Metromorfosi

metromorfosi_cover_2.jpg

metromorfosi

musica cinema teatro arte scrittura tic a roma e dintorni

rivista di info-critica a distribuzione gratuita

sintesi numero due 2007 febbraio
 
nouvelle vague
 
curve del tempo e dello spazio

anatrofobia / thrangh

david lynch – inland empire

arturo brachetti – l’uomo dai mille volti

paul harbutt – new paintings

carla accardi

bruce covey – rivelazione

oltre 100 punti distributivi a roma e dintorni
 
http://www.metromorfosi.com/
 

Print Friendly, PDF & Email

16 Commenti

  1. Simpatico Alcor,
    non è una lista della spesa, ma semplicemente l’elenco degli articoli comparsi sul mio numero due.
    Non mi permetterei mai di dare consigli essenziali come la spesa da fare.

  2. Ecco, che se una (unA, son donna) parla e non crea intorno a sé una spruzzaglia di emoticon l’altro crede subito di essere criticato.
    Questa notte NI, tutta NI, non si vedeva più, si vedeva per non so quale ragione solo una infinita lista di titoli.
    Non i tuoi qua sopra.
    Il tuo spazio qua sopra era l’unico spazio per i commenti, era sparita anche la bacheca, perciò l’ho detto qui.

  3. ciao alcor…..l’hai vista la luna rossa?
    io ho avuto un’incubo stanotte.
    meno male oggi vado a mangiare fuori…
    Buona domenica!

  4. Da me stamattina si visualizzano solo questo post e l’inizio del successivo di Sparzani. Il resto è tutto bianco.

    @metromorfosi

    Ma Francesco Forlani, autore delle celeberrime Métromorphoses (éd. Nicolas Philippe, Paris 2002), lo sa?

  5. Ciao,

    scusate il disturbo, c’è bisogno di aiutare Benito, un senzatetto che vive sotto un ponte e malato di diabete.
    Se puoi e vuoi, passa per il mio blog e dai voce all’iniziativa fra i tuoi contatti.
    Un grande grazie.

    Morgan

  6. @carla
    no purtroppo, quando ho saputo che c’era l’eclissi ero già dove la luna non si poteva vedere. Farò uno sforzo di immaginazione.

  7. @ Alcor: ma figurati ero scherzoso, a me la barra di NI compare più in basso del solito.

    @ Carla: buon pranzo!

    @ ei fu: sì Francesco Forlani lo sa e io ho avuto anche il piacere di toccare con mano il suo libro; metromorfosi è un nome che era nell’aria e in realtà è stato utilizzato anche in altre situazioni.

    @ Morgan: grazie per la segnalazione.

  8. L’eclissi si è portata via anche NI. Se è rimasto solo il post di Metromorfosi, vuol dire che godeva di protezioni molto in alto.

    Dottor Reister, faccia qualcosa.

  9. i see (in tutti e due i sensi: ho capito, ma ora vedo di nuovo anche tutta NI), ora vado a leggermi l’articolo su “inland empire”, buona giornata. e.f.

  10. Si è divagato eh – ci siamo decentrati da metromorfosi…io trovo sia una “rivista” utile soprattutto a scopo divulgativo – nel senso che dà la possibilità di approfondire e di conoscere eventi e temi non troppo puntati…

    Saluti anche alla luna

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

V. & V. Nabokov & son

di Chiara Montini
Vera e Vladimir Nabokov decidono di far entrare anche il figlio al servizio della loro piccola impresa letteraria, in principio affidandogli traduzioni sotto la loro supervisione e responsabilità.

‘O paese

di Giorgio Sica
Ispirato dalla poesia che canta il ritorno al paese, al selvaggio borgo natio che assurge a luogo di purezza ed eroico furore, dove poter amare davvero la donna, liberata dalla retorica stilnovista e tornata finalmente femmina, ho composto un piccolo ciclo di componimenti

Willy e luglio

di Arjuna Cecchetti
Okay, vederla tuffarsi dal pontile non era da mozzare il fiato, le mancava qualche curva nei punti giusti, per lo stesso motivo non mozzava il fiato nemmeno quando risaliva spingendo con le braccia sulle tavole di legno.

Giamaica e malinconie

di Nick Casini
A Winnifred Beach c’è una signora che prepara zuppe bollenti. Non è Cynthia - la ristoratrice che compare con Anthony Bourdain in un episodio di Parts Unknown - ma un’altra signora. Gestisce un chiosco a dieci metri dal mare

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

Vasyl’ Stus e Marina Cvetaeva

di Ornella Tajani
Nella collana DieciXuno di Mucchi dedicata alla traduzione poetica [...] è uscito stavolta un volumetto dedicato non a uno ma a due poeti: l'ucraino Vasyl' Stus insieme a Marina Cvetaeva
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: