Articolo precedenteL’aspirapolvere
Articolo successivoCommenti

Referendum: due esortazioni e una considerazione (importante)

di Tommaso Giartosio

1. La prima esortazione la accenno appena, perché circola già largamente in rete: andare a votare domenica mattina, il più presto possibile. L’affluenza elevata registrata dai media di solito esorta anche i dubbiosi e i demotivati a recarsi ai seggi.

2. Provate a pensare a qualcuno che probabilmente non andrebbe a votare. Sarà magari qualcuno al di fuori delle vostre conoscenze immediate, un parente, un amico distante, un collega. Tre nomi, due, uno soltanto. Alzate la cornetta, chiamateli e provate a convincerli di persona. Prendetevi questo piccolo impegno.

E insistete soprattutto sul fatto che ciò che conta è prima di tutto andare a votare, a prescindere dai sì e dai no. A questo tengo molto. Prima di tutto perché anch’io ho molto riflettuto prima di optare per i quattro sì, e so che il mio voto contiene tutti i miei dubbi, li elabora, ma certamente non li cancella. Ho grande rispetto per chi voterà in modo diverso da me. E poi perché la cosa veramente grave di questa campagna referendaria è stato l’invito all’astensione.

Voglio chiarire questo punto. L’astensione in sè è legale e può anche essere giustificata (ci sono stati, in passato, referendum da cui mi sono astenuto). Ma l’invito all’astensione, pur essendo legale, è una furbata che mira a sommare i no all’astensione fisiologica di quel 20-30% di cittadini che non vanno mai alle urne. Con la conseguenza di svuotare di senso i risultati. Se si raggiungerà il quorum e vincera il sì, si potrà sempre dire che i contrari, se non avessero scelto l’astensione, avrebbero battuto i favorevoli. Se invece non si raggiungerà il quorum, si potrà dire che i non votanti erano per la maggior parte indifferenti o disinformati e che tra coloro che hanno voluto esprimere un parere i sì erano più dei no. Neanche coloro che sono favorevoli alla legge 40 così com’è ci guadagneranno: vinceranno, ma in ultima analisi non ci guadagneranno. Perché la legge potrà ugualmente venire radicalmente cambiata (e quasi certamente lo sarà), e soprattutto perché la democrazia avrà fallito il suo compito. L’unico modo per disinnescare questo meccanismo infernale è avere una percentuale di votanti alta: più sarà alta, meno il risultato sarà opinabile. Per questo occorre soprattutto che si voti. Che ognuno faccia sentire la sua voce. Anche se su uno o più quesiti dovessero vincere i no, questo sarebbe un risultato decisamente migliore. Per tutti.

(Un amico cattolico, che ha deciso di astenersi, mi ha detto: “E’ che devo scegliere tra essere cattolico e essere democratico. Allora scelgo il cattolicesimo.” Gli ho risposto, più o meno: Ma tu non accettare un aut aut che ti è stato imposto, e in cui non credi. Agisci in modo da poter uscire a testa alta da questa prova, con la convinzione di essere stato sia cattolico che democratico. Vota quattro no, se lo credi, ma vota. E se pensi che così avrai di fatto rafforzato principi che non ti appartengono, tieni presente che nel mondo del “di fatto” possono accadere molte cose, e valgono mille altre considerazioni. Prima fra tutte: compito del cristiano – lo dico da non credente che ha immensa stima per molti credenti – è agire attraverso la formazione e l’esempio. Anche se sembra così lento, così inefficace, è questo il procedere del cristianesimo, e ha fondato o influenzato intere civiltà. La tentazione della spada, la drastica imposizione giuridica dei principii cristiani non solo è immensamente meno potente della testimonianza di quei principii (l’offrire un esempio, il parlare con i giovani, il costruire comunità e carità), ma spesso li svuota di senso, li rende deboli. Deboli come una legge. La legge portata da Gesù è stata un pratica e una parola, non un codice.)

tomgiartosio@libero.it
http://www.feltrinelli.it/BlogAutore?id_autore=1000305&blog_id=21

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Perché è importante leggere David Graeber

di Lorenzo Velotti
Il suo pensiero può essere d’aiuto a chi non si rassegna alla naturalizzazione del capitalismo, del patriarcato e delle burocrazie statali coercitive

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Crimes of the future, di David Cronenberg

di Mauro Baldrati
Già, perché in quel futuro remoto, l'arte consiste nell'aprire i corpi, infliggere ferite, tagliuzzare le facce, nell'assenza del dolore, che nessuno prova più, e nella scomparsa del sesso tradizionale, sostituito dalla chirurgia senza anestesia.

Morire, un anno dopo

Mi sono chiesta a lungo cosa sarebbe successo: come avrei reagito alla notizia – piangendo? con sollievo? –, come sarebbe stato il dopo – un senso di solitudine perpetua o, a un certo punto, un’abitudine? – e, sopra ogni altra cosa, che significato avrebbe avuto, per me, per noi, per tutti, la morte.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: