Leggere in movimento

Come divertire, il rapporto tra narrativa e tecnologia: saranno alcuni degli argomenti di un incontro che prevede un continuo confronto con il pubblico. Secondo appuntamento alla Biblioteca Lorenteggio (a Milano in via Odazio, 9) sabato 31 marzo alle ore 18.00 con l’autore di fortunati bestseller Gianni Biondillo e lo scrittore di culto Franz Krauspenhaar autori amati da critica e pubblico e in grado attraverso il Blog Nazione Indiana di allargare gli orizzonti della narrativa.

Ma anche i più piccini (dai 4 a 10 anni) avranno il loro spazio e i loro incontri. Gli stessi sabato mattina alle 10.30 nelle medesime biblioteche partiranno anche loro per un viaggio su un autobus ideale, l’Autobus del brivido: racconti itineranti tra gli scaffali della biblioteca. Durante gli appuntamenti, i bambini verranno accompagnati alla scoperta delle sezioni bibliotecarie create su misura per loro, fra classici e fantascienza, gialli e favole.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

sabato 31 marzo
Biblioteca Lorenteggio zona 6 Via Odazio, 9
alle ore 10.30 L’autobus del Brivido
alle ore 18:00 Gianni Biondillo e Franz Krauspenhaar Modera Leonardo Pelo

www.noreply.it

11 Commenti

  1. Giuro che non l’ho scritto io questo comunicato.
    “l’autore di fortunati bestseller”…
    “autori amati da critica e pubblico e in grado attraverso il Blog Nazione Indiana di allargare gli orizzonti della narrativa”…
    Dio, che vergogna…

    ;-)

  2. Io un’ideuccia sul culto ce l’avrei, Sitting…ma me la tengo per me…:o)
    Che piacere rileggerti, era da un pò che non commentavi, o sbaglio ?

    Comunque, FK e GB, poi raccontateci tutto, eh ?

  3. ma come si fa a leggere in movimento?
    secondo me possono farlo solo gli ebrei.
    Franz, non mi dire che leggi pure quando…

  4. essi, ordunque,
    appartengono alla scuola peripatetica nella qual già si distinsero
    Teofrasto di Ereso, Stratone di Lampsaco, Licone di Troade,
    Critolao di Faseride e Diodoro di Tiro,
    auguri o viandanti!

    MarioB.

  5. Hey, Sitting, un consiglio da amico: giu le mani da effekappa!
    Non so se hai mai sentito parlare di Jack Carter, ma non ci perdo niente a sguinzagliarlo sulle tue tracce…

  6. hi, I’m jack. jack carter. I came from london yesterday night. I tell you something, mr. sitting targets: get carter, before carter gets you!

  7. Visto, Sitting? E’ bastato evocarlo, ed è subito riapparso. Adesso sono craxxi tuoi, amico. Nemmeno trasformarti in “Moving Targets” credo possa aiutarti molto. Hai una sola possibilità: farti trovare, quando Jack ti raggiungerà, con in mano una copia dell’ultimo libro di EffeKappa. E sperare che la cosa funzioni.

    p.s.

    Dimenticavo di dirti che Jack Carter non sa leggere.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Assialità dei legami : fotografie di Isabelle Boccon-Gibod

di Lisa Ginzburg
Ho conosciuto Isabelle Boccon-Gibod qualche anno fa, perché un’amica la portò a cena da me (ancora si cenava insieme, con quegli “aggiungi un posto a tavola” a movimentare convivialità che è difficile e anche doloroso ricordare nel presente di adesso).

L’Anno del Fuoco Segreto – Il camicino da morto

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Loredana Lipperini Il camicino da morto non era...

Il “Buch der Freunde” di Domenico Mennillo

di Ornella Tajani
È uscita per le edizioni morra/e-m arts una pubblicazione dal titolo Buch der Freunde di Domenico Mennillo, che raccoglie gli scritti relativi al lavoro ventennale di lunGrabbe, duo artistico formato da Mennillo e Rosaria Castiglione [ot].

Diario della pandemia dall’Himachal Pradesh # 4

  di R. Umamaheshwari R. Umamaheshwari è una storica e giornalista che vive in India. Ha pubblicato When Godavari Comes: People’s History of a...

Il Desiderio che combatte il Moralismo: Bad luck banging or loony porn di Radu Jude

di Daniele Ruini
Vincitore dell’Orso d’oro all’ultimo Festival di Berlino, Bad luck banging or loony porn ha il merito di pungolare con sarcastica lucidità alcuni nervi scoperti delle odierne società globalizzate e iperconnesse.

Il matrimonio

di Maria Gaia Belli Seduta sul pavimento della sala d’attesa, ripensi a quella volta che hai visto morire una bambina...