Juke-Box / Vademecum tango

297_00.jpg

di Franco Nebbia 

Mutatis mutandis absit iniuria verbis
temporibus illis obtorto collo … tango!
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango, ad usum Delphini.

Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango… sed alea iacta est!
Memento audere semper mala tempora currunt.
Per aspera ad astra parva sed apta mihi
horribile visu sed ex abrupto… tango!
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango, ad usum Delphini.
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango… sed alea iacta est!
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango, ad usum Delphini.
Ubi maior minor cessat talis pater talis filius
motu proprio ad maiora
ahi, vademecum tango…  sed alea iacta est!
Ipso facto magna pars!

(Questa canzone di Nebbia – su melodia sfacciatamente tango- divenne famosa nell’interpretazione di Gino Bramieri, Marisa del Frate e Raffaele Pisu. FK)
 

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. Grande Franz! Grazie di aver ricuperato questo gioiellino che mi leva di dosso un numero esagerato di anni!

  2. I bei tempi del “Gambero” radiofonico e dell'”Amico del giaguaro” televisivo: vero e proprio giurassico, però pulito, intelligente, e ancora fresco.
    un grazie ben oltre la semplice nostalgia divertita.

  3. eh, sì, Franz, sei una sorpresa continua – conoscevo Nebbia per il Gambero (mio padre ne era appassionato ascoltatore) – l’autore di cabaret poi era inarrivabile

  4. Nebbia era anche un ottimo attore. Sornione, classe innata, un intellettuale dello spettacolo. Bravo, molto, ne La donna della domenica di Luigi Comencini, tratto dal romanzo di Fruttero & Lucentini, ambientato in una dura e canicolare Torino inizio 70.

  5. Ho rivisto La donna della domenica proprio domenica, e proprio a Torino. Posso confermare che Torino è dura e canicolare anche quest’anno. Questo nonostante la nuova cinquecento “appartiene a tutti noi”, come recato scritto dagli enormi manifesti pubblicitari appesi in piazza vittorio. ma vademecum tango, va.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nostalgie della terra

di Mauro Tetti Ogni cosa vissuta o immaginata continuava a ingannarmi trascinandomi dabbasso in qualche buco sconosciuto della vita. Sentimento...

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...

In principio fu il male

    Pubblichiamo qui di seguito un estratto dell'ultimo libro di Davide Gatto, In principio fu il male, Manni, 2021. Il capitolo...
Print Friendly, PDF & Email