I poeti appartati: Camillo Sbarbaro

16 febbraio 2014
Pubblicato da

Adesso che placata è la lussuria
Adesso che placata è la lussuria
sono rimasto con i sensi vuoti,
neppur desideroso di morire.
Ignoro se ci sia nel mondo ancora
chi pensi a me e se mio padre viva.
Evito di pensarci solamente.
Ché ogni pensiero di dolore adesso
mi sembrerebbe suscitato ad arte.
Sento d’esser passato oltre quel limite
nel qual si è tanto umani per soffrire,
e che quel bene non m’è più dovuto,
perché soffrire della colpa è un bene.

Mi lascio accarezzare dalla brezza,
illuminare dai fanali, spingere
dalla gente che passa, incurioso
come nave senz’ancora né vela
che abbandona la sua carcassa all’onda.
Ed aspetto così, senza pensiero
e senza desiderio, che di nuovo
per la vicenda eterna delle cose
la volontà di vivere ritorni.

Camillo Sbarbaro, Raccolta / Canzoniere: PIANISSIMO (1914)

Tag: , ,

2 Responses to I poeti appartati: Camillo Sbarbaro

  1. daniele ventre il 16 febbraio 2014 alle 22:27

    Sbarbaro, estroso fanciullo… :)

  2. sparz il 16 febbraio 2014 alle 23:15

    grazie proprio, Fra’, un balsamo, stasera.



indiani