Articolo precedenteVersi in corso
Articolo successivoMeditazioni joxiane #6

Le scimmie… (84)

di Dario Voltolini

amsterdam10033.JPG siamo tutti delle scimmie, Lucio, mi ci metto anch’io

le rondini sfrecciano alte
passa un pipistrello isolato che segue
percorsi appena inventati
gli uomini fumano sigarette
e parlano di sigarette che non ci sono più
come le Blue Ribbon per esempio
i tigli come un tango stanno distesi sulle loro teste
tigli sfigurati tigli dilatati
la sera come spesso d’estate si è fermata
quasi quasi pare che torni addirittura indietro
il cielo si schiarisce
poi riprende il suo imbrunire
il tempo se potessimo disegnarlo
potrebbe essere interpretato in questa circostanza estiva e serale
come una curva che se ne va tranquilla
lungo la sua curvatura già visibile nell’equazione
poi però fa un cappio
un cenno di nodo
sale si ribalta scende interseca se stessa e poi prosegue
secondo quell’equazione che però adesso
è lì scritta sul quaderno un poco sbalordita
per quell’acrobazia che sdoppia sia il valore
della x
sia quello della y
Tamoosa Rivanova Maghen Fukkomukko
chissà dov’è che siamo
con questi accendini in mano
che leggiamo libri stando sdraiati
con un braccio dietro la nuca
la lampada sul comodino
mentre grassi cervi si muovono calpestando mele staccate dal vento
che stanno marcendo al suolo
e i banchi di sgombri si muovono a incontrare il vento
libri che arrivano da chissà dove
chissà perché arrivano qua
chissà qua dov’è che è
libri che qualcuno ha forse cominciato a scrivere
per esempio il libro del chiardiluna
sospeso a una finta corona
rendendo grazie a quella nuova temperatura
poco indovinata
fra le anse del fiume dove di notte
cigolano sui cardini le porte di legno dei magazzini
con i loro fetori con i vapori
esalati dalle decomposizioni e dalle fermentazioni
quanti germogli sulla tua strada
dietro l’erba e la polvere
le ruote del carro premono la sterrata
i cavalli i buoi i muli
nell’immaginazione avevi costruito orbite polari
fanali gialli che illuminavano spiazzi di cemento
nottetempo
e nell’aria c’erano sentori di bruciato e di rame graffiato
e
oltre la grata di recinzione

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Quattro libri – anzi sei – nel bagaglietto a mano (Bravi, Voltolini, Innocenti, Trevisan …)

di Marino Magliani
Quattro cinque libri per viaggio, insomma, è una storia che si ripete.

LIGURIA MON AMOUR

di Dario Voltolini (illustrazioni di Marco D'Aponte e adattamento di Andrea B. Nardi; da un romanzo di Marino Magliani) È...

Berenice e il tabù

di Dario Voltolini (Sempre perseguendo l'intento di far conoscere ai nostri lettori qualcosa della storia più significativa di Nazione Indiana,...

Lo “Shōbōgenzō” di Sergio Oriani disponibile online

, titolo sotto cui sono comunemente raccolti molti scritti di Dōgen (1200-1253). Su richiesta dell'amico Dario riposto qui quell'intervista,...

Su Pacific Palisades, dal libro alla scena

di Mario De Santis Avevo letto Pacific Palisades prima di vederne la mise en scene fatta con la regia e...

“Pacific Palisades”. Un testo al confine

di Stiliana Milkova Pacific Palisades, il nuovo libro di Dario Voltolini, è appena uscito da Einaudi. Pacific Palisades racconta una...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: