Il mistero del Romanzo

Parte il ciclo di incontri Il mistero del Romanzo organizzato dal Circolo Culturale Il leone e la rosa e sponsorizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona con il patrocinio della Casa Editrice Sironi. Il primo appuntamento è fissato per Venerdì 7 Aprile alle ore 18.00 presso la Sala Consiliare dell’ex Palazzo Municipale in Via Ammiraglio Mirabello. Il titolo della conferenza è Il romanzo e la sua evoluzione. Ecco comunque tutto il programma della prima parte.


IL MISTERO DEL ROMANZO
La letteratura contemporanea
raccontata dagli scrittori contemporanei

a cura di Marco Candida
con la collaborazione di Franz Krauspenhaar e Giacomo Maria Prati

L’idea di Romanzo e la sua evoluzione. 7 aprile 2006 Sala del Consiglio (ex sede del Comune) ore 18. Incontro con : Alessandro Piperno e Leonardo Colombati

Specchi rovesciati… il mondo come surrealtà
(da Calvino a Manganelli a Antonin Artaud a Carmelo Bene)
4 maggio 2006 – Sala del Consiglio (ex sede del Comune) ore 21. Incontro con : Aldo Nove e Tiziano Scarpa

La voce del romanzo. Reading di letteratura contemporanea 24 maggio 2006 in Piazzetta Guidobono – ore 21 Con : Tiziano Scarpa e Antonio Moresco (In caso di maltempo : Sala del Consiglio – ex sede del Comune)

Laboratorio di letteratura a cura di Giulio Mozzi sul tema : Simbologie e Archetipi. 10 e 11 Giugno 2006 – Sala Giovani – ore: 9,30 – 12,30 e 15 – 18,30

Print Friendly, PDF & Email

9 Commenti

  1. “Specchi rovesciati… il mondo come surrealtà
    (da Calvino a Manganelli a Antonin Artaud a Carmelo Bene)” è l’argomento dell’incontro di Scarpa e Nove? o è quello di Piperno e Colombati?

  2. E’ il tema dell’incontro con Aldo Nove e Tiziano Scarpa… :-) Tra “Incontro con : Alessandro Piperno e Leonardo Colombati”
    e
    “Specchi rovesciati… il mondo come surrealtà”

    bisognerebbe dare un “invio” in più per evitare confusioni.

  3. “In caso di maltempo”
    perchè con Moresco e Scarpa si temono gli elementi? :-)
    in bocca al lupo a tutti e magari fateci sapere delle cose dette (tra-scrivetecele)
    Krauspenhaar libero Piperno Stopper (parafrasando una scritta sui muri degli anni settanta)
    effeffe

  4. Preciso che il testo della locandina non l’ho fatto tutto io. Quel “maltempo” non è stato messo da me; fosse dipeso da me, avrei usata qualche altra espressione. Conosco l’ambiente e so che ci sono dei giocatori di parole eccezionali, unici, irripetibili. Avrei fatto più attenzione.

  5. A Tortona, in provincia di Alessandria. Un’ora di treno da Milano; un’ora di treno da Genova; un’ora e mezza di treno da Torino.

    Domanda legittima nella segnalazione la città non compare.
    Evidentemente il post è stato ricopiato così com’è dal mio blog (clicca su “Marco” per accedervi) senza tenere conto che lì il nome della città, anche se non dentro il post ricopiato, è scritto molto grosso ed è impossibile avere dubbi.

    ;-)

  6. (Anche se, aggiungo, trattandosi di un evento sponsorizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona è facilmente deducibile che la cosa si svolga a Tortona)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.

L’Anno del Fuoco Segreto: L’Ombelico dell’Arno

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Andrea Zandomeneghi Conoscevo crackomani che si preoccupavano (seriamente) per la mia...

Da “solchi”

di Jacopo Mecca
Alcuni testi tratti dalla plaquette d'esordio "solchi" (Fallone editore, 2021).

Fotoromanzo urbano

di Gianni Biondillo
Il racconto di un piccolo desiderio, forse un po' puerile, nato dopo aver visto e ammirato le bellissime fotografie di Sofia Mangini.

Quella violenza non la dimenticheremo mai – Peter Genito

di Peter Genito
Timore, paura, terrore. Ma siamo sicuri che la nostra paura sia del virus? Siamo sicuri che sia stato così sin dall'inizio? E non di chi, in quel momento e ora, comandava e comanda il gioco?

SÀDEQ HEDÀYAT: una civetta cieca

di Luca Vidotto
Hedàyat ci narra questa storia dando voce a un io perverso che si rivolge alla sua ombra e che prende le sembianze di una civetta cieca – nella cultura persiana simbolo di sventura, di mala sorte, di un che di maligno.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: