Tutti i ragni 8 – Ragni da climi caldi

4 maggio 2016
Pubblicato da

di Vanni Santoni

8male-wolf-spiderDiversi anni più tardi sono al matrimonio dello Staderini, ormai stabilmente texano. Si sposa con un’ingegnera indiana del suo dipartimento e il matrimonio è in India.

Dopo una prima fase in un resort ci spostiamo su traballanti autobus fino alla giungla del Kerala, dove abita la famiglia della sposa. Ci danno dei bungalow che sono di fatto delle palafitte senza pareti. Cavallette grandi come gattini solcano l’aria e atterranno sull’impiantito e sulle persone. Non tutti apprezzano. Mi informo se ci siano ragni. La padrona di casa mi dice che c’è una tarantola in bagno, dice che le piace lì, perché è più caldo. La guardo negli occhi e capisco che sta scherzando, che fa dell’ironia sul panico che ha colto molti degli invitati occidentali. Eppure, quando rientro, racconto della tarantola agli altri ospiti, serissimo.

Ma se ne sta buona nella sua tela, compa’?, fa un ingegnere elettronico di Gravina (e Houston).

Magari! È una predatrice notturna. Mobile. Rapida.

Aggressiva, compa’?

Forse mi sbaglio, ma credo sia pure di quelle che scagliano gli aculei…

Il ragno che ho creato passa di bocca in bocca, acquista sostanza. C’è chi va in bagno col cappello e chi portandosi dietro una rivista arrotolata o uno  scacciamosche; in capo a qualche giorno c’è chi giura di averla vista passare tra il cesso e la doccia. Se ne parla: c’è chi ne descrive i balzi, chi ne approssima le dimensioni con le mani. Mai visto niente del genere, compa’.

Io stesso mi scopro a pisciare a occhi chiusi – io! – e allora apro gli occhi, ridacchio tra me, eppure, lì al buio, in un angolo di quel vespasiano tropicale, forse…

Deserto tra il Portogallo e la Spagna, lago di Idanha-a-Nova, terzo o quarto giorno di un festival goa. Mattina colorata di psicotomimetici, di luce che passa attraverso il nylon della tenda dove già si disegnano motivi aztechi, frattali, volti autoricombinanti, mentre apro gli occhi dopo quello che a stento può essere definito sonno. Sole alto sull’isola, lo si vede bianco attraverso il nylon, i battiti della pista principale una emanazione sintetica che non si slega dall’acqua del lago, dalla sabbia, dalle voci che si chiamano qua e la, dalle ragazze dai capelli colorati che fanno il bagno, dal mio svegliarmi. Irraggiante sulla parete dove c’è la zip, enorme un ragno. Guardo sulla tenda quella tegenaria portoghese che si gode l’umido caldo del mio interno tenda, della mia febbre enteogenica. Cerco un pezzetto di carta; non ce ne sono.

Allora apro la zip, la raccolgo con le due mani, la metto fuori e la guardo sgambettare via; poi tiro un grido al mio compare nella tenda di fronte:

Ohe’.

Che c’è?

Sapessi cosa mi è successo.

Cosa?

Ma niente… Latte ne abbiamo ancora?

Primo capitolo

Secondo capitolo

Terzo capitolo

Quarto capitolo

Quinto capitolo

Sesto capitolo

Settimo capitolo

L’intero ebook è scaricabile QUI.

 

Tag: , , ,

2 Responses to Tutti i ragni 8 – Ragni da climi caldi

  1. Enzo Paolo Baranelli il 5 maggio 2016 alle 12:06

    Ottima idea, progetto sviluppato splendidamente ed eccellente risultato, ormai Santoni – scrittore, direttore di collana, scout, autore in collettivo, editor – sa davvero come scrivere e, soprattutto, diffondere letteratura in maniera tale che, alla sua età, credo nessuno arrivi a fare – poi ci sono altri buoni e validissimi scrittori e divulgatori.

  2. […] su Nazione Indiana, delle ultime tre parti della saga di Tutti i ragni (sesta, settima, ottava; dall’ottava può essere scaricato l’e-book […]



indiani