Articolo precedenteNessuno
Articolo successivoAvo

Quattro giorni per non morire

9788851800628g.jpg

di Franz Krauspenhaar 

E’ in uscita il nuovo romanzo di Marino Magliani, Il collezionista di tempo, per Sironi. Con l’occasione ripropongo la mia breve recensione del suo libro precedente – Quattro giorni per non morire– pubblicata nel numero di Ottobre 2006 del mensile Letture. FK

La copertina e il titolo richiamano le locandine di certi noir francesi anni 60/70; tolto il richiamo cinematografico, questo è un romanzo che sta sul bordo del genere – senza mai per l’appunto veramente entrarci – per certe venature della trama: un uomo gravemente malato torna dal carcere di Regina Coeli – dove da anni sconta una pena per traffici illeciti – nel borgo ligure natio, e laggiù ritrova le sue radici incontrando personaggi che le incarnano. Ha i quattro giorni di permesso accordatogli per organizzare una fuga in Messico dove potrebbe curare una grave malattia contratta un decennio prima. Ma il romanzo sta sul bordo soprattutto per altro: c’è la frontiera (il paesino non è lontano dalla Francia) e questo breve tempo che il protagonista ha a disposizione per venire a capo della sua vita, e che per l’appunto non può oltremisura debordare.

Magliani ha la rara abilità di raccontare una storia impiantata sull’ “azione” con la misurata lentezza propria di una letteratura passata alla storia troppo in fretta, e prestando grande attenzione alla resa dei dialoghi: leggendoli, infatti, non è difficile ritrovare la parlata tipica della Liguria di Ponente, terra affilata e ritorta tra cielo, mare e le ombre di un entroterra che ha bisogno di ben più di quattro giorni per essere compiutamente conosciuto.

Questo romanzo pieno di rimandi alla letteratura di quei luoghi (soprattutto a Francesco Biamonti, che viene citato a più riprese come una sorta di voce guida) ha soprattutto una sua lingua precisa, talvolta gergale ma sempre per vera necessità. E l’accurata scrittura è sempre tenuta a bassa temperatura, pulsante a basse pulsazioni come il cuore sotto sforzo di un asso del ciclismo.

Questo romanzo mostra il tentativo fatto da molta letteratura di qualità di parlare del proprio “bordo” (o borgo) aspirando all’universale: tentativo a mio avviso riuscito.

Quattro giorni per non morire – di Marino Magliani – Sironi, pagg.156 euro 12,90.

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. non l’ho ancora letto, è uno dei miei prossimi obbiettivi!
    Sicuramente queste recensioni me lo rendono ancor più appetitoso!
    Sia per la trama che per i luoghi.
    Quindi a presto…
    Irene

  2. Anch’io ho amato molto questo libro di Marino, che mi ha fatto scoprire una voce profonda e misurata, e una spiritualità molto lontana dal chiacchiericcio e dalla bigiotteria di tanta narrativa contemporanea. Un libro che non provoca nè consola a tutti costi, ma ti fa amare la vita, desiderando di tornare a gustarla a piccoli sorsi.

  3. Marino,
    la tua lingua, asciutta ed essenziale,
    ben sa delineare le atmosfere,
    colpi secchi nella memoria
    di chi certi luoghi ha respirato.

  4. Marino scrive così bene da essere imbarazzante (per la scrittura degli altri scrittori “più famosi”).

  5. Quando ho letto il racconto che poi abbiamo pubblicato sul Maltese e che questo sito ha felicemente ripreso, ho scritto a Marino e gli ho detto (gli davo del lei perchè non ci conoscevamo): “Si offende se la definisco un Biamonti maudit?”. Non si è offeso, per fortuna. Poi, tornando dalla Spagna, sono andato a trovarlo nella sua Liguria. L’atmosfera era la stessa dei “Quattro giorni”. C’era un cinghiale alla catena, una pozza d’acqua verde dove ci siamo tuffati senza un attimo d’esitazione e un bar che serviva cedrate tassoni ghiacciate. sono sicuro che il nuovo romanzo confermerà le sue doti di generosissimo narratore.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il nostro tempo insieme

di Sara Mazzini
Questa ora è la mia casa, pensa, mentre lui già richiude la porta, le sfila la giacca del completo di cotone leggero.

Plug-in? Plug-out!

di Alberto Giorgio Cassani
Alcune puntuali considerazioni sulla fine della Nakagin Capsule Tower, un capolavoro architettonico degli anni Settanta conosciuto in tutto il mondo, marcatore del paesaggio di Tokyo e del nostro immaginario.

I fratelli Ndiaye-NDiaye

di Andrea Inglese
La nomina di Pap Ndiaye al Ministero dell’Educazione Nazionale del nuovo governo della presidenza Macron e del primo ministro Élisabeth Borne non è banale, per vari motivi.

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Caro figlio mio, chiudo questa lettera con una richiesta. Mi dirai: come posso esaudire una tua richiesta dopo quello che mi hai detto, dopo tutto l’odio che mi hai riversato in un’unica soluzione, senza pietà?

Antenati a Costantinopoli: come il Risorgimento italiano è sbarcato in Turchia

Antenati a Costantinopoli ricostruisce le reti di relazioni, spesso dimenticate, tra Risorgimento italiano e riformismo ottomano, permettendoci di fare paralleli continui tra la recente attualità politica in Turchia e in Europa...

Su “Memory Box” di Joana Hadjithomas e Khalil Joreige

di Roberto Todisco
Il giorno della vigilia di Natale, a Montreal, a casa di una famiglia composta di sole donne (nonna, madre e figlia) arriva una misteriosa scatola. [...] Il pacc arriva da Beirut, la città da cui Téta e sua figlia sono fuggite durante la guerra civile libanese degli anni ottanta.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: