10 Responses to Saffo – due frammenti finora sconosciuti*

  1. vocativo il 4 febbraio 2014 alle 19:52

    L’inizio della seconda strofe del secondo frammento prometterebbe bene, se il testo non fosse compromesso.

  2. diamonds il 4 febbraio 2014 alle 21:44

    il combinato disposto del tutto avrebbe potuto fungere da motivo ispiratore per un frammento tratto da “una questione particolare” di Beppe Fenoglio(e,diciamo,del romanticismo pre e postmoderno):
    —-

    Sogguardo` Milton che stava a testa bassa e distolta,rivolta al fiume lontano,acqua grigia tra sponde sbianchite.
    “Mica varco l`oceano”,gli mormoro`.
    Ma lo varcava,se lui sentiva affondarglisi nel cuore i becchi di tutti i gabbiani.(ok,c`e` un filologo in sala?)

  3. Davide il 5 febbraio 2014 alle 17:03

    E’ come se in quel “mai di pensero muti” si sentisse assieme e il silenzio e il trillo (oggi sarebbe probabilmente il trillo di un cellulare).

  4. Mónica Flores il 8 febbraio 2014 alle 13:50

    Grazie mille della traduzione, Daniele! :)

  5. Anatoli Velitchko il 10 febbraio 2014 alle 10:56

    Mi sono riferito a Lei a proposito della mia traduzione in lingua russa del primo frammento, per la quale mi ero appoggiato alla Sua versione del testo. Grazie mille per il Suo lavoro! Cordialmente, Anatoli

    • daniele ventre il 10 febbraio 2014 alle 17:08

      Grazie a lei per l’attenzione :)

  6. Massimiliano il 14 febbraio 2014 alle 22:26

    Ricevo oggi dall’amico Yorgos Blanas, poeta fra i migliori di oggi, la sua traduzione in greco moderno dei due frammenti. Ne faccio omaggio a Daniele Ventre, che spero vorrà apprezzarli:

    Όσο γι’ αυτές τις φήμες που μου λες -πως τάχα φτάνει
    απ’ ώρα σ’ ώρα ο Χάραξος με φορτωμένο πλοίο-
    εγώ σου λέω πως είναι υπόθεση του Δία και των θεών.
    Πάψε, λοιπόν. Καλύτερα
    να με προτρέπεις να προσεύχομαι συχνά στην Ήρα
    τη βασίλισσα να φέρει σώος σώο το καράβι
    ο Χάραξος και σώους να μας βρει.
    Τ’ άλλα ας τ’ αναθέσουμε στην εύνοια των θεών·
    γιατί μετά την μπόρα, έρχεται αμέσως ξαστεριά.
    Κι αυτοί, που θέλουν οι ολύμπιοι θεοί
    να βγάλουν απ’ τις συμφορές,
    μακάριοι γίνονται, πανευτυχείς.
    Όσο για μας, αν [βάλει
    μυαλό] ο Λάριχος και γίνει κάποτε άντρας,
    μεγάλο πρόβλημα θα έχουμε λύσει.

    *

    Πώς να μην τρελαθεί,
    βασίλισσά μου Κύπρις,
    αυτός που προσδοκεί
    να ’ρθει κοντά του πάλι
    το πλάσμα που ποθεί;

  7. daniele ventre il 15 febbraio 2014 alle 13:55

    Bellissimo! Grazie :)

    • Massimiliano Damaggio il 16 febbraio 2014 alle 14:46

      Ci ho messo un po’ per leggere quelli in greco antico, ma alla fine ce l’ho fatta. Un po’ significa tre giorni. Mi sono aiutato con il greco moderno. E’ sorprendente quanta continuità vi sia fra le due lingue, quanto una sia davvero pronipote dell’altra. E’ emozionante. Per questo essere greci significa anzitutto appartenere a una lingua.

  8. Tων αδελφών | Ms Poetry il 27 marzo 2014 alle 20:17

    […] Ι fratelli di Saffo trad. isometra di Daniele Ventre […]



indiani