Oltreparola – seminario di scrittura poetica

La poesia… Qualcuno è intimidito dall’idea stessa. Qualcun altro scrive versi da sempre, o vorrebbe farlo. Qualcuno non ci ha mai pensato.
Eppure non vi è un punto più o meno privilegiato per imbarcarsi in una delle sue avventure. Perché, quale che sia la nostra personale posizione nei suoi confronti, la poesia esiste da sempre e brilla nel mondo come forza propria, costituendo qui ed ora una grande opportunità per ciascuno: di espressione, di espansione culturale, di affinamento della sensibilità, di immersione fruttuosa nelle zone più autentiche di se stessi.
La proposta di Oltreparola è un ciclo di incontri attivi in cui praticare lettura, scrittura, ascolto e confronto. Il seminario è mirato sia all’acquisizione degli strumenti tecnici che formano l’abbiccì della scrittura poetica, sia al riconoscimento delle risonanze interiori profonde e sottili che invece ne costituiscono la materia.
Un gruppo di una dozzina di partecipanti si riunirà con scadenza quindicinale un sabato sì e un sabato no, a partire dal pomeriggio del 5 aprile*, per quattro incontri intensivi della durata di tre ore ciascuno, in uno spazio autentico, vissuto e suggestivo proprio come la materia che impareremo insieme a generare attraverso un sorprendente percorso di pratica e di scoperta.
Il tutto condotto da Anna Lamberti-Bocconi, scrittrice e poetessa con all’attivo diverse pubblicazioni, nonché collaborazioni illustri nel campo della canzone d’autore.
Per maggiori informazioni e per aderire al seminario scrivere a ordet61@libero.it

*(con eventuale esclusione del “ponte del Primo Maggio”, a seconda delle esigenze)

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Nuovi autismi #23 – I miei buchi

di Giacomo Sartori
[dall'archivio di NI: pezzo pubblicato il 13 giugno 2012] I buchi che faccio per lavoro si dividono in due tipi, quelli piccoli e quelli grandi.

Buena Vista Social Club: Lagioia dei classici

di Nicola Lagioia
Il fatto è che sono ormai 25 anni che - oltre a leggerne di continuo di nuovi - rileggo gli stessi libri, in continuazione, senza venirne mai del tutto a capo. Fondamentalmente si tratta di alcuni cosiddetti capolavori del modernismo europeo, quei libri che, forse, portano alle estreme conseguenze intellettuali ed estetiche (e all'estrema bellezza) la civiltà europea un attimo prima che crolli su se stessa (e, da questo crollo, mi pare, siamo stati generati noi)

Quattro romanzi: Nunez, Svensson, Grossman, Kloeble

di Gianni Biondillo
Arriva l'estate e con lei i miei consigli di lettura fuori tempo massimo: Nunez, Svensson, Grossman, Kloeble. Quattro romanzi stranieri letti a suo tempo, davvero diversi fra loro. A ciascuno il suo.

V. & V. Nabokov & son

di Chiara Montini
Vera e Vladimir Nabokov decidono di far entrare anche il figlio al servizio della loro piccola impresa letteraria, in principio affidandogli traduzioni sotto la loro supervisione e responsabilità.

‘O paese

di Giorgio Sica
Ispirato dalla poesia che canta il ritorno al paese, al selvaggio borgo natio che assurge a luogo di purezza ed eroico furore, dove poter amare davvero la donna, liberata dalla retorica stilnovista e tornata finalmente femmina, ho composto un piccolo ciclo di componimenti

Willy e luglio

di Arjuna Cecchetti
Okay, vederla tuffarsi dal pontile non era da mozzare il fiato, le mancava qualche curva nei punti giusti, per lo stesso motivo non mozzava il fiato nemmeno quando risaliva spingendo con le braccia sulle tavole di legno.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: