Juke-Box/Heaven

psychedelicfurs_2.jpg

di The Psychedelic Furs/Richard Butler

HEAVEN

heaven
is the whole of the heart
and heaven don’t tear you apart
yeah heaven
is the whole of the heart
and heaven don’t tear you apart

there’s too many kings
wanna tear you down
and a world at the window
gone underground
there’s a hole in the wky where the
sun don’t shine
and a clock on the wall
and it counts my time

and heaven
is the whole of the heart
and heaven don’t tear you apart
yeah heaven
is the whole of the heart
and heaven don’t tear you apart

there’s a song on the air
with a love-you-line
and a face in a glass
and it looks like mine
and i’m standing on ice when i say
that i don’t hear planes
and i scream at the fools
wanna jump my train

and heaven
is the whole of the heart
and heaven don’t tear you apart
yeah heaven
is the whole of the heart
and heaven don’t tear you apart
yeah heaven
ah heaven
yeah heaven

PARADISO

Il paradiso

è il pieno del cuore

ed il paradiso non ti lacera

Il paradiso

è il pieno del cuore

ed il paradiso non ti lacera

ci sono troppi re

che vogliono farti a pezzi

ed un mondo sotterrato

alla finestra

c’è un buco nel cielo dove

il sole non brilla

ed un orologio sul muro

che segna il mio tempo

ed il paradiso

è il pieno del cuore

ed il paradiso non ti lacera

Il paradiso

è il pieno del cuore

ed il paradiso non ti lacera

c’è una canzone in onda

con un verso d’amore

ed un volto nel vetro

che somiglia al mio

e resisto sul ghiaccio dove dico

che non sento gli aerei

e grido agli sciocchi

che vogliono saltare sul mio treno

ed il paradiso

è il pieno del cuore

ed il paradiso non ti lacera

Il paradiso

è il pieno del cuore

ed il paradiso non ti lacera (1984).

(Ieri notte per caso ho rivisto dopo parecchi anni il bellissimo videoclip di Heaven, con i Psychedelic Furs che fanno finta di eseguire il pezzo sotto una pioggia battente e notturna. Una canzone che segna un cambiamento per questo grande gruppo anni 80 verso un sound abbordabile e decisamente più commerciale rispetto ai pezzi del grandissimo disco d’esordio “Talk talk talk”, del 1981. Dedico questo “Juke-Box” al principe Antonio De Curtis – che col pop rock soprattutto elettronico non c’entra nulla; ma che c’entra col paradiso, o perlomeno con l’idea di esso; e  che giusto 40 anni fa – oltretutto in piena era beat- scompariva purtroppo dalle scene del mondo. FK)

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. grazie Franz, da me che nulla sapevo del gruppo, bel testo bella traduzione, ancora juke-box! a.

  2. Malafemmena

    Si avisse fatto a n’ato
    chello ch’e fatto a mme
    st’ommo t’avesse acciso,
    tu vuò sapé pecché?

    Pecché ‘ncopp’a sta terra
    femmene comme a te
    non ce hanna sta pé n’ommo
    onesto comme a me!…

    Femmena
    Tu si na malafemmena
    Chist’uocchie ‘e fatto chiagnere..
    Lacreme e ‘nfamità.

    Femmena,
    Si tu peggio ‘e na vipera,
    m’e ‘ntussecata l’anema,
    nun pozzo cchiù campà.

    Femmena
    Si ddoce comme ‘o zucchero
    però sta faccia d’angelo
    te serve pe ‘ngannà…

    Femmena,
    tu si ‘a cchiù bella femmena,
    te voglio bene e t’odio
    nun te pozzo scurdà…

    Te voglio ancora bene
    Ma tu nun saie pecchè
    pecchè l’unico ammore
    si stata tu pe me…

    E tu pe nu capriccio
    tutto ‘e distrutto,ojnè,
    Ma Dio nun t’o perdone
    chello ch’e fatto a mme!…

    testo e musica di Antonio de Curtis

    mica come quei pomicioni dei Psychedelic Furs

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Giamaica e malinconie

di Nick Casini
A Winnifred Beach c’è una signora che prepara zuppe bollenti. Non è Cynthia - la ristoratrice che compare con Anthony Bourdain in un episodio di Parts Unknown - ma un’altra signora. Gestisce un chiosco a dieci metri dal mare

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

Vasyl’ Stus e Marina Cvetaeva

di Ornella Tajani
Nella collana DieciXuno di Mucchi dedicata alla traduzione poetica [...] è uscito stavolta un volumetto dedicato non a uno ma a due poeti: l'ucraino Vasyl' Stus insieme a Marina Cvetaeva

Jova Instant City?

di Alberto Giorgio Cassani
Non so se qualcuno l’abbia mai notato o scritto, ma Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, col suo Jova Beach Party ha realizzato l’ultimo degli iconici progetti utopici usciti dalla mente megastrutturale degli Archigram: mi riferisco al celebre progetto di Instant City.

I poeti appartati: Francesca Fiorentin

di Francesca Fiorentin
Mi tiene in piedi un attrezzo, una stampella posso camminare verso ... ma la cosa più solida che ho – è la, immaginaria.

Il grande complotto delle voci magnetiche

di Tito Sdralevich
Di quel giorno mi ricordo che stavo andando al centro trapianti quando vidi lo zingaro accasciato fuori dalla stazione del metrò, con i vigili tutti intorno per evitare che lo linciassero
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: