Articolo precedenteDROGA? NO, GRAZIE
Articolo successivoe io che mi credevo

È qui la festa?

E due. Avete notato la colonnina di destra? Insomma, per chi non l’avesse capito, c’era piaciuto così tanto organizzare una festa lo scorso anno – al Castello Malaspina di Fosdinovo – che abbiamo deciso di replicare. In un altro luogo carico di storia, non aristocratica ma operaia. Quella che fu, agli inizi del Novecento, la “Società di Mutuo Soccorso per l’educazione dei metallurgici” e che oggi è l’ARCI Bellezza di Milano (mappa).
Dal 17 al 19 giugno (da venerdì a domenica) Nazione Indiana esce ancora una volta dalla rete. Dopo la Lunigiana, la metropoli lombarda.
L’obiettivo resta quello di sperimentare un corto circuito tra l’esperienza virtuale di Nazione Indiana e quella reale del territorio e della sua storia. Ma è anche, e soprattutto, il piacere di far incontrare fra di loro i suoi lettori, commentatori, redattori, autori.
Poesia, narrativa, fotografia, arte, musica, politica, letture, incontri, dialoghi, concerti, quasi fosse una riproposizione delle variegate e ricche pagine quotidiane del blog, dove per una volta la consueta e attiva partecipazione di tutti – autori, curiosi, lettori – sarà reale e concreta.
Non un evento, una manifestazione, un festival, solo un modo di conoscersi, incontrarsi, fare comunità, “corrispondenza di amorosi sensi”.
Una festa, semplicemente.

(a breve il programma esteso. Vi attendiamo numerosi. Magari organizziamo un torneo al parco lì di fianco. Chi porta il pallone?)

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. Ho dei bellissimi ricordi di quel posticino così ospitale, e dei panini con farciture extra a prezzo mini e delle partite a briscola annaffiate col vino. Meglio di qualsiasi castello…

  2. Ottima scelta, specie perché è vicina a casa mia ;-).
    Vista l’ottica di “attiva partecipazione” tra autori e lettori, vorrei rilevare senza polemica che se noi lettori affezionati fossimo stati avvertiti prima avremmo potuto fare proposte concrete, e magari anche renderci disponibili in prima persona per discutere su certi temi. Io per es. avrei offerto la mia disponibilità a collaborare con voi per organizzare un incontro su evoluzionismo/religione/ateismo e magari anche uno sui problemi della scuola.

  3. Lorenzo, sapessi che casino è stato organizzarla… tieni conto che è tutto fatto con spirito di militanza, senza contributi, sponsor, fondi, niente. Tutto di tasca nostra.

  4. quest’anno è molto più agevole come destinazione, se riesco faccio un salto anch’io. cari saluti a tutti e buon lavoro.

  5. Bella festa. Ignoro se posso venire. Sto in pieno trasloco. Lavoro il venerdi e il lunedi alla scuola media. Da ieri ho consultato i giorni festivi, ma non corrispondano. Dovrei prendre una aero venerdi sera cha arriva a Bergama, credo e passero solo la giornata di sabato. La domenica devo partire. L’anno scorso avevo un po’ di tristezza di non essere con gli amici di Nazione Indiana. Ma mi fa piacere pensare che c’è una festa che unisce, mette in communicazione commentatori e scrittori: il cuore vivo di Nazione Indiana.
    L’anno prossimo perché non fare una festa alla frontiera Francese e italiana? Saro vicina:-)

  6. Ma non potete chiedere una quota di partecipazione:

    .. io metto 10,00€ e porto una torta paradiso, fatta con le bustine..

  7. Che meraviglia, non mancherò!!!
    Trovo che l’Arci belezza sia davvero un posticino accogliente (lo sperimenterò lunedì, quando presenterò il mio libro proprio lì!)e la vostra festa mi rende già impaziente.
    Complimenti e buon lavoro!

    fra

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il cielo per Roma – l’ipercalisse ilarotragica di Mariano Bàino

di Daniele Ventre “Chiamatemi Chiaffredo. Ma non chiedetemi il perché…”: così si inizia, con richiamo evidente all’Ismaele del Moby Dick,...

Dialogo assorto

di Antonia Santopietro Conoscere se stessi e gli altri è il modo più intenso di essere responsabili. Ma la vita è, insieme,...

Dante: una rima petrosa

di Antonio Sparzani Come si diceva qui Dante, grande ammiratore di Arnaut Daniel, il trobadour provenzale del trobar clus, l'oscuro,...

Kant à la boulangerie

di Francesco Forlani         Un pays des merveilles Con estrema grazia, la mia vicina pianista ha una discrezione aristocratica e moscovita, mi aveva...

I poeti appartati: Nina Živančević

Tre poesie di Nina Živančević tradotte dal serbo da Angelo Vannini       AMAN ZAMAN Qualcuno ha provato a ingannarmi Qualcuno voleva incolparmi Qualcuno ha provato a verniciare...

La quadrilogia della fine di internet: il ritorno alla Fonte come superamento del collasso della techne

di Sonia Caporossi Canteremo la resurrezione dell’anima consumata nella tecnologia. La notte, il sogno, la visione e la connessione....
Print Friendly, PDF & Email