Articolo precedenteDa Burri (seconda parte)
Articolo successivoAmerica loves the Sopranos

Tre inediti

238417959_6ee2de6b59.jpg

di Cristina Annino 

L’APPUNTAMENTO

Non avrò futuro che essere
pesante: le premerò le costole
con l’aggeggio ferroso, da
tagliare le gambe a chiunque.
Mai saputo quanto
debba durare l’amore o un
incidente di strada: stessi
dati di ferro sonoro. Allora, come si
scappa da questi due sensi?
Non so
usare l’amore, madama, non lo
vedo, non lo spezzo in due, non lo stacco
dal muro, non ci ragiono. Non reggo il
peso soprattutto di questo volume.

COMPOSIZIONE PER CITTA’ E ORGANO

Lui ama la città; ne dice
tante cose. Che ha gambe, soprattutto, e ci
squassa i mobili di casa sua. Che ripulisce
tutto ma fa strage e lo chiama per nome, lo fa
nitrire, dà
appuntamenti e lo mette in ginocchio. Certe
prove gelano il sangue quando fissa l’acqua ed
esala – capite? – tutta una storia grande di
strade. Anche nel fango lui solleva la rete
di saracinesche. Ha sempre
fedelmente odiato l’acqua, fiume o recipiente
di casa, ovunque la vede, nel freddo
burroso dell’alba che apre cerniere di cemento.
Poi
la storia lunghissima quando
insieme si spazzano dal tegame alla
brace, convento, infelici e tutte le gambe del
regno. Dice
massacrazione. Dice
certe cose piangendo, sbrana la casa, sta
dentro e spacca stanze come zucchero.

SCRITTURA

Per natura metallica scrivo; per la
stanza che prende il volo convulsamente; per
l’identità totale dei tovaglioli e per mio
nonno. Per cielo, terra, e il senso di me sui
braccioli delle poltrone. Per l’ozio
infinito capolavoro che brucia cicche dicendo
d’essere buono. E fingo, in
termini generali, pillole, paradiso. Per il
Bingo scrivo, magari!

(Da: Casa d’aquila – Foto di Bill Brandt)

Print Friendly, PDF & Email

31 Commenti

  1. Ben tornata inconfondibile Cristina, che quel buo segugio di Franz va riscoprendo(mati aveva già ltraconosciuta!)
    Belle sempre, e oserei dire rimaste a quell’altezza, nitore che già agli esordi ti contrassegnò, la lingua è sempre un acrobata, ma sciolta con non chalance ed eleganza..
    “Scrittura”, poi, è paradisiaca..

    Maria Pia Q.
    P.S. a chi di voi desidera un ascolto omaggio a N. Y su “Oboesommerso. splinder.com”, da ieri mia voce recita due dediche, “Città marina,undici settembre”, con sfondo jazz..un omaggio al cielo e lingua di là.. MP

  2. Le troncature dei versi creano un rallentamento
    che è un balzo nel senso che segue…
    ed è un ritrovarsi, un sentirsi, un vedere!

    Bella immagine.

  3. iannozzi è un fenomeno: stronca senza spiegare. ora aspetto il capolavoro: stroncare senza leggere.

  4. grazie, Franz, la seconda volta che si leggono sono anche meglio della prima. Buon segno. Soprattutto “Composizione per città e organo”.

  5. questa sì che è poesia! la trovate sul blog di mio fratello!

    La donna nana

    Da quando sono stato in paese
    non scrivo più poesie:
    ho incontrato la donna nana
    che mi ha messo a nanna
    il sesso per sempre
    nella sua profonda vagina

    Da quando sono stato laggiù
    ho capito la piccolezza del blu,
    di quel cielo sopra le nostre teste
    e che ci illudiamo essere infinito
    di feste

  6. Nessuno ha autorizzato copia e incolla.

    ALLORA, INDIANI, CHE FATE, CANCELLATE IMMEDIATAMENTE QUEL TROLL CHE SI FIRMA CAMILLA IANNOZZI, O CHE ALTRO?

    IN QUANTO GESTORI DI QUESTO N.I. SIETE IN TUTTO E PER TUTTI RESPONSABILI DI QUELLO CHE I VOSTRI AMATI TROLL FANNO E NON FANNO, SPERO VI SIA CHIARO IL CONCETTO.

  7. Non ci sono gli estremi per la cancellazione, mi dispiace.

    (Prego in ogni caso di non intasare la colonna dei commenti di interventi out of topic. Ho pubblicato tre inediti di una poetessa di grande valore, per chi non se ne fosse accorto).

  8. Che forte, che belle poesie! Mi piace l’espressione dura. Mi piace quando non si scherza per niente. Viene in schifo l’ironia stupida, ma tanto purtroppo ormai è ovunque, freghiamocene! Intelligenza ed espressione messe fuori senza freni inibitori, allineandosi sul registro dei pazzi, nel senso di Dalì: “L’unica differenza fra me e un pazzo è che io non sono pazzo”. Per quanto mi riguarda, sono le 11.16 e avrei già voglia di spaccare tutto. Speriamo che non scenda troppa umidità sulla cappa di Milano, in modo che la pressione sanguigna si salvaguardi e mi permetta di mantenere una posizione accettabile (verticale, da bipede) durante il giorno. Baci e notevole apprezzamento per la poetessa. Anna Lamberti-Bocconi

  9. Sono contenta che vi piacciano le poesie di Cristina Annino! Speriamo che il libro da cui sono tratti questi inediti sie presto disponibile.

    Qui: http://www.anninocristina.it/ potete leggere una sua biografia e vedere i suoi quadri.

    Altre poesie di Cristina le trovate qui:

    http://golfedombre.blogspot.com/2006_12_01_archive.html

    http://www.liberinversi.splinder.com/tag/cristina_annino

    http://www.el-ghibli.provincia.bologna.it/id_1-issue_03_15-section_2-index_pos_1.html

    http://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2007/05/02/gemello-carnivoro-2001-poesie-di-cristina-annino/

  10. Sì, Iannozzi, quelle scemate che non si capiscono digitate tanto per sentirsi parte nel gruppo o far passare le ore di lezione, quelle parole messe lì a caso tipo Amelia Rosselli… Bravo, sei proprio sottile, hai capito tutto! Perché non ti accendi un po’ la televisione, magari ti becchi il papa o la Ventura, così ti togli per un’oretta. Io invece vado a leggere le altre poesie di Cristina Annino sui siti segnalati. Anna L.B.

  11. Mi sa che qualcuno confonde le inarcature con gli sms. Mi chiedo anche per quanto altro tempo lo stesso qualcuno potrà bannerizzarsi con la scusa di essere vittima dei Troll. ‘Sti blogger spuntano su come i funghi.

  12. Tornano al ferro, e l’un e l’altro il tinge
    di molto sangue: e stanco e anelante
    e questi e quegli al fin pur si ritira,
    e dopo lungo faticar respira.

    Combattimento di Tancredi e Clorinda
    GERUSALEMME LIBERATA di Torquato Tasso
    Canto XII, 45-48

    ferroso
    tagliare
    ferro sonoro
    spezzo
    squassa
    stacco
    fa strage
    saracinesche
    si spazzano
    tegame
    massacrazione
    sbrana
    spacca
    metallica

    Cara Cristina, grazie del metallo da Clorinda guerriera, sotto sempre sangue e tenerezza.

    così&come

  13. Cristina Annino – La casa del folle

    Entro piano nella casa del folle;
    non apro le persiane, non tolgo la polvere.
    Arrivo alla sua camera che ancora dorme.
    Nel mattino troppa aria per occhi
    di dolente marrone pallido. Guardo
    la nuca rigida e il corpo che non sente
    neppure il pigiama.
    Mi siedo accanto e gli porto l’asfalto
    ripulendolo dal rumore, dall’odore del mese,
    dal peso della gente.
    Cerco di non affollarlo di niente;
    il suo corpo vuoto è una stanza: sogni
    vi soffiano bolle di vecchio dolore.
    La ragione cos’è? Arrivo qui e mi stendo
    al piede del suo letto come a una pianta
    ed entra dentro di me, dal folle, quasi
    fune elettrica, una bianca, stanca,
    atroce vitalità.

    (da “L’udito cronico” – in “Nuovi poeti italiani”, n. 3, Einaudi – 1984)

  14. Tutto a posto, mi pare.
    Endecasillabi, settenari, “belle” assonanze…
    Sandro Penna, volendo…

    Giuseppe Iannozzi Says:

    June 23rd, 2007 at 12:03
    No, le poesie, se così è possibile definirle, sono simili a certi pensieri sconnessi…

    (anche i commenti, a volte…)

  15. Vi consiglio di leggere COMPLANARE PUTTA e CRISTO NON SI CORICA di Felice Muolo, Edizioni IL FILO

  16. Stavolta supporto Iannozzi: abbiamo letto di meglio, dalla stessa autrice. Anch’io favorevole alla deBOTificazione degli scassapagghiari anonimi. :)

  17. VIVA LE DONNE!
    Ho scoperto che Cristina Annino ha scritto a proposito di Madrid e di Barcelona; questo mi interessa molto.
    Apprezzo leggere i commenti delle donne (Emma, Cosi@come, Maria Valente, Maria Pia, Carla… Non posso le citare tutte)
    Sto leggendo L’Aminta, l’ho trovato a Amiens. Ma la lingua mi sembra semplice, è forse una traduzione in lingua moderna, non lo so. Ci sono molto appunti.
    A proposito di Giusuppe Iannozzi , penso che la provocazione sia una forma di tenerezza, no?

  18. non conoscevo i versi della Annino – è una poesia che da un registro fozatamente “humilis” tende ad un sublime naturale, da spiazzamento del lettore – davvero notevole – ovviamente, grati assai a FranzK.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Plug-in? Plug-out!

di Alberto Giorgio Cassani
Alcune puntuali considerazioni sulla fine della Nakagin Capsule Tower, un capolavoro architettonico degli anni Settanta conosciuto in tutto il mondo, marcatore del paesaggio di Tokyo e del nostro immaginario.

I fratelli Ndiaye-NDiaye

di Andrea Inglese
La nomina di Pap Ndiaye al Ministero dell’Educazione Nazionale del nuovo governo della presidenza Macron e del primo ministro Élisabeth Borne non è banale, per vari motivi.

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Caro figlio mio, chiudo questa lettera con una richiesta. Mi dirai: come posso esaudire una tua richiesta dopo quello che mi hai detto, dopo tutto l’odio che mi hai riversato in un’unica soluzione, senza pietà?

Antenati a Costantinopoli: come il Risorgimento italiano è sbarcato in Turchia

Antenati a Costantinopoli ricostruisce le reti di relazioni, spesso dimenticate, tra Risorgimento italiano e riformismo ottomano, permettendoci di fare paralleli continui tra la recente attualità politica in Turchia e in Europa...

Su “Memory Box” di Joana Hadjithomas e Khalil Joreige

di Roberto Todisco
Il giorno della vigilia di Natale, a Montreal, a casa di una famiglia composta di sole donne (nonna, madre e figlia) arriva una misteriosa scatola. [...] Il pacc arriva da Beirut, la città da cui Téta e sua figlia sono fuggite durante la guerra civile libanese degli anni ottanta.

Note a margine della ferita

  di Lorenzo Orazi   Lucio Fontana, Concetto spaziale. Attese   I Detesto avvicinarmi all’arte per un senso del dovere che intende costringermi alla conoscenza. Non...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: