Articolo precedenteRedPill®
Articolo successivoCome Ustica?

Siopero siore e siori, siopero!

di Michele Rossi

feto20.jpgRicordiamo alla nazione che nella giornata di oggi è in corso l’ennesimo sciopero generale (che non verrà registrato per i dieci milioni di precari e atipici privi di contrattazione collettiva e di futuro pensionistico) contro le politiche peroniste di un governo che sta mandando allo sfascio il Paese, che ieri in un clima da stadio è stata divorata la parte seconda della Costituzione plasmata come pongo sugli interessi del plenipresidente e di leghisti e fascisti alla deriva, che 6000000 di italiani vivono con meno di 1000 euro al mese, che mediaset annuncia grazie alla Gasparri un aumento di ricavi di un paio di miliardi di euro, che pure il tempo fa schifo. Siori e siore, benvenuti in Italia.

articoli correlati

Di lavoro, non ne parliamo per favore

di Andrea Inglese

Parliamo di lavoro, del nostro lavoro, nelle vetrine personali di Facebook? Mi sembra poco. Le nostre esperienze lavorative, in genere, per entrare nella vetrina personale devono essere in qualche modo attraenti: un contratto ottenuto, soprattutto se prestigioso, si può celebrare in collettività ristretta.

Le culture del precariato

di Silvia Contarini "Pensare il precariato e le differenze nell’Italia della globalizzazione" L'articolo è incluso nel volume Le culture del precariato....

Il bridge dei free-lance

Di Ornella Tajani Da qualche tempo ormai penso che la difficoltà principale di un’attività free-lance non stia tanto nel procacciarsi...

Figli della bolla formativa: laureati, precari e al nero

di Roberto Ciccarelli A un anno dalla laurea lavora solo un laureato su tre. E chi lavora è sempre più...

Perciò veniamo bene nelle fotografie, romanzo in versi di Francesco Targhetta

di Silvia De March Diciamo subito i meriti prima di prendere le distanze dal mainstream acclamatorio. Francesco Targhetta si inserirà...

le alterazioni semantiche del nostro tempo

di Elisa Ruotolo Esiste un’Italia di cui si parla spesso, ma per la quale – finora – si riesce a...