Articolo precedenteMilano da morire
Articolo successivoIn memoria di Altamante, maestro

Juke box / Triangolo

renatozero1979.jpg

di Renato Zero

L’indirizzo ce l’ho!
Rintracciarti non è un problema.
Ti telefonerò,
Ti offrirò una serata strana!!!

Il pretesto lo sai :
Quattro dischi, un po’ di whisky!
Sarò grande vedrai!!!
Dammi spazio, e dopo, mi dirai… Che maschio sei!!!

Lui chi è?
Come mai l’hai portato con te?
Io volevo incontrarti da sola… Se mai…
Lui chi è?
Lui chi è?
Lui chi è?
Già è difficile farlo con te… Mollalo!!!

Lui chi è?
Lui chi è?
Lui chi è?
Lui chi è?
E’ distratto, ma è certo di troppo… Mollalo!!!
Mi aspettavo lo sai …
Un rapporto un po’ più normale!!!
Quale eventualità,
Trovarsi una collocazione…
Ora spiegami , dai !
L’atteggiamento che dovrò adottare…

Mentre io rischierei,
Di trovarmi al buio fra le braccia lui…
Non è il mio tipo!!!
Lui chi è…
Il triangolo, no!
Non lo avevo considerato…
D’accordo, ci proverò…
La geometria, non è un reato…
Garantisci per lui?
Per questo amore un po’ articolato?
Mentre io rischierei,
Ma il triangolo io lo rifarei!
Perché no? Lo rifarei!!!
Lui chi è…
 
 
(Nella foto: Renatino nel 1979) 
 

Print Friendly, PDF & Email

20 Commenti

  1. sono a un corso di econometria tra forlì e predappio. un partecipante al corso, omosessuale siciliano con problemi di linea, ci ha promesso di cantare questa canzone l’ultimo giorno del corso, in piedi su un tavolo.

  2. Pena d’amore

    Triangolo fa soffrire,
    bella figura geometrica che sostiene cielo e terra.
    Ma nell’amore, il triangolo è asimmetrico.
    L’amante è l’ogetto di un gioco crudele, non credo a un gioco equo.
    Il fantasma dell’uomo: avere due ragazze e definire le regole del gioco.
    Quella che ama non scelgo, e tra carezze, intravedo odio. Non potrei vedere l’uomo che amo fare l’amore con una donna, tranne se la donna è omosessuale…

  3. Bella la foto, con look lontano anni luce dall’attuale pretesco. Del resto quella di diventare pii con l’avanzare degli anni è una parabola diffusa…

  4. come apparve rivoluzionario nel pop italiano quel suo trucco, copiato e ricopiato già prima di nascere.
    …ad ogni modo, evviva il triangolo, il trivio, il quadrivio e il semaforo rosso da passare ad occhi chiusi!
    e pure la rotonda ché gira la testa, ecco!

  5. La geometria non e’ un reato pero’ crea un sacco di problemi. Chi li risolve e’ bravo. Beato lui.

    Al posto di un triangolo avrei scelto una bella coppia di rette parallele. Forse perche’ amo l’algebra (e’ piu’ letterale).

    Comunque Renato Zero resta sempre un grande: ne’ positivo ne’ negativo, un grande e basta, come lo zero, senza segni aggiuntivi, oppure con entrambi i segni truccati sul corpo

    fem

  6. OT.
    Chiedo scusa. Per FEM.
    Francesca, potresti cortesemente riscrivermi, ho avuto un black out al sistema e non ho più la tua mail. Grazie!

  7. Si Francesca, ma le parallele non si incontrano mai. Figurati; una donna e un’uomo ( o donna con donna, o uomo con uomo) che potrebbero amarsi, invece camminano fianco a fianco, non si vedano, camminano sognando l’amore come disperati.
    Preferisco il circolo, nell’utero della madre, tu resti cosi protetta.
    Preferisco anche la stella, tu attarversi il cielo, da sola, nessuno per ferirti, e quando muori, la tua vita dà ancora luce.
    Niente da fare, il triangolo non è per me.

  8. due rette parallele a una terza retta si possono incontrare se la geometria e’ non-euclidea. Dipende dal contesto, quindi!

    fem

  9. Renatino, all’epoca, era un mito.
    Parlo da ex zero-folle della prima ora, o quasi (i sorcini vennero dopo).
    Fu la colonna sonora della mia adolescenza.
    Una valanga di ricordi assortiti, un giorno magari ve li racconto..:o)
    La versione di Renatino di ora, invece, un pò da profeta imbolsito della serie volemose-bene, non mi piace un granchè, tranne qualche canzone qua e là..

  10. un gradito ritorno di un cantore vero dell’ansia transgenderica, un uomo quattro stagioni e mezzo più 9 settimane, un pistolero del sex à porter, un antesignano del posteriorizzante on the rocks, un gossiper songwriter, la roma ciaciona che trasgredisce prima della mucca assassina e dopo la vacca putanga. un grandissimo artista concettuale del mendel.

    g.callipigi de lastraco
    (esperto di tendenze)

  11. Oh Franz, che gentil omaggio, davvero un pensiero stupendo (http://www.youtube.com/watch?v=i8VYNmhIZoU)

    … che dire, quel “ti offrirò una serata strana” profuma di rucola, per quanto io non l’abbia mai provata :-) è che preferisco i funghi e per ricambiare ti propongo qualche minuto di svago presso http://www.amanitadesign.com (non poteva essere altrimenti)

    PS: nella sezione flash game un viaggio su samorost e quasi d’obbligo, ma se prediligi un ascolto più corale va bene anche the quest for the rest

    saluto con manina :-)
    (ks)

  12. Te l’ho detto Ks, io ti do il risotto e anche la cotoletta. Lasciati servire…
    Per il resto sono andato su quel sito e non ci ho capito nulla… ehm.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Una formula matematica? Che spavento!

di Antonio Sparzani
Voi cosa pensate quando vedete scritta sulla carta una formula matematica? Il primo pensiero andrà forse a ricordi di scuola, complicazioni, cose per specialisti, scritture criptiche inventate per comunicare dei segreti che non si vuole diventino troppo condivisi...

Monsieur Jean Luc

di Manuel Maria Perrone Lettera a Jean Luc Godard Monsieur Jean Luc, Di recente ho visto una sua intervista in cui giocava...

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Perché (non) andare a Venezia

di Paola Ivaldi
Mi rifiuterò, lo prometto solennemente a me stessa, di recarmi in futuro alla Biennale per potermi vantare che sì, sono andata alla Biennale, per potermene puerilmente imbellettare

Mots-clés__Mostri

di Carla Burdese
Dormo in incognito / per non farmi riconoscere dagli incubi.

La società degli uomini barbagianni

di Emanuele Kraushaar
Io sono A. Una volta ho chiesto a mia madre perché mi avesse chiamato così. Non ha detto niente ed è scoppiata a ridere. Ricordo la sua bocca che si apriva e i suoi denti bianchissimi.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: