Leggere in movimento

Come divertire, il rapporto tra narrativa e tecnologia: saranno alcuni degli argomenti di un incontro che prevede un continuo confronto con il pubblico. Secondo appuntamento alla Biblioteca Lorenteggio (a Milano in via Odazio, 9) sabato 31 marzo alle ore 18.00 con l’autore di fortunati bestseller Gianni Biondillo e lo scrittore di culto Franz Krauspenhaar autori amati da critica e pubblico e in grado attraverso il Blog Nazione Indiana di allargare gli orizzonti della narrativa.

Ma anche i più piccini (dai 4 a 10 anni) avranno il loro spazio e i loro incontri. Gli stessi sabato mattina alle 10.30 nelle medesime biblioteche partiranno anche loro per un viaggio su un autobus ideale, l’Autobus del brivido: racconti itineranti tra gli scaffali della biblioteca. Durante gli appuntamenti, i bambini verranno accompagnati alla scoperta delle sezioni bibliotecarie create su misura per loro, fra classici e fantascienza, gialli e favole.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

sabato 31 marzo
Biblioteca Lorenteggio zona 6 Via Odazio, 9
alle ore 10.30 L’autobus del Brivido
alle ore 18:00 Gianni Biondillo e Franz Krauspenhaar Modera Leonardo Pelo

www.noreply.it

11 Commenti

  1. Giuro che non l’ho scritto io questo comunicato.
    “l’autore di fortunati bestseller”…
    “autori amati da critica e pubblico e in grado attraverso il Blog Nazione Indiana di allargare gli orizzonti della narrativa”…
    Dio, che vergogna…

    ;-)

  2. Io un’ideuccia sul culto ce l’avrei, Sitting…ma me la tengo per me…:o)
    Che piacere rileggerti, era da un pò che non commentavi, o sbaglio ?

    Comunque, FK e GB, poi raccontateci tutto, eh ?

  3. ma come si fa a leggere in movimento?
    secondo me possono farlo solo gli ebrei.
    Franz, non mi dire che leggi pure quando…

  4. essi, ordunque,
    appartengono alla scuola peripatetica nella qual già si distinsero
    Teofrasto di Ereso, Stratone di Lampsaco, Licone di Troade,
    Critolao di Faseride e Diodoro di Tiro,
    auguri o viandanti!

    MarioB.

  5. Hey, Sitting, un consiglio da amico: giu le mani da effekappa!
    Non so se hai mai sentito parlare di Jack Carter, ma non ci perdo niente a sguinzagliarlo sulle tue tracce…

  6. hi, I’m jack. jack carter. I came from london yesterday night. I tell you something, mr. sitting targets: get carter, before carter gets you!

  7. Visto, Sitting? E’ bastato evocarlo, ed è subito riapparso. Adesso sono craxxi tuoi, amico. Nemmeno trasformarti in “Moving Targets” credo possa aiutarti molto. Hai una sola possibilità: farti trovare, quando Jack ti raggiungerà, con in mano una copia dell’ultimo libro di EffeKappa. E sperare che la cosa funzioni.

    p.s.

    Dimenticavo di dirti che Jack Carter non sa leggere.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Lettere da Merano

di Paolo Marco Durante
Il “Frau Emma” è bellissimo. Tutto d’improvviso, col sole, appare bellissimo. La città, le strade, i viali, i palazzi, le palme, le persone, il cielo. Anche la temperatura è ideale.

Corpi anonimi in una stanza empia

  di Luca Ingrassia     «Ero ossessionato dalla colonizzazione della nostra coscienza da parte dei media, in particolare nei paesi occidentali e...

La violenza di genere in e oltre Amore, Rabbia e Follia

di Benedetta Faedi
Durante il mio soggiorno ad Haiti, che durò più di un anno, investigai l’incidenza della violenza contro le donne e le bambine.

I disertori di Magliani

di Giacomo Sartori
Confesso che quello che adoro più di tutto negli scritti di Magliani sono quelle sue frasi veloci e lapidarie di bellezza che spuntano qua e là.

Pausa merda

di Dario Meneghetti
È una settimana che non scrivo. Non posso. Sono stato rapito dalla merda. Circa sei giorni fa mi è venuta la brillante idea di cagarmi addosso quindici volte...

Overbooking: Omar Viel

Nota di Massimo Rizzante “Il romanzo breve di Omar Viel è un’eccezione nel panorama italiano. Anzi, non sembra proprio un romanzo italiano....