Giornalismo e verità. Programma

giornalismo.jpg

Sabato 19 febbraio 2005

NAZIONE INDIANA organizza una giornata d’incontro con voci libere e tenaci del giornalismo d’inchiesta.
A cura di Carla Benedetti, Jacopo Guerriero, Roberto Saviano.

Teatro i, via Gaudenzio Ferrari 11, 20123 Milano – ingresso da Conca del Naviglio – Tel. 02.58319484.
MM2 S. Agostino, MM2 Porta Genova – Tram 2, 14 – bus 94.

ore 9.30

Francesco Vignarca : Armi e mercenari.

Roberto Saviano : Camorra e imprenditoria criminale.

Gianni Saporetti : Un’altra pratica di giornalismo, l’esperienza della rivista “Una città”.

Umberto Lucentini : Storie di Cosa nostra oggi.

Angelo Miotto : Le notizie che non passano.

DICUSSIONE

ore 15

Peter Gomez: Meandri della prima e seconda repubblica.

Riccardo Orioles: Cosa nostra e il ruolo del giornalismo d’inchiesta.

Emiliano Fittipaldi: Il nuovo giornalismo d’inchiesta.

Lorenzo Fazio, direttore della collana BUR.

Antonella Tarpino, editor di Einaudi.

DISCUSSIONE

Interverranno nella discussione: Carla Benedetti, Jacopo Guerriero e altri collaboratori di Nazione Indiana.

Notizie sui partecipanti

Francesco Vignarca , autore di Mercenari S.p.a, Bur, 2004, coordinatore nazionale della Rete italiana per il disarmo.

Roberto Saviano, scrive su “il manifesto”, e l’inserto campano del “Corriere della sera”. Collabora a Nazione Indiana. Un suo testo, “Annalisa. Cronaca di un funerale” è uscito su Best off, a cura di Antonio Pascale, minimum fax, 2005.

Gianni Saporetti, coordinatore del mensile “Una città”.

Umberto Lucentini, autore di Paolo Borsellino, San Paolo, 2004, lavora per il “Giornale di Sicilia”.

Peter Gomez, coautore assieme a Marco Travaglio di Regime, BUR, 2004. Lavora per “L’’Espresso”.

Riccardo Orioles è stato tra i fondatori del settimanale “Avvenimenti”, con Pippo Fava (giornalista ucciso dalla mafia nel 1984) ha condiviso l’esperienza de “I Siciliani”. Cura in rete ” La Catena di San Libero”, un notiziario gratuito.

Emiliano Fittipaldi, coautore assieme a Dario Di Vico di Profondo Italia, BUR, 2004. Lavora per la pagina economica del “Mattino”.

Angelo Miotto lavora a Radio Popolare. Sta preparando con Gigi Gherzi e Matteo Scanni un saggio sulle notizie accantonate dal circuito dell’informazione.

Lorenzo Fazio, direttore della collana BUR.

Antonella Tarpino, editor di Einaudi.

3 Commenti

  1. OFF TOPIC
    Gentile Redazione, mi piacerebbe segnalarvi di tanto in tanto qualche mio scritto e/o intervista che per i contenuti possa interessare nazioneindiana. Mi dareste gentilmente un indirizzo e-mail (ché non lo vedo indicato nel vostro sito) a cui inviare detti materiali?
    Vi ringrazio e vi saluto,
    Paolo Izzo

  2. Naturalmente mi sono beccato una super influenza venerdì. Sgrunt avevo anche già il biglietto per il ritorno.
    Vabe’ prossima volta.

  3. Io c’ero! Bellissimo! Tutti ottimi, Saviano e Saporetti in testa. Ma anche gli altri, eh! No, bello. Fatene ancora vi prego – è da dodici anni che aspettavo una cosa come il teatro i. :-)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Lo Spost

Al posto dell'ombra di Lucio Saviani     Non poter essere mai in due luoghi contemporaneamente è ben triste. Ma dover essere sempre da qualche...

I poeti appartati: Nunzio Festa

Calipso. Che cos’è la vita eterna se non questo accettare l’istante che viene e l’istante che va? Che cosa  è...

Benzina verde

di Andrea Migliorini
Penso che la colpa fu di nostro padre. Quando gli disse: «Prenditela con lei, con tua madre. Io non c’entro».

Diario della pandemia dall’Himachal Pradesh #6

  di R. Umamaheshwari  R. Umamaheshwari è una storica e giornalista che vive in India. Ha pubblicato When Godavari Comes: People’s History of...

Lettere dall’assenza #5

di Mariasole Ariot
Cara L. Seduta sulle ginocchia dell’alba ho il volto rivolto ad est, ho sempre capito i segni cardinali, li sento nell’esofago, ti scrivo mentre la casa è un temporale.

Amicizia, ricerca, trauma: leggere Elena Ferrante nel contesto globale

L'opera dell'autrice che ha messo al centro l'amicizia femminile è stata anche veicolo di amicizia tra le studiose. Tiziana de Rogatis, Stiliana Milkova e Kathrin Wehling-Giorgi, le curatrici del volume speciale Elena Ferrante in A Global Context ...