Articolo precedenteIl colore del silenzio
Articolo successivoLe scimmie… (84)

Versi in corso

di Paolo Rabissi uominiruggine.jpg

(da Lungomare)

4
Insulti sono in dialetto,
tono di voce e strepito di sillabe
bastano a confondere,
in caso di replica non serve senso
serve mulinare braccia e gridare,
come bestia ferita.

10
Il mare accoglie scheletri, avanzi,
rimodella senza soste,
respinge a terra solo gli infedeli,
gli abitanti dell’entroterra.
Portano con sé scalpelli e chiavi inglesi
per gettare ponti assicurare porti,
per tentare il mare portano scafi, ancore
medaglie di valore. Si guardano intorno.
Chiedono consensi.

12
Nella torretta diroccata, chiostri
di occhi accesi.
Era l’avventura tra i detriti,
escrementi, graffiti.
Bossoli di luce tra i denti
l’osceno nella testa.
Banda di albe
fino alla follia del mare piatto
stravedendo l’orizzonte.

(da La ruggine, il sale)

V
Competevano tutti
come fosse a rischio la sopravvivenza.
Inservibili aurore e tramonti
la notte sfuggente,
la lama affilata del giorno, quando colpiva
mostrando la ruggine e il sale,
svelava desideri, risorse.
Violando confini scoprivano limiti.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. A scanso di equivoci, vorrei chiarire che il libro dal quale sono tratte queste liriche è intitolato “La ruggine, il sale” ed è diviso in due parti delle quali la prima è “Lungomare”, la seconda ha lo stesso titolo del libro, edito da Lietocolle Libri – 2004.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

off/on

(come spesso, la domenica pubblichiamo un post dell'archivio, questo fu pubblicato da Franz l'11 agosto 2008, red) di Franz Krauspenhaar off Con...

Un lupo mannaro (personaggio dei Castelli in cerca d’autore)

di Alessandro De Santis Tutto il giorno aveva...

Miserere asfalto (afasie dell’attitudine) # 4

di Marina Pizzi 246. in un gioco di penombre la breccia della leccornia (la tavola imbandita) per convincere il sole a...

Miserere asfalto (afasie dell’attitudine)# 3

di Marina Pizzi 152. E’ qui che mi si dà il soqquadro dell'amarezza al tasto che tutto può nei tasti gemelli...

Risveglio

di Rosella Postorino Valerio, vieni a bere. Valerio saltella sulle scarpe da ginnastica, le guance rosse di chi ha corso troppo...

Opere italiane # 2 – pilates in England

di Danilo Pinto In Inghilterra ginnastica alla fermata del bus, per mantenersi in forma e volantini illustrano esercizi ispirati alla tecnica del metodo...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: