Descrizione del bosco #2

di Laura Pugno

interruzione del bosco

questo è qualcuno-cosa che è mutata,
grande tartaruga piena di carne

vedi la storia:
si muovono a quattro zampe,
c’è olio sull’acqua
e copertoni incendiati

c’è olio, più antico, sull’acqua,
se guardi bene

ora che non c’è interruzione del bosco
prima della lingua

non è stato
preparato: è un luogo molto semplice

ci sono, creature, cose
fuori

la caccia a che animale
sulle piste
preda più che vera

morde la frutta
frantuma la testa del colobo
e ora s’ingrandisce la bestia

creatura che diventa predatore,
perde pelliccia
si costruisce unghie

e prelingua:

cambia il basicranio, scende
la laringe nella gola
come a due anni nel cucciolo

questo, è cosa che può parlare, che è mutata

vedi,
come le scimmie fanno musica
come decifrano tamburi,
latte di benzina
che gli dài,

come e più delle scimmie ti cambia l’osso
che ti attacca al corpo

già sei ritto in piedi
con testa pesante che si scarica a terra

si modifica l’impianto di equilibrio
qualcuno ti segna la fronte
inuma i tuoi morti
e inumazione del corpo dell’orso
copre la decomposizione del corpo

porta le ossa in un angolo

fai galleggiare zattere
di fuoco sull’acqua,
copertoni incendiati con sopra
ossa bianche forate bianchissimi fiori

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Crederci

di Giorgio Mascitelli
Noi in famiglia non crediamo nei selfie. Non occorre, credo, spiegare che quei sorrisi posticci, quelle pose frettolose, quelle angolazioni involontariamente caricaturanti quanto ci orrifichino...

Una formula matematica? Che spavento!

di Antonio Sparzani
Voi cosa pensate quando vedete scritta sulla carta una formula matematica? Il primo pensiero andrà forse a ricordi di scuola, complicazioni, cose per specialisti, scritture criptiche inventate per comunicare dei segreti che non si vuole diventino troppo condivisi...

Monsieur Jean Luc

di Manuel Maria Perrone Lettera a Jean Luc Godard Monsieur Jean Luc, Di recente ho visto una sua intervista in cui giocava...

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Perché (non) andare a Venezia

di Paola Ivaldi
Mi rifiuterò, lo prometto solennemente a me stessa, di recarmi in futuro alla Biennale per potermi vantare che sì, sono andata alla Biennale, per potermene puerilmente imbellettare

Mots-clés__Mostri

di Carla Burdese
Dormo in incognito / per non farmi riconoscere dagli incubi.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: