Tag: italo testa

Decimo quaderno a Bologna

La Libreria delle Moline

è lieta unitamente a

Marcos y Marcos editore

di invitarti alla presentazione del libro

POESIA CONTEMPORANEA
Decimo Quaderno Italiano

a cura di Franco Buffoni

Sette giovani autori di poesia italiana contemporanea:

Corrado Benigni, Andrea Breda Minello, Francesca Matteoni, Luigi Nacci, Gilda Policastro, Laura Pugno, Italo Testa

Dialogheranno con loro

Vincenzo Bagnoli e Loredana Magazzeni

Venerdì 25 febbraio 2011
alle ore 18.00
Leggi il resto »

LETTURE A MILANO

di Franco Buffoni

A Milano, sabato 26 febbraio, ore 16.30,
Palazzo Sormani-Sala del Grechetto,
via Francesco Sforza 7,
 
incontro con
 
Guido Mazzoni (I mondi, Donzelli, 2010).
 
e
 
Italo Testa (La divisione della gioia, Transeuropa, 2010).
 
 
Partecipano, con gli autori, Franco Buffoni Massimo Gezzi 
 
Biblioteca Sormani – Comune di Milano – Assessorato alla Cultura… Leggi il resto »

La divisione della gioia

di Italo Testa

I. UN LUOGO QUALUNQUE

o sulle poltrone in prima fila,
davanti a un sipario grigio
segui in allerta la scena vuota,
come una macchia nera in un quadro
lo spazio deserto ti incornicia:

è stato sulle scale, il gradino
lucidato dai passi anonimi,
l’ombra obliqua che taglia lo stipite:… Leggi il resto »

Roma e Decimo Quaderno a Succursale mare

Venerdì 4 giugno, ore 21

alla Galleria Studio 44 – Vico Colalanza 12r, Genova

nell’ambito della seconda edizione di “Succursale mare” a cura di Luciano Neri

interverranno

Franco Buffoni – “Roma” (Guanda, 2009)

Italo Testa, Francesca Matteoni, Gilda Policastro, Andrea Breda Minello e Corrado Benigni – “Decimo quaderno italiano di poesia contemporanea” (Marcos y Marcos, 2010)

Conduce Luciano NeriLeggi il resto »

“Versodove” numero quattordici

di Stefano Semeraro

Bentornati.
Se negli ultimi otto anni non vi è più capitato di leggere Versodove, e vi state chiedendo perché, tranquillizzatevi, non è stata colpa vostra: ce n’eravamo andati noi. Un po’ per stanchezza, un po’ perché pensavamo che le cose belle e divertenti (e Versodove era, e sarà, bello e divertente) a un certo punto finiscono.… Leggi il resto »

Mia madre

di Christophe Tarkos

(da : Oui, Al Dante Marseille, 1996, ristampato in Id., Écrits poétiques, POL, Paris, 2008)

traduzione di Italo Testa

Mia madre è un uomo è falso. Mia madre non è un uomo. Mia madre è una donna. Una donna non è un uomo.… Leggi il resto »

da “canti ostili”

di Italo Testa

strangeways, here we come arriviamo su vie strane, amici e non c’è un veliero ad attenderci, arriviamo a forza di braccia, arriviamo e scivoliamo, respirando oltre, stendendoci sulle assi del ponte; allarme, ad ogni ora il mare si gonfia abbassa una benda alla bocca; ogni istante animali urlano: teniamo un cofanetto tra le mani per conservare i resti, la traccia, il setto vitale, la minaccia delle falangi che cadono.… Leggi il resto »