Un’ora sola ti vorrei

regia di Alina Marazzi

01.
jpg

Al CINEMA ANTEO stasera inizia la sua avventura il bel film documentario
Un’ora sola ti vorrei della regista Alina Marazzi, con due proiezioni in presenza
dell’autrice, ore 20.30 e 22.30.
Da domani una programmazione
per due settimane nella fascia delle ore 13.00.

Cinema Anteo, via Milazzo 9 Milano

In archivi ottobre 2004, un’intervista con la regista.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. Un’ora sola ti vorrei è uno dei più bei film degli ultimi anni.
    E’ passato su raitre qualche anno fa ed è stata una notevole sorpresa. L’uso dei film familiari e il racconto delle vicende è una microstoria che porta in se tanto, ma tanto, della storia e della maturazione dei sentimenti d’un paese.

  2. Donato è un filologo cinematografico di grande valore..di lui mi fido ad occhi ( e bocca) bendati!

  3. Il film è stato presentato al Festival di Locarno nel 2002 e ha ottenuto premi e riconoscimenti vari. Dopo essere stato trasmesso in circuiti privati e in televisione, finalmente approda nelle sale cinematografiche. Lunedì 26 aprile ci sarà un incontro alla libreria Feltrinelli di piazza Piemonte, Milano, alle ore 18.30 con l’autrice e Lella Ravasi Bellocchio.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Crimes of the future, di David Cronenberg

di Mauro Baldrati
Già, perché in quel futuro remoto, l'arte consiste nell'aprire i corpi, infliggere ferite, tagliuzzare le facce, nell'assenza del dolore, che nessuno prova più, e nella scomparsa del sesso tradizionale, sostituito dalla chirurgia senza anestesia.

Morire, un anno dopo

Mi sono chiesta a lungo cosa sarebbe successo: come avrei reagito alla notizia – piangendo? con sollievo? –, come sarebbe stato il dopo – un senso di solitudine perpetua o, a un certo punto, un’abitudine? – e, sopra ogni altra cosa, che significato avrebbe avuto, per me, per noi, per tutti, la morte.

les nouveaux réalistes: Francesca Perinelli

di Francesca Perinelli
c’è questa pletora di questa, questa qui, di sé medesima, esattamente questa, in questo luogo e in ogni luogo altrove, adesso proprio ora in questo tempo c’è questa sovrabbondanza e quantità eccessiva, quest’eccedenza

In armonia con le tenebre. Notturno Cioran

  di Ludovico Cantisani Cioran. Definirlo il più grande pessimista del secolo non è un’esagerazione. Grande per profondità della visione, abissale,...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: