Juke-Box / Vademecum tango

297_00.jpg

di Franco Nebbia 

Mutatis mutandis absit iniuria verbis
temporibus illis obtorto collo … tango!
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango, ad usum Delphini.

Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango… sed alea iacta est!
Memento audere semper mala tempora currunt.
Per aspera ad astra parva sed apta mihi
horribile visu sed ex abrupto… tango!
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango, ad usum Delphini.
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango… sed alea iacta est!
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango, ad usum Delphini.
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango…  sed alea iacta est!
Ipso facto magna pars!

(Questa canzone di Nebbia – su melodia sfacciatamente tango- divenne famosa nell’interpretazione di Gino Bramieri, Marisa del Frate e Raffaele Pisu. FK)
 

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. Grande Franz! Grazie di aver ricuperato questo gioiellino che mi leva di dosso un numero esagerato di anni!

  2. I bei tempi del “Gambero” radiofonico e dell'”Amico del giaguaro” televisivo: vero e proprio giurassico, però pulito, intelligente, e ancora fresco.
    un grazie ben oltre la semplice nostalgia divertita.

  3. eh, sì, Franz, sei una sorpresa continua – conoscevo Nebbia per il Gambero (mio padre ne era appassionato ascoltatore) – l’autore di cabaret poi era inarrivabile

  4. Nebbia era anche un ottimo attore. Sornione, classe innata, un intellettuale dello spettacolo. Bravo, molto, ne La donna della domenica di Luigi Comencini, tratto dal romanzo di Fruttero & Lucentini, ambientato in una dura e canicolare Torino inizio 70.

  5. Ho rivisto La donna della domenica proprio domenica, e proprio a Torino. Posso confermare che Torino è dura e canicolare anche quest’anno. Questo nonostante la nuova cinquecento “appartiene a tutti noi”, come recato scritto dagli enormi manifesti pubblicitari appesi in piazza vittorio. ma vademecum tango, va.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Una formula matematica? Che spavento!

di Antonio Sparzani
Voi cosa pensate quando vedete scritta sulla carta una formula matematica? Il primo pensiero andrà forse a ricordi di scuola, complicazioni, cose per specialisti, scritture criptiche inventate per comunicare dei segreti che non si vuole diventino troppo condivisi...

Monsieur Jean Luc

di Manuel Maria Perrone Lettera a Jean Luc Godard Monsieur Jean Luc, Di recente ho visto una sua intervista in cui giocava...

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Perché (non) andare a Venezia

di Paola Ivaldi
Mi rifiuterò, lo prometto solennemente a me stessa, di recarmi in futuro alla Biennale per potermi vantare che sì, sono andata alla Biennale, per potermene puerilmente imbellettare

Mots-clés__Mostri

di Carla Burdese
Dormo in incognito / per non farmi riconoscere dagli incubi.

La società degli uomini barbagianni

di Emanuele Kraushaar
Io sono A. Una volta ho chiesto a mia madre perché mi avesse chiamato così. Non ha detto niente ed è scoppiata a ridere. Ricordo la sua bocca che si apriva e i suoi denti bianchissimi.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: