Articolo precedenteStorie dal mondo on line
Articolo successivoPoesia e presente

Mario Merz (un link)

di Dario Voltolini

merz_4_g.jpg

Segnalo il sito www.fondazionemerz.org

Ciao a tutti

D.V.

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. E perché mai non dovrebbe essere lecito esprimere un giudizio “viscerale”? Ricercare una “pertinenza” nel giudizio equivarrebbe a sottomettersi all’ideologia implicita nell’arte di Merz, che invece si può legittimamente rifiutare in blocco, affermando l’inconsistenza (al tempo stesso puerile e furbesca) della pretesa “concettuale” ed insinuandone invece la natura opportunistica, legata ai giochi (vabbé giochetti) di potere di cui quell’arte è espressione, ormai più che smascherati, con buona pace dei suoi adepti, più o meno ingenui, più o meno interessati alle “quotazioni” di mercato.

  2. Preciso anche che le opere di Merz a me generalmente piacciono, rimane il fatto che egli viene esageratamente “intronizzato” ad opera di un sotto-sistema sociale che considero marcio fino al midollo.

  3. Le opere che preferisco di Merz sono quelle su tela degli anni ’50 che avevano una singolare rozzezza di materia, tratti espressivi duri affini a Dubuffet, all’arte marginale.
    Gli igloo non mi hanno mai detto molto, nè numeri Fibonacci o neon vari, (derivati da opere di artisti degli aani’30), mentre alcuni vogliono far credere che sia stato lui ad averli inseriti per primo in opere d’arte.
    Una grande speculazione è stata architettata su di lui, sul suo materiale non so da quale mercante, tanto è che in un anno fece due mostre personali significative per la valutazione: una al MOMA/NewYork e pi al MOCA/California.
    Il prezzo delle sue opere salì del 1000 X 100 in pochi mesi.

  4. Uhm. Merz è brutto quindi gli tirano le pietre. E’ bravo quindi gli tirano le pietre. E’ diventato ricco quindi gli tirano le pietre. Solo in Italia volano così facilmente le pietre. Addirittura una di queste infinite pietre avrebbe deviato il proiettile di Plananica scagionandolo dall’omicidio volontario. Siamo all’era della pietra.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Caro figlio mio, chiudo questa lettera con una richiesta. Mi dirai: come posso esaudire una tua richiesta dopo quello che mi hai detto, dopo tutto l’odio che mi hai riversato in un’unica soluzione, senza pietà?

Antenati a Costantinopoli: come il Risorgimento italiano è sbarcato in Turchia

Antenati a Costantinopoli ricostruisce le reti di relazioni, spesso dimenticate, tra Risorgimento italiano e riformismo ottomano, permettendoci di fare paralleli continui tra la recente attualità politica in Turchia e in Europa...

Su “Memory Box” di Joana Hadjithomas e Khalil Joreige

di Roberto Todisco
Il giorno della vigilia di Natale, a Montreal, a casa di una famiglia composta di sole donne (nonna, madre e figlia) arriva una misteriosa scatola. [...] Il pacc arriva da Beirut, la città da cui Téta e sua figlia sono fuggite durante la guerra civile libanese degli anni ottanta.

Note a margine della ferita

  di Lorenzo Orazi   Lucio Fontana, Concetto spaziale. Attese   I Detesto avvicinarmi all’arte per un senso del dovere che intende costringermi alla conoscenza. Non...

L’intellettuale marxista Franco Fortini

di Velio Abati
Eppure, le parole pacate di Muraca generano attrito; irrompono da un altro tempo. In effetti la critica intervenuta ci ha via via consegnato approfondimenti filologici, meritori studi accademici che mentre valorizzavano e precisavano la figura di poeta e di letterato fino alla posizione di classico, sfuocavano la funzione intellettuale e segnatamente militante, politica di Fortini.

Il romanzo enciclopedico

di Marco Drago
Il 26 maggio sarà in libreria "Ferrovie del Messico" di Gian Marco Griffi. Il romanzo, ambientato nel febbraio del 1944, racconta l’avventura di Cesco Magetti, un milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria che riceve l’ordine di compilare una mappa delle ferrovie del Messico. Riproduciamo qui la postfazione di Marco Drago.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: