Diari di maggio. Prescrizioni sanitarie e mutazioni del corpo (1/2)

Testimonianze informali riscritte e disegnate da Elena Tognoli

 

1 maggio
Antonia (Il nuovo rumore delle gambe)
“Stamattina sono uscita a fare due passi, le mie gambe non sono più le mie gambe, sono gambe di legno, di burattino, gambe di comodino; ad ogni passo picchiettano sull’asfalto, bacchette senza tamburo.”

2 maggio
Lorena (la presa di contatto)
“Stando così … come dire? … circoscritti, è inevitabile prendere contatto, anche solo per sbaglio, con qualcosa di sé, rimanere bloccati in una postura scomoda.”
3 maggio
Gilles (la solitudine dei disinfettanti)
“Al supermercato, nei negozi, in ufficio, i dispenser igienizzanti mi fanno sentire lontano, non saprei dire se solo, di sicuro lontano.”

4 maggio
Tina (la vanità dei passi)
“Io e mio figlio siamo andati al parco e ci è venuta voglia di camminare a piedi scalzi (non sapevo se si poteva ma l’abbiamo fatto). La terra mi sembrava molle e fragile e i miei piedi orribili, come se calpestando il suolo potessi uccidere tutto.”
5 maggio
Appio (… )
“Sento che qualcosa di me sta diventando bianco, sto rimanendo nel marmo, non posso farci niente”

6 maggio
Felicitas (la ricrescita)
“Sì, lo so che adesso si può uscire. Preferisco sporgermi, preferisco i davanzali.”
7 maggio
Gherardo (le città fuori misura)
“Ho ripreso a camminare e mi sembra che tutto sia diventato fuori scala (i gradini, i marciapiedi, i passaggi pedonali, …) rispetto alle mie gambe rimpicciolite e moltiplicate, al mio passo da insetto.”
8 maggio
Armida (il sistema nervoso rosso)
“Dentro mi si è accesa una lampadina rossa, fa luce come una sirena d’allarme”
9 maggio
Berenice (la normalità del gusto del sangue)
“Ho pensato che anche le cose più brutte poi diventano normali, e che per strada quello che prima era normale oggi mi sembra strano, e che forse allora è importante stare allerta perché certe cose rimangano sempre strane, cioè inaccettabili.”
11 maggio
Eloise (la nostalgia delle Alpi)
“Ho sempre avuto le idee chiare perché per me, per la mia generazione, è stato bello e facile spostarsi attraverso tutte queste lingue. Adesso, però, ho una strana sensazione d’Europa, quantomeno confusa, quasi mi spaventa quello che penso.”
12 maggio
Aboubacar (battiti intercontinentali extrasistole)
“…”

  1 comment for “Diari di maggio. Prescrizioni sanitarie e mutazioni del corpo (1/2)

  1. Giuseppe Cerrone
    21 Maggio 2020 at 18:11

    Complimenti Elena.
    Un’esuberante galleria di forme patafisiche, un’esaltante commedia dell’arte
    attraversata da esistenze vertiginose che, personalmente, porterei in teatro.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *