La notte delle biblioteche

Come in to the Booth.  Asks Questions About Your Libraries.

[A fronte dei pesanti tagli alle biblioteche e dopo gli avvenimenti dell’11 ottobre, quando un’assemblea convocata nella Biblioteca centrale nazionale di Roma è stata impedita da agenti di polizia in tenuta antisommossa, l’Associazione Italiana Biblioteche, insieme ad altre realtà, ha deciso di promuovere l’appello che viene riportato di seguito. Nazione Indiana sostiene questo appello e invita tutti a firmarlo. Potete farlo su questa pagina]

L’Associazione Italiana Biblioteche, il Forum del Libro, l’Associazione Bianchi Bandinelli, Generazione TQ e i Presìdi del libro, con il sostegno di IFLA – International Federation of Library Associations and Institutions, ed EBLIDA – European Bureau of Library, Information and Documentation Associations, promuovono un appello a tutta la società italiana, per chiedere un’inversione di rotta che porti maggiore attenzione e maggiori risorse per le biblioteche italiane, prima che sia troppo tardi.

Le biblioteche sono un servizio essenziale per la vita culturale, sociale e civile del Paese e rappresentano un presidio di democrazia fondato sulla libertà di espressione e sul confronto delle idee.

Le biblioteche costituiscono un’infrastruttura della conoscenza che raccoglie, organizza e rende disponibili i prodotti della creatività e dell’ingegno, fornisce accesso a una pluralità di saperi e di informazioni, agevola l’attività dei ricercatori e degli studiosi, tutela la memoria culturale della nazione, offre a tutti i cittadini occasioni di crescita personale e culturale, favorisce l’acquisizione di competenze che possono essere spese nella vita sociale e lavorativa.

In Germania i frequentatori delle biblioteche superano gli spettatori delle partite del campionato di calcio; negli Stati Uniti l’investimento sulle biblioteche è parte integrante degli interventi governativi per contrastare la crisi economica; in Francia, Gran Bretagna e Spagna le biblioteche nazionali ottengono finanziamenti e dispongono di personale, attrezzature, risorse adeguate a un paese ad economia avanzata.

Mentre in queste nazioni le biblioteche sono considerate servizi indispensabili, da tutelare in quanto bene comune, da promuovere perché grazie ed esse è possibile costruire una coscienza civica fondata sulla centralità della cultura e dell’istruzione, in Italia, per colpa della crisi economica e di una politica culturale miope, le biblioteche sono allo stremo e hanno bisogno del supporto di tutti coloro che hanno a cuore le sorti della cultura.

Moltissime biblioteche (statali, di ente locale, universitarie, scolastiche, di istituti culturali) hanno subito pesanti tagli ai bilanci e al personale, blocchi all’aggiornamento delle raccolte e riduzioni all’orario di apertura, e ciò rende spesso impossibile l’esercizio delle funzioni più elementari, pregiudicando il diritto dei cittadini alla cultura, all’istruzione, alla conoscenza, alla condivisione dei valori su cui si è costruita la nostra storia.

Un paese senza biblioteche efficienti è un paese senza memoria e senza futuro. Per ogni biblioteca che chiude, si restringono gli spazi di democrazia e di libertà. Uno Stato che ha paura di discutere i problemi delle biblioteche e della cultura, riducendo la richiesta di dare vita a un dibattito pubblico sul loro ruolo e sulla loro crisi a un problema di ordine pubblico – come è avvenuto martedì 11 ottobre davanti alla Biblioteca nazionale centrale di Roma, dove cittadini che volevano difendere le biblioteche e valorizzarne la funzione hanno trovato i cancelli sbarrati e sono stati accolti da poliziotti in tenuta antisommossa – è uno Stato che tradisce l’interesse pubblico, che nega a chi ha a cuore le sorti delle biblioteche persino la possibilità di parlarne.

Roma, 22 ottobre 2011

4 Commenti

  1. Non so quanto possa realmente servire, ma diciamo che è un piccolo passo in più rispetto all’indifferenza.
    Le biblioteche non sono soltanto “un servizio essenziale per la vita culturale, sociale e civile del Paese e rappresentano un presidio di democrazia fondato sulla libertà di espressione e sul confronto delle idee”.
    Creano ricchezza non solo umana ma anche economica.
    Un popolo più consapevole e colto è mediamente più ricco ed efficiente anche “materialmente”.

    Io ho già firmato e invito tutti a farlo.

  2. Sembra che il governo sia piuttosto interessato a svendere il Paese al primo offerente globalizzato di passaggio. Ovviamente ciò può avvenire solo a prezzo di un totale azzeramento culturale del Paese stesso. Chi se ne frega se milioni di miliardi di opere d’arte e di eredità culturali vanno in fumo…

    Come gridava il protagonista del film Soilent Green: we must stop them, before it’s too late.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Idiozia d’arte & d’integralismo

di Andrea Inglese Non sono uno che ogni due minuti punta il dito sull’integralismo e si dispera per la...

L’utente al guinzaglio. Qualche appunto preliminare sulle strategie punitive di Facebook

Di Ornella Tajani Che Facebook sia un eccezionale generatore di ossessioni è ormai fuor di dubbio. Fra quelle che riguardano...

Zero Dark Thirty. La cancellazione dell’alterità del nemico e l’esibizione della tortura

di Andrea Inglese Sono andato a vedere Zero Dark Thirty. Quando ho saputo che negli Stati Uniti avevano già sfornato...

Se usi i creative commons Amazon ti censura

Riporto dal sito di Quintadicopertina, il partner di alfabeta2 per l'edizione digitale in ebook. Amazon gli ha chiuso l'account...

Sul concetto di Volto nel figlio di Dio

di Massimo Marino, Oliviero Ponte di Pino e Attilio Scarpellini Lo spettacolo di Castellucci deve andare in scena. Un appello ...

caro sindaco, parliamo di biblioteche

(Di seguito due pezzi usciti rispettivamente a mia firma su l'Unità e a firma di Christian Raimo su Il...