4 testi da “Maniera nera”

15 settembre 2015
Pubblicato da

di Marco Giovenale

 ¤

 

Dissenso

dieci decimi (sezioni, sono,

dissezioni).

 

Non tiene per nessuno

in particolare, particola, è

tenuto, tenuta, piega

piegata: fiuta il fiume

 

(sa la casa)

 

*

 

Quasi-cit.

 

(cosa c’è qui dentro)

 

 

nodo (uno) quasi dove

per diversione stessa

«il dolore dà fame a sé»

da sé diverso cane

che a muso preso cerca nella cesta

in basso, dove la materia morta

è stata nascosta

e se ne imbratta

e ne riporta

 

*

 

riscatti

a C.

 

 

Pezzi di primi

documenti vagano e valgono

in altri, successivi,

seminativi, hanno

la coda viva quando è morta

la testa, da un pezzo proprio

non censito, amato mancante

dalle altre carte, che le serpi

ci si girano di scatto tu

non ritrai l’ombra in tempo

 

*

 

Due figure vengono e due vanno.

 

A feste, alle alberate (nome come

un altro) –

finiscono dove

finiscono loro, se pure è,

se è così, al curvamuro, a quello

 

strano aggettare del palazzo

da dove (verso dove) danno

ombre loro che sono, come devono,

ombre soltanto, piene per mattina

di notte, non simili, e simili

 

appaiate, appena

 

(Aragno, collana ‘i domani’, 2015)

Tag: , , ,

5 Responses to 4 testi da “Maniera nera”

  1. diamonds il 16 settembre 2015 alle 06:11

    Il lago: la sua capacità di aspettare supera il desiderio di arrivare fino al mare
    (Fabrizio Caramagna)

  2. […] Grazie a Nazione indiana e ad Andrea Inglese per l’ospitalità ad alcuni testi da Maniera nera: https://www.nazioneindiana.com/2015/09/15/4-testi-da-maniera-nera/ […]



indiani