parole sconce

 

di Gloria Caccia Redig

Questo dolore fermo immobile sfocato
Quasi altro da me sconcio solo mio
Indirizzo subacqueo di male attraversato
Che m’attraversa parte a parte
Rimbalza chiodato e non esce da me
Che sto fuori di me e osservo covo tremo
Ferma sui nidi del passato che non muore.
Osservo, sì, questo cupo sciogliersi di giorni
E lo spreco dei miei occhi che non posano
Che non sanno aver riposo così chiusi turbinanti
Pieni di paura e strilli non emessi
Ma ingoiati stretti intorno al collo a cappio.
Questo stagno di vita galleggiante
Di vita mai abbastanza vita mai abbastanza.
Non so dove esistere stretta a questo figlio
Non respiro non nuoto è lui che salva
Questa sua madre sciocca subacquea madre
Che ride triste una volta al giorno contro tutto
Il resto del tempo in cui tiene la faccia
All’ombra del respiro che la soffoca.
Intorno sono tutti leggeri volano insipienti
Non sentono il germe di queste rughe di malanno
Antico non crescono non vogliono altro bene
Che questo altro male in cui esistere.

***

Tutto il dolore in un nocciolo duro
Sottolingua. Tutto il dolore compresso
Incompreso nelle parole poche, negli oggetti
Della casa, nel povero letto sempre rifatto.
E questo bambino splendente che non ha sole
Che piange del nostro niente.
Non sapevo di questo dolore, della guerra fredda
del convivere. Queste manine mie, e il bocciolo
della bocca, i capelli di piuma, il nasino raffreddato.
Questo è il regno.

***

Ogni giorno un uomo su cui camminare lenta
Ogni giorno un bacio, tassello d’amore falso e necessario
Ho perduto l’amore, resto io.
Mi annienta non essere
Non avere specchi alle mie brame
Sono qui per essere odiata, lo ricordo
Per rovesciare e uccidere, scintillare
Piena di magie
E di nessuna religione.

***

Ho solo scaglie di gloria e di pensiero
Fiato corto nel dovere del respiro
Astuzie dolorose e spreco di forze cattive
Cibo insano, vomito pensato, corrosione d’intenti
Pochi raggi da bere sbrodolati
Nell’arsura immobile di questo tempo desolato
Non ho balsamo capace, non ho dolcezza, non so più niente
Di niente dell’immagine di me.

***

Sul molo nel vento hai bestemmiato
Carnefice mentivi di innocenza
Innocente ti bevevo a sorsate d’aceto.
I nostri anelli di nozze in fumo
Le bugie bugie bugie dette piano
Sussurrate nel letto stanco dell’amore
Che male saperti in vita. Ti vorrei
morto, suicida, devastato. Che cosa hai preso
di me, che cosa sono adesso.

marco rovelli

Marco Rovelli nasce nel 1969 a Massa. Scrive e canta. Come scrittore, dopo il libro di poesie Corpo esposto, pubblicato nel 2004, ha pubblicato Lager italiani, un "reportage narrativo" interamente dedicato ai centri di permanenza temporanea (CPT), raccontati attraverso le storie di coloro che vi sono stati reclusi e analizzati dal punto di vista politico e filosofico. Nel 2008 ha pubblicato Lavorare uccide, un nuovo reportage narrativo dedicato ad un'analisi critica del fenomeno delle morti sul lavoro in Italia. Nel 2009 ha pubblicato Servi, il racconto di un viaggio nei luoghi e nelle storie dei clandestini al lavoro. Sempre nel 2009 ha pubblicato il secondo libro di poesie, L'inappartenenza. Suoi racconti e reportage sono apparsi su diverse riviste, tra cui Nuovi Argomenti. Collabora con il manifesto e l'Unità, sulla quale tiene una rubrica settimanale. Fa parte della redazione della rivista online Nazione Indiana. Collabora con Transeuropa Edizioni, per cui cura la collana "Margini a fuoco" insieme a Marco Revelli. Come musicista, dopo l'esperienza col gruppo degli Swan Crash, dal 2001 al 2006 fa parte (come cantante e autore di canzoni) dei Les Anarchistes, gruppo vincitore, fra le altre cose, del premio Ciampi 2002 per il miglior album d'esordio, gruppo che spesso ha rivisitato antichi canti della tradizione anarchica e popolare italiana. Nel 2007 ha lasciato il vecchio gruppo e ha iniziato un percorso come solista. Nel 2009 ha pubblicato il primo cd, libertAria, nel quale ci sono canzoni scritte insieme a Erri De Luca, Maurizio Maggiani e Wu Ming 2, e al quale hanno collaborato Yo Yo Mundi e Daniele Sepe. A Rovelli è stato assegnato il Premio Fuori dal controllo 2009 nell'ambito del Meeting Etichette Indipendenti. In campo teatrale, dal libro Servi Marco Rovelli ha tratto, nel 2009, un omonimo "racconto teatrale e musicale" che lo ha visto in scena insieme a Mohamed Ba, per la regia di Renato Sarti del Teatro della Cooperativa. Nel 2011 ha scritto un nuovo racconto teatrale e musicale, Homo Migrans, diretto ancora da Renato Sarti: in scena, insieme a Rovelli, Moni Ovadia, Mohamed Ba, il maestro di fisarmonica cromatica rom serbo Jovica Jovic e Camilla Barone. 

  9 comments for “parole sconce

  1. sibilla
    28 febbraio 2008 at 17:42

    parole che vorrebbero essere sconce. sarà possibile parlare di corpo senza autoindulgenze sentimentali, con attitudine più scabra e essenziale?

  2. Agata
    28 febbraio 2008 at 19:05

    ma dove sono le parole sconce?
    a parte tutto, non raggiungono il cuore, i sensi, il corpo.

  3. Marlowe
    28 febbraio 2008 at 19:40

    Io trovo invece che la parola qui sia carne densa, e vissuta. Nessuno di questi versi indulge a qualcosa di estraneo a se stesso. Sì, forse c’è troppa ragione, talvolta. Ma è una ragione pulsante sangue che ne riempie la visione. Questa, secondo me, è la sconcezza, rappresentare una verità irrappresentabile.

  4. C.
    28 febbraio 2008 at 19:59

    la visione non somiglia alla ragione, mai.

  5. massey
    28 febbraio 2008 at 20:04

    l’oracolo non si contraddice, si riserva

  6. Marlowe
    28 febbraio 2008 at 22:06

    C., non ho assimilato ragione e visione. La sintassi non è un’opinione.

  7. spade
    28 febbraio 2008 at 23:40

    soavi schiocchi di marlowe

  8. Ugolino Conte
    29 febbraio 2008 at 01:52

    Sono d’accordo col primo commento di Marlowe.

    Aggiungerei solo qualche piccola notazione “critica”. Magari domani.

  9. franz krauspenhaar
    29 febbraio 2008 at 09:18

    Versi vissuti, sì, che si sentono nettamente veri, e questo secondo me è molto importante. Un “brava” sincero.

Comments are closed.