Macello al Teatro i

standpig.jpgSecondo appuntamento di Nazione Indiana al Teatro i

MACELLO

Lettura scenica della raccolta di poesie di Ivano Ferrari
(pubblicata nella Collezione di poesia Einaudi, 2004)

Voce dell’autore e dell’attrice Federica Fracassi

17 gennaio 2005 0re 21 – Teatro i – via Gaudenzio Ferrari, 11 – Milano.

Per informazioni e prenotazioni: 02.8323156 info@teatroi.org.

Nello spazio chiuso di un mattatoio, “la grande sala dove si esibisce la morte”, Ivano Ferrari mette in scena uno spietato e cruento interregno uomo-animale determinato da una schiacciante sopraffazione. Un Macello che rimanda ad altri macelli che continuano ad attraversare la nostra vita di specie e che è campo di battaglia, lager, laboratorio, chiesa, teatro e dove i macellatori sono carnefici, tecnici, sacerdoti, registi.

In questa raccolta poetica intensa e perentoria, piena di accensioni, implorazioni, crudeltà, straziante sarcasmo e personaggi animali e umani difficili da dimenticare, ogni verso ha un suo ictus determinato da una provocazione lessicale, tonale e psichica che diventa immediatamente lacerazione visiva. La materia, la carne – come la poesia- vengono messe in totale sofferenza e la vita è registrata nel suo punto limite e anche oltre, nelle sue ulteriori degradazioni istologiche eppure non ancora al termine del suo percorso di profanazione e violenza.

Ivano Ferrari è nato a Mantova nel 1948. Ha lavorato per alcuni anni nel mattatoio cittadino. Presso Einaudi ha pubblicato Macello e la raccolta di poesie La franca sostanza del degrado.

  4 comments for “Macello al Teatro i

  1. gigio
    15 gennaio 2005 at 23:09

    Mi hanno parlato molto bene di questo Marcello. Lo comprerò.

  2. peppefiore
    16 gennaio 2005 at 10:47

    un libro di una bellezza davvero rara, soprattutto perché è quasi impossibile trovarlo in libreria. comunque, vale la pena di farsi nemici i commessi della feltrinelli per questo.

  3. Elio Paoloni
    16 gennaio 2005 at 18:05

    Mi inserisco qui perchè il post di Raveggi è troppo sotto. Sono rimasto colpito da Cadiz e vorrei sapere qualcosa sulla rivista RE.
    Grazie

  4. Gianni Biondillo
    17 gennaio 2005 at 10:56

    Vogliamo dirlo, una volta per tutte, che l’ingresso del teatro NON è in via Gaudenzio Ferrari 11 ma, svoltato l’angolo, in via Conca del Naviglio, echeccazzo??? Che qui c’è gente che ancora gira, alla ricerca dell’ingresso, dalla performance di Tiziano Scarpa!!!

Comments are closed.