Articolo precedenteNascita
Articolo successivoMia madre discorre sempre di nature morte

Zoria

pblake-untitled-97.jpg 

 di Esther Grotti

Zoria

Sua Signoria

permette?

emersa

da rimasugli di memoria

sporca e regale come sempre

mi inviti urlando

gentilmente

di servirti un vassoio

di carta per i tuoi sogni possenti

da disegnare tutti d’un fiato

mi inerpico nei bar

e nelle panetterie

a cercare la tela da te preferita

con due scatolette per i gatti

che albergano il cemento

insieme a te

regalmente

gattescamente

anche oggi

non sono una mignotta

ma una serva bionda alla tua follia

quanto mi manca oggi

Zoria

la tua follia

che faceva di

Viareggio un’opera d’arte

più del liberty

più del carnevale

più della lecciona del mare

cammino oggi

nel freddo che taglia la memoria

Zoria ancora fossi

Zoria

ancora amica

mia

(Immagine: Peter Blake – Untitled, 1997)

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Memorie – Vincenzo Consolo

Memoria, memorie Introduzione di Claudio Masetta Milone al libro "Memorie" di Vincenzo Consolo (Dante & Descartes, 2020) “Avrei potuto, o potrei, giunto...

Fare ciò che è Giusto

di Gianni Biondillo Date le polemiche che leggo in queste ore, mi piacerebbe per una volta non buttarla in politica...

Ricordi della natura umana. The last Saul

Presentiamo un saggio contenuto in L’albero del romanzo. Un saggio per tutti e per nessuno in uscita per Effigie...

Metamorfosi del ricordo ai tempi dei social

  di Ornella Tajani Scopro oggi che non esiste più il rinnovo del passaporto: dopo dieci anni lo si cestina e...

La casa al mare – Luca Lucchesi

La casa al mare racconto inedito di Luca Lucchesi   Il mare è guasto. Ci risiamo. Ora di pranzo, sono sola, ho...

waybackmachine#03 Roberto Saviano “Su Gustaw Herling”

3 marzo 2008
ROBERTO SAVIANO ”Su Gustaw Herling”

In un unico amarissimo sorso, dovrebbe essere bevuto Un mondo a parte di Gustaw Herling che riappare presso Feltrinelli in edizione economica. Leggere tutto in una volta, subendo un pugno nelle viscere, uno schiaffo in pieno volto, sentendo la dignità squarciata, la paura di poter crollare prima o poi nello stesso girone infernale descritto nelle pagine.