Contro gli scrittori civili

di Christian Raimo

Ad un certo punto, giusto a venti pagine dalla fine del suo libro Il ponte, Vitaliano Trevisan enuncia senza volerlo qual è il peccato originario di questo romanzo. Dice: “Se Pasolini si fosse scagliato anche contro la madre, probabilmente non sarebbe stato fatto oggetto del processo di beatificazione al quale è sottoposto ormai da anni, cosa che in fondo sortisce l’effetto di disinnescarlo e renderlo inoffensivo”.… Leggi il resto »

L’altare della specie, e altre

di Maria Grazia Calandrone 

L’ALTARE DELLA SPECIE
Era facile amarla ma era destinata
ad andarsene frettolosamente e insieme ad aderire
a certi preparativi che gli indizi rivelano
meticolosi. Di pomeriggio si prendeva cura del giardino
in silenzio. Non capivamo quello che pensasse, era
tranquilla.… Leggi il resto »

‘A67: Voglie parla’

 

 

 

 

 

 

 

Voglie parla’. Contro la camorra e tutte le mafie.
Un progetto di divulgazione scolastica con il patrocinio di “Regione Campania”, “Libera” e “Amnesty International” e la partecipazione di Amato Lamberti, Nando Dalla Chiesa e Roberto Saviano.

Leggi il resto »

Poesia (semplice) d’amore


di
Francesco Forlani

Adesso che paura di morire non mi segue
Come la ruggine sul ferro e pare intenso
Il salvamento dall’inceppo, dall’attracco

Che il core non mi esplode in petto
La saliva in bocca, il turbamento
Perfino il dolore di perderti mi solleva… Leggi il resto »

Montalbano e la Sirena

di Linnio Accorroni
“Ma poi che gambe, che classe, che gambe! Anche se ce l’ha storte, è troppo sexy e bello! Che mi frega a me se non ce l’ha i capelli. Me lo porterei a casa e butterei via le chiavi: soli io ed il mio Montalbano bello.” Così, dietro a me, mugolava tra il deliquio e la trance erotica, una signora senz’altro âgée, con pelliccia rigorosamente da prima ( così faceva anche la sua mamma, del resto): ‘A teatro sempre con la pelliccia’ anche quando, fuori dal teatro, come quella sera, lo scirocco appiccicoso segnalava l’incongruente dolcezza di una primavera in pieno gennaio).… Leggi il resto »

Résistance

de Philippe Roux

Du mythe positif
Tout d’abord il faut penser qu’il y a une confusion entre le mot de « résistance » et l’acte.
D’où la nécessité de l’analyse du poème Victoire de Pasolini ainsi qu’un de ses rares corollaires cinématographiques : L’armée des ombres de Melville (1).… Leggi il resto »

Autogrill NI-GLOBAL

di Valter Binaghi

Adattato da: V. Binaghi, I 3 giorni all’inferno di Enrico Bonetti, cronista padano, Sironi Editore, in uscita in tutte le librerie.

Satana nel terzo millennio sarebbe traffico di carne umana? Niente male.
Ma anche il mercato del lavoro, non scherza.… Leggi il resto »

La politica nella blogosfera italiana – uno studio esplorativo di Giuseppe Veltri

[A febbraio 2007 Giuseppe Veltri mi ha gentilmente messo a disposizione una bozza avanzata della sua indagine sui rapporti tra politica e blog in Italia. Dalla lettura sono nate delle domande, sui blog e sulla rete in generale, a cui ha gentilmente risposto.]

Domanda: Nel tuo studio esplorativo “La politica nella blogosfera italiana” analizzi la rete dei blog per scoprirne la dimensione di nuova sfera pubblica, di spazio politico.… Leggi il resto »

Mammifero italiano

 di Matteo Di Gesù

Fu Italo Calvino il primo a ponderare sin dai suoi esordi, e dunque in tempi non sospetti (ovvero ancora immuni dagli attuali rischi di una banalizzazione conseguente a questa tardiva ‘scoperta’ da parte di frotte di lettori e critici) tutta la consistenza politica della scrittura di Giorgio Manganelli: «La mia impressione», scriveva Calvino già a proposito del Discorso sulla difficoltà di comunicare coi morti (testo poi inglobato in Agli dei ulteriori), anno di grazia 1965, «è che l’antistoricismo di Manganelli e il suo imperturbabile gusto del rigore intellettuale siano una sfida, un pungolo, molto più utili di quel vago escatologismo millenaristico che da più parti viene spacciato per storicismo».… Leggi il resto »

Complementarità e dintorni 5

di Antonio Sparzani

l’ultima puntata, che potete trovare qui, si concludeva così:
“E il difficile era, naturalmente, trovare quest’altra idea, più debole sì di quella di orbita, tuttavia sufficientemente forte da poter ancora fare un po’ di fisica.”

L’idea da trovare naturalmente non era una sola, ma non si poteva neanche immaginare e costruire la teoria tutta insieme d’un botto, tutto va avanti un po’ alla volta.… Leggi il resto »

Da “Meccaniche”

Di Adriano Padua

MONITOR
Fosforescenze. Da cielo a cielo.

gli automatismi delle reazioni
i vuoti e i pieni nel bicchiere rotto
le possibilità non attuabili
i sintomi del buio gli occhi aperti
sul gioco fuoco che trasforma i tratti
dei corpi inerti e disfa la materia
nel volgere gli stati di coscienza
condensa i sensi e condiziona i battiti
del cuore nelle valvole s’addensa
sottocutaneo grumo agglomerato
ai globuli di sangue nei coaguli
di questa emorragia nel centro della
notte sopravvolata da elicotteri
che entrano con dio in contraddizione… Leggi il resto »

Sanremo fase 2 e fase 3

di Cristiano de Majo

Sono le 23:00 e a un centinaio di metri dal teatro Ariston, in piazza Colombo – diciamo pure la piazza principale di Sanremo –, si aggirano una trentina di persone, qualche famiglia con carrozzino, un paio di vecchietti, ma soprattutto immigrati: est europei, nordafricani.… Leggi il resto »