Articolo precedenteI pompieri
Articolo successivoRisposta a Carla Benedetti

Due note (?) su Ballads di John Coltrane

di Franz Krauspenhaar

John_Coltrane-Ballads-23-09-03.jpgBallads di John Coltrane è un disco “tradizionale”. Uno dei miei dischi di jazz preferiti. Niente a che fare con le straordinarie innovazioni di cui Trane fu portatore, però.

1962: in poche sedute di registrazione, Trane porta gli spartiti di 8 standards come ad esempio “All or nothing at all” e “Nancy”, che Frank Sinatra rese famosi come “semplici” canzoni. Non tutti i membri del mitico quartetto di Trane (Mc Coy Tyner al piano, Jimmy Garrison al contrabbasso, Elvin Jones alla batteria) conoscono i pezzi scelti dal leader, ma si fa abbastanza presto a capirsi e a capire, quando si è così dotati per la musica.

Il disco scivola denso e perfetto, senza virtuosismi particolari; è tutto naturale e spontaneo. Ma queste ballads molto classiche vengono reinterpretate magicamente.

Questo “Ballads” è considerato dai puristi del coltranismo un disco facile, commerciale, una cosa tutto sommato minore. Sono ballads, “lentacci”, insomma. Ma come vengono suonati? Niente, bisogna ascoltare e basta.

Da brividi soprattutto il penultimo pezzo, “It’s easy to remember”, scritto dalla più straordinaria coppia americana di autori di canzoni, Richard Rodgers e Lorenz Hart: un capolavoro. Ecco il testo di Hart:

Your sweet expression
the smile you gave me,
the way you looked when we meet
it’s easy to remember
but so hard to forget.
I hear you whisper,
“I’ll always love you”
I know it’s over and yet
it’s easy to remember
but so hard to forget.

So I must dream
to have your hand caress me,
fingers press me tight.
I’d rather dream
than have the lonely feeling
stealing through the night.

Each little moment
is clear before me,
and though it brings me regret
it’s easy to remember
but so hard to forget.

E per finire poche parole di John Coltrane , che secondo me spiegano chi era quest’uomo morto un po’ troppo giovane:

“Non c’è mai una fine. Ci sono sempre nuovi suoni da immaginare; nuovi sentimenti da cogliere. E sempre, c’è il bisogno di continuare a purificare questi sentimenti e suoni in modo che noi possiamo veramente vedere quello che abbiamo scoperto nel suo stato puro. In modo che noi possiamo vedere sempre più limpidamente quello che siamo. In questo modo noi possiamo dare a chi ascolta l’essenza, il meglio di quello che siamo. Ma per fare tutte queste cose dobbiamo continuamente pulire lo specchio”.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

BRUNO MUNARI Misuratore automatico del tempo di cottura per uova sode

di Bruno Munari
Prendete un esperto giocatore di lippa e fategli calare lentamente l’uovo rosso (1) nella pentola (2) piena di acqua bollente. Voi intanto vi sarete alzati di buon mattino (grazie alla macchina per addomesticare le sveglie)...

Quattro libri – anzi sei – nel bagaglietto a mano (Bravi, Voltolini, Innocenti, Trevisan …)

di Marini Magliani
Quattro cinque libri per viaggio, insomma, è una storia che si ripete.

Giovenale a caccia di trama

di Leonardo Canella
Marco Giovenale è stato per me questa estate una piccola mano disegnata fra rosso e blu e giallo. Sulla copertina bianca di La gente non sa cosa si perde (Tic editore). Questa estate.

Mots-clés__Vento

di Mariasole Ariot
Il mot-clé di agosto è: Vento - Pj Harvey, Franco Piavoli, Emily Dickinson

Se un corpo è puntellato dagli spilli

di Mariasole Ariot
Si incammina lento, un corpo puntellato dagli spilli, quando gli insetti s’insinuano nel sottopelle e dalla punta più bassa del terreno arrivano alla testa: un brulichio di voci e mani a forma di pensiero...

Guarda che c’é dentro qualcosa

di Laura Rescio
Guarda che c’è dentro qualcosa, mi dice. E io apro il libro e lo sfoglio, e non vedo niente, e lei mi dice com’è che non vedi mai niente, gli uomini non trovano mai le cose, e io mi stufo e chiudo il libro e lo lascio lì proprio per farle dispetto
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: