Monthly Archives: agosto 2009

Istruzioni per l’uso di miracoli e tamburi

Pubblicato da
10 agosto 2009
Istruzioni per l’uso di miracoli e tamburi


di Giuseppe Rizzo

Scongiuravamo la neve per tre motivi: casa nostra sarebbe crollata, mamma sarebbe morta, papà l’avrebbe ammazzata. Era lei che desiderava la neve. Nelle baracche di Fondo Picone, al fiume Oreto, tutti sognavamo un tetto da quando Gesù aveva inventato le case popolari e il sindaco di Palermo le aveva distribuite come...
Leggi il seguito »

due passi ( fare )

Pubblicato da
9 agosto 2009
due passi ( fare )

Maria Grazia

Come sono sfacciate le rose come sono belle come sono
una efferata moltitudine le rose
ai confini del regno e sotto gli archi
dei paradisi le semprevive
rose – e diseguali
al cuore
disregnato perché
il cuore beve i fondi minerali
della pioggia e gli umori
beve
fino al bagliore della coppa –...
Leggi il seguito »

Fabrica di Fabio Franzin

Pubblicato da
9 agosto 2009
Fabrica di Fabio Franzin

"Fabbrica" di Arch. Giovanni Greppi

Fabrica (Atelier, pagg.96, euro 10,00) di Fabio Franzin, nato a Milano nel ’63 da genitori veneti, è una specie di bomba; un ordigno che preme dal cuore e dallo stomaco del poeta e che deflagra sulla pagina, narrandoci una storia, la propria, che è quella...
Leggi il seguito »

Napoli’s Trivial

Pubblicato da
9 agosto 2009
Napoli’s Trivial

di
Francesco Forlani

Se cerchi il silenzio te ne vai in campagna. Le città parlano. Sussurrano, gridano, fin dalle prime luci dell’alba. Anzi, pare che suonino. Ogni città ha lo stile inconfondibile di un vecchio musicista jazz, di una leggenda venuta da altrove – certamente una città, New Orleans,...
Leggi il seguito »

Il convito [Eracle #4]

Pubblicato da
9 agosto 2009
Il convito [Eracle #4]


di Ginevra Bompiani

In realtà non era venuto lì per banchettare. Doveva occuparsi del cinghiale; ma traversando la terra dei centauri si era fermato con loro, vinto dall’ospitalità. Gli avevano cotto le carni, che di solito mangiavano crude. Avevano conversato con lui, e messo a tacere la metà animale: per una volta che potevano...
Leggi il seguito »

le rire 1°: La vita del filosofo Kant

Pubblicato da
8 agosto 2009

©,\\’ Orsola Puecher

  Joseph Haydn [ 1732 – 1809 ]
dalla Sinfonia n. 101 in re maggiore, Hob. I: 101 “L’orologio”

 
   di Cesare Zavattini
 
   Quando a mezzogiorno preciso Kant usciva a prendere una boccata d’aria, i cittadini di Koenisberg regolavano gli orologi: Invece del colpo di cannone a Koenisberg c’era il critico della ragion pura. I forestieri, visitando Koenisberg non mancavano mai di assistere alla tradizionale uscita di Kant. Appena Kant socchiudeva l’uscio, i presenti applaudivano calorosamente: Kant, astratto e solitario, con un libro sotto il braccio, lento lento si avviava verso la circonvallazione. Continua a leggere »

Piazza Fuga

Pubblicato da
7 agosto 2009
Piazza Fuga

di Peppe Fiore

Quando facevamo il liceo nessuno di noi s’azzardava a parlare di rivoluzione, avevamo tutti cose più importanti da fare. Eravamo un gruppetto di sei o sette persone che si erano trovate insieme più che per affinità per una...
Leggi il seguito »

Fatima e il Brembo

Pubblicato da
7 agosto 2009

di Helena Janeczek

Aveva ventisette anni e il suo corpo è affiorato ieri sera dal fiume Brembo. È stata riconosciuta dal fratello che aveva denunciato la sua scomparsa. Mohamed poteva permettersi un comportamento secondo logica e legge, perché a differenza di Fatima, clandestina, lui, ventidue anni, era un extracomunitario regolare.…


Leggi il seguito »

Victor Baruch, La poetessa diffamata

Pubblicato da
7 agosto 2009

Intervista di Angelo Petrelli a Fabrizio Lelli.
La poetessa diffamata di Victor Baruch, Besa 2009.

Tradotto in italiano da Alexandrina Djeneva, La poetessa diffamata di Victor Baruch è stato recentemente pubblicato dalla casa editrice Besa. Il romanzo, ambientato nella quiete solenne del Monastero di Latrun, presso Gerusalemme, è la storia di uno scrittore ebreo bulgaro...
Leggi il seguito »

due passi (fare)

Pubblicato da
7 agosto 2009
due passi (fare)

Viola

Vendeva specchietti, lucciole e perline
(ma li vendeva lieve)
Lustrava reboanti panzane da lattante
(il desiderio onirico che vero fosse il magnifico)
Ruffiano, aduso a darlo via il sedere
(semplicemente quello era il suo mestiere)
Pensava di essere furbo
(come qualunque giocatore al gioco)
Grugno di similporco, neanche porco vero
(umano...
Leggi il seguito »

Train de vie

Pubblicato da
6 agosto 2009
Train de vie


Binario 24
di
Mario Schiavone

“Se ne va mamma gatta che ci tiene tutti al caldo nel suo ventre e arriva la bestia a sputare freddo e pioggia”, mi rivela Frank Barbery la sera del trentuno agosto, mentre cominciamo una partita a scacchi.…


Leggi il seguito »

Ore 8:15

Pubblicato da
6 agosto 2009


Leggi il seguito »

UNIONI CIVILI

Pubblicato da
5 agosto 2009

di Sergio Rovasio

Due coppie gay di Trento, una composta da due donne e l’altra da due uomini, che avevano aderito alla campagna di Affermazione Civile promossa dall’Associazione Radicale Certi Diritti e da Avvocatura lgbt Rete Lenford, si erano viste negare dal Comune di Trento le pubblicazioni matrimoniali e per questo avevano fatto ricorso al...
Leggi il seguito »

Catalunya #1

Pubblicato da
5 agosto 2009
Catalunya #1

di Antonio Sparzani

Costa Brava da Tossa de Mar a San Felìu de Guixols tornanti continui primo pomeriggio panorama mediterraneo mare blu ulivi pini scagliosi ed irti mirti divini pensieri che volano dappertutto senza punteggiatura senza barriere senza tabù le speranze più dementi i teatri più irrealizzabili quand’è mai che la mente rinuncia a...
Leggi il seguito »

Loca I: Poschinger Strasse, 1

Pubblicato da
4 agosto 2009

   di Giorgio Zampa

   “Per favore, può dirmi dov’era la villa di Thomas Mann?”, chiedo a una donna anziana che sta liberando dal ghiaccio un tratto di marciapiede, sul fronte della casa d’angolo fra la Poschinger Strasse e la Thomas Mann-Allee. La donna mi guarda con stupore.…


Leggi il seguito »

Pizzuto découpage

Pubblicato da
4 agosto 2009
Pizzuto découpage

di Domenico Pinto

«Erice, odoranti di salvia i suoi paradisi, ingiù dallo scosceso il mare cresputo immobile, terse come stoviglie le strade spirali, ingressi ed imposte chiusi, laddentro cortili dove minuscole lune l’acqua nei profondissimi pozzi in echi, ben...
Leggi il seguito »

Under Press

Pubblicato da
4 agosto 2009
Under Press

Ricevo Volentieri Pubblico (effeffe)

Considerazioni sul giornalismo politico e non solo
di
Alessandro Trocino1

Quanto ti pagano per fare un’intervista? Ti senti libero? Scrivi davvero la verità? Domande comuni, quando sei un giornalista, per di più del settore politico,...
Leggi il seguito »

New York, tornare a casa

Pubblicato da
3 agosto 2009
New York, tornare a casa

di Giampaolo Graziano

Arrivo a New York imbottito di letture, di blues ascoltato male, e di nostalgia vera per un luogo che non ho ancora mai visto. Arrivo in un tardo pomeriggio d’agosto, viaggiando dietro a un tramonto che si stiracchia per ore e non ne vuol...
Leggi il seguito »

L’infanzia delle cose: un estratto

Pubblicato da
3 agosto 2009
L’infanzia delle cose: un estratto

);" >Alessio Arena ci dona alcune pagine estratte dal suo nuovo romanzo, L’infanzia delle cose, manni editore]


di Alessio Arena

Sopra al marciapiede della Piazza di Cascorro i gitani hanno sistemato una coperta a terra e si sono messi a...
Leggi il seguito »

Canzoniere brasiliano 2 – Il poeta e il giullare

Pubblicato da
3 agosto 2009

di Sergio Pasquandrea

Ma come si fa a non amare il Brasile, quando si incontrano due personaggi come Cartola e Noel Rosa? Due figure non si sa se più tragiche o pittoresche, e insieme così piene di umanità e gioia di vivere.…


Leggi il seguito »

Perché Pecorella infanga don Peppe Diana?

Pubblicato da
2 agosto 2009

di Roberto Saviano

MI è capitato nella vita di fare pochissimi giuramenti a me stesso. Uno di questi, che non riuscirei a tradire se non vergognandomi profondamente, è difendere la memoria di chi nella mia terra è morto per combattere i clan.…


Leggi il seguito »

La cerva cornuta [Eracle #3]

Pubblicato da
2 agosto 2009
La cerva cornuta [Eracle #3]

Eracle fu perciò un semidio: nessun tedio umano lo risparmiò.
Quelle di Perseo, di Teseo, furono imprese.
Le sue, fatiche.

di Ginevra Bompiani

È probabile che prima di mettersi a correre non l’avesse neppure vista. Gliela avevano descritta, naturalmente, come qualcosa di bello.…


Leggi il seguito »