfetto
    quello dopo invece no
    e neanche questo
    e neanche questo
    e neanche questo
    e neanche questo
    e così via

  10. daniele ventre il 10 gennaio 2013 alle 11:49

    la perturbazione atmosferica si sgranava
    verso le alpi cozie in lande di intrapresa
    e di sviluppismo per gli economisti non è
    che se uno suona il requiem del rigorismo
    automaticamente lo spread si riduce
    servono mucolitici che mi liberino
    il naso tappato per tutta la notte
    così dormo

    segnala i versi un po’ troppo scanditi

    il ministro degli interni personaggio lombrosiano
    era un po’ nauseato depresso
    non aveva nessuno da far manganellare
    per farlo parlare

    è il disagio giovanile
    i figli cadono nel mutismo

    basterebbe una telefonata
    a quel commissariato vicino la scuola per
    l’intuizione di neppure
    se l’Armada una grossa
    fetta di Afghanistan o di Golfo Persico
    bum bum bum bum bum bum bum bum bum (zang tumb tuuuum)

    ovviamente

    dài dài dài dài ah ah ah ah sì sì sì

    (DONNA DI MEZZ’ETA’: posso ordinare quel che ha preso
    la signorina?)

    che del tutto forse
    non siamo troppo pochi ma nemmeno troppi forse
    per chi proprio non lo sapesse come si deve
    e cambia il vento ma noi no
    e se la raccontiamo un po’
    agli elettori (lo si sa)
    è una mancata verità che prima o poi si avvererà
    bum bum bum bum bum bum bum bum bum (zang tumb tuuuum)
    che poi in questa congiuntura ma
    soprattutto ti quanto è lo sconto
    e lo scotto
    se mi scotto
    rimango indeciso (italo amlieto)

    sì mi piace il teatro di Benni
    (qui non scherzo -non proprio del tutto se)

    vi ricordiamo che secondo il bando
    i versi delle poesie non devono
    mai rispettare la legge bi Bembo
    (in culo alla legge)

    to’ l’ho rispettata giuro non volevo non volevo
    poi il secondo verso in quarta c’è solo
    la preposizione articolata (eliminato, raus!)

    ok allora basta
    elencare alcune delle proteste
    che riteniamo banali

    • dod il 11 gennaio 2013 alle 10:00

      sono confuso da tanto interesse :D le tue ironie ci stanno, eh, solo che nelle mie composizioni si tratta di montaggio di frammenti preesistenti, quindi è proprio la percezione di queste banalità, della sclerotizzazione del linguaggio, dell’oblio dell’illusione del segno ciò che provo ad attivare



indiani