Napoli — La città della scienza


antonio sparzani

Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato anche due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia, pubblicato presso Mimesis. Ha curato anche il carteggio tra W. Pauli e Carl Gustav Jung, pubblicato da Moretti & Vitali nel 2016. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno. 

Tags:

  5 comments for “Napoli — La città della scienza

  1. viola
    6 marzo 2013 at 11:07

    Per contribuire alla ricostruzione di Città della Scienza è disponibile il conto corrente, intestato a Fondazione Idis Città della Scienza, IBAN IT41X0101003497100000003256. Causàle: «Ricostruire Città della Scienza».

  2. véronique vergé
    6 marzo 2013 at 12:04

    Un dolore immenso. Chi ha acceso l’incendio ha distrutto la speranza, la bellezza che i Napoletani avevano investito in questo luogo.

    Ieri ero in rabbia, oggi sento in me una tristezza che tutti provano davanti alla brutezza di un luogo ferito.

    Ogni luogo è anima di chi vive. Oggi si considera la presenza di un corpo mutilato, annerito.

    Consiglio di ascoltare le parole di Roberto Saviano su questo incendio.
    Attraverso le sue parole, scandite di silenzio, si sente tutta l’anima bella di Napoli, la sua pena e la sua speranza.

  3. Mónica Flores
    7 marzo 2013 at 03:07

    Grazie di aver condiviso questo intervento di Roberto, Antonio…io sono ancora sconvolta, le immagini erano terribili…e sentire la parola “doloso” quasi come sicura pure…

  4. 7 marzo 2013 at 09:02

    Mentre ci affanniamo a capire chi dovrà governarci, c’è qualcuno che “governa” al posto nostro.

  5. 8 marzo 2013 at 11:43

    è un tempismo fuorviante,col conclave alle porte e le elezioni alle spalle.Una matrice luddista in maschera,o il corrispondente simbolico del rogo che distrusse le biblioteche di alessandria e timbuctù.Di sicuro niente da sottovalutare

Comments are closed.