Articolo precedenteIl futuro della privacy
Articolo successivoBambini

Otto marzo

di Giancarlo Tramutoli

Vorrei per una volta
l’otto marzo
regalare al fioraio
un panettone.
E a Natale di mimose
fargli un mazzo così.

Print Friendly, PDF & Email

23 Commenti

  1. Evviva le DONNE gentili e buone, amanti della parità, della giustizia e del dialogo con l’altro sesso.

    Abbasso le FEMMINILISTE (*) proterve e rancorose, volte al rovesciamento dei rapporti di forza.

    [* Da “FEMMINILISMO”, un calco su “MASCHILISMO”, di cui riprende e ribalta i pregiudizi sessisti.]

    Abbasso le DONNE AL TESTOSTERONE, autoreferenziali e onanistiche.

    Se alla base del MASCHILISMO c’è il pregiudizio di una millantata superiorità dell’uomo sulla donna (con annessi deprecabili atteggiamenti e riflessi sul piano interpersonale e sociale), alla base del FEMMINILISMO c’è l’esatto opposto. Un conto è il FEMMINISMO, con le sue sacrosante battaglie volte ad assicurare alla donna un’assoluta parità di diritti con l’uomo in campo economico, giuridico, politico e sessuale, un conto il FEMMINILISMO, fenomeno incipiente (per ragioni storiche) ma già in ESPANSIONE, volto a rovesciare i rapporti di forza e a schiacciare come vermi gli antichi rivali (o meglio, i loro incolpevoli discendenti) laddove sia possibile. Mi è capitato più volte, in questi bizzarri tempi di rimescolamenti di ruoli e di caratteristiche, di constatare la MIMESI, da parte di diverse donne, soprattutto se in posizione di potere o di superiorità professionale, economica ecc., dei peggiori difetti delle corrispondenti figure maschili (intransigenza, arroganza, prevaricazione, insensibilità umana, indisponibilità al dialogo e via dicendo), come di assistere al fenomeno parallelo e contrario: la tesaurizzazione, da parte di molti uomini di oggi, dei migliori (e ormai sempre più spesso disprezzati o abbandonati) lati della cosiddetta “femminilità” del passato.]

    RIUSCIRANNO MAI GLI UOMINI E LE DONNE DEL FUTURO A PORSI SU UN PIANO DI EFFETTIVA PARITA’, A SCAMBIARSI LE PROPRIE QUALITA’ MIGLIORI ABBANDONANDO L’IDEA CHE UNO DEI DUE SESSI DEBBA PER FORZA PREVALERE SULL’ALTRO?

    (da http://www.lucioangelini.splinder.com del 5 marzo)

  2. mi hai fatto infiammare la prostata.
    mi sento molto donna nell’ipotalamo, ma anche nel ipertalano, ma fuori dal letto nessuna pietà.
    come diceva ferradini…prendi una donna etc etc—-

    E allora ti chiamero’ brutto porco schifoso dududadada…..un rabbino incazzato che rotolerà, io col naso all’insu la pasta di portero’, sempre la , sempre tuuuuuuuuuuuuuuuuuu, ancora un altro po’……….

    ancora tu? ma non dovevamo vederci piu’?

    siamo donneeeeeee oltre le gambe c’è di piu””””’

    a sanremo quest’anno quell’altra deficente cosa diceva?
    asp: essere una donna è anche provare dei sentimenti?

    ma prtopirgkjirnbskinbiob vjhfdgeighowehwDIO!!!!

  3. Mag, (come fai a esser brillante a quest’ora?)
    … e pensa che quel testo è firmato da Mogol… che sarà completamente rin….ito. (ho tolto una pall). Visto che ha dichiarato che Gigi D’Alessio gli ricorda Lucio Battisti. (In più ha firmato, la coppia infame, anche quella boiata demagogica dei ragazzi di Scampìa). Ciao.

  4. dai tramutoli che scriviamo una canzone io e te.
    titolo:
    “salve, sono una quotarosa”

    cmq la canzone di anna oxa mi è piaciuta moltissimo, come Mario Venuti che è adorabile( come al solito m’innamoro dei gay), ivan segreto non l’ho sentito ma mi piace,

    ma in clima di viaria ha vinto Storace con il suo piccione aviatico

    Storace!!: “chetepossino!!”

  5. Scusate la volgarità, ma io l’8 marzo ce l’ho duro come un bastone per 24 ore filate!

  6. In questo giorno di Festa ..la mia infermierina Edwige scrive:
    quando vedo i maschietti indiani…mi si smarmellata tutta la fagottina, non ci posso fare niente, è più forte di me, non è che sono maschilista, è che Rocco mi fa venire l’acquolina in bocca, mi si cetriolizza l’acciarino, mi si grottifica la federa, mi si dipana la fiorda, mi s’arpiona la ruvidona dove le dita vorrei di Rocco a far tradatratradra e vorrei tanto essere puntellata contro un divano letto del camerino o che dir si voglia contro una parete plastica di un gabinetto portatile, essere oggetto di una balistica ancestrale, ovvia ma dirompente, in barba alla barba del femminismo frigido.

  7. ….Oggi cara Mag..vedo hai i geni bisbetici..quindi niente mimosa…solo un invito all’innaugurazione..Ho aperto un piccolo negozio, tra Viale Indifferenza e Vicolo Quattro Gatti. Vendo strumenti musicali usati per suonatori mancini, dotati di destrezza. Il mio è un negozietto di sussistenza, mi tiene occupato come un passatempo senza darmi alcun guadagno.

    I più entrano, capitati per caso all’incrocio tra le due strade scarsamente illuminate, e non comprano niente: spostano gli ottoni, annusano i legni, provano la meccanica dei pianoforti. Ogni tanto, qualche flauto in plastica, all’inizio delle scuole, riesco pure a venderlo; sono mamme frettolose, che non salutano neppure.

    Le ance ammuffiscono nei cassetti, s’impilano quieti e invenduti gli spartiti del Festival millenovecentosessantuno, luminose chitarre elettriche, che furono recenti all’inizio dei Settanta, occhieggiano da dietro la vetrina, alle spalle di tamburelli impercossi e diamoniche un poco scolorite…Per 8 marzo gli indiani cercano O-CArine…:-)

  8. oh, rabbino poteva essere anche papa mullah o altro eh…mi è venuto quello, mica ce l’ho con l’ebraismo eh.
    il mio amante ? mah ultimamente trovo affascinante il direttore di liberazione.

    mauro, l’importante è essere musici in qualche modo.

  9. non è che voglio fa le pulci a nessuno, però a me sto 8 marzo me fa venire l’orticaria. ma quando ce ne sbaraziamo? basta, no? la festa delle donne è solo la festa della non ancora avvenuta purtroppo emancipazione, se c’è bisogno di una festa. che poi va a finire che ste poracce vanno a vedere gli spogliarellisti capelloni o se mangiano una pizza al taglio.

  10. Sua VARIANTE OGM:

    Ma che è? ‘na battuta de Enzo Salvi? me sento come un uovo de pasqua sotto l’albero de natale trapiantato nel presepe accanto alla madonna!

    Mah!

  11. …Mag..facciamo una pargoletto se femmina..la chiameremo..Mimosa..se maschio Sandro…!…

  12. parlatemi di lui non lo conosco. spesso mi sento attratta da tipi misteriosi perchè una si dice:”chissà cosa nasconde dietro questo sguardo taciturno e conturbante..”
    per poi scoprire che dietro di solito non c’è niente :-(

  13. ….e’ il niente che ti attrae..lo sento..pur sapendo che sei pronta a fuggire col suo artiere ..

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

‘O paese

di Giorgio Sica
Ispirato dalla poesia che canta il ritorno al paese, al selvaggio borgo natio che assurge a luogo di purezza ed eroico furore, dove poter amare davvero la donna, liberata dalla retorica stilnovista e tornata finalmente femmina, ho composto un piccolo ciclo di componimenti

Willy e luglio

di Arjuna Cecchetti
Okay, vederla tuffarsi dal pontile non era da mozzare il fiato, le mancava qualche curva nei punti giusti, per lo stesso motivo non mozzava il fiato nemmeno quando risaliva spingendo con le braccia sulle tavole di legno.

Giamaica e malinconie

di Nick Casini
A Winnifred Beach c’è una signora che prepara zuppe bollenti. Non è Cynthia - la ristoratrice che compare con Anthony Bourdain in un episodio di Parts Unknown - ma un’altra signora. Gestisce un chiosco a dieci metri dal mare

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

Vasyl’ Stus e Marina Cvetaeva

di Ornella Tajani
Nella collana DieciXuno di Mucchi dedicata alla traduzione poetica [...] è uscito stavolta un volumetto dedicato non a uno ma a due poeti: l'ucraino Vasyl' Stus insieme a Marina Cvetaeva

Jova Instant City?

di Alberto Giorgio Cassani
Non so se qualcuno l’abbia mai notato o scritto, ma Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, col suo Jova Beach Party ha realizzato l’ultimo degli iconici progetti utopici usciti dalla mente megastrutturale degli Archigram: mi riferisco al celebre progetto di Instant City.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: