Visionari – Professor Bad Trip, Gianluca Sbrana

17 marzo 2009
Pubblicato da

badtrip              199320120x8520madonna20birbi

di Marco Rovelli

 

Gianluca Lerici, in arte Professor Bad Trip, è stato un grandissimo artista dell’underground nel campo dell’illustrazione. Pittura acrilica su tela (la maggior parte della sua produzione), disegno a china o fumetto, cartoncino o metallo – nulla restava immune dal suo genio creativo, dalla sua “arte mutante”. Ha traversato psichedelia, punk e cybercultura, si è ispirato a Burroughs (una delle sue opere più conosciute è il Pasto Nudo) e Ballard, così come a Robert Crumb, dando vita a una sua cifra personalissima, mettendo in scena creature dickiane, mostri spaziali, vulcani in eruzione, fabbriche inquinanti e disastri (i libri della sua arte e dei suoi fumetti sono pubblicati da Shake edizioni). Bad Trip è morto nel 2006, e adesso sul web sta girando una petizione, promossa da Gomma Guarneri e da Andrea Campanella, che chiede che gli venga dedicata una sala del CaMec, il Museo di Arte Contemporanea della sua città, La Spezia. La petizione può essere firmata qui: www.firmiamo.it/diamounacasaalgeniodelprofbadtrip.

In una città vicina, Massa, abita un altro artista visionario, Gianluca Sbrana. Il suo sito (www.sbrana.org) squaderna le sue visioni. Gianluca Sbrana crea universi paralleli, popolati da figure fantastiche – strani, perturbanti accostamenti e bricolage figurali. E’ la disposizione allo stupore, la cifra. Così, occorre lasciarsi stupire dal “paese all’ora di cena”, con le sue molte “aperture” – le finestre accese o le molte lune in cielo che siano; dalla “casa sulla foce”, blu come un varco a un giardino segreto e subacqueo; dallo “scarecrow”, spaventapasseri in postura sacrificale in un cantuccio oscuro, azzannato dai cani. E poi le cifre più specificamente fumettistiche, che ricordano da vicino la “lowbrow art” americana: definita anche – e il termine mi pare molto adeguato alle opere di Sbrana – “Pop surrealism”. E poi le sculture, o le installazioni luminose: anche quelle, decisamente, surrealismo pop.

(Pubblicato su l’Unità, 14/3/2009)

Tag: , , ,

21 Responses to Visionari – Professor Bad Trip, Gianluca Sbrana

  1. mauro baldrati il 17 marzo 2009 alle 12:09

    Sono d’accordo sulla grandezza di Professor Bad Trip e firmo la petizione. Invece non si apre il link relativo al sito di Gianluca Sbrana

  2. marco rovelli il 17 marzo 2009 alle 12:37

    Grazie Mauro, problemi di link, ho messo l’indirizzo.

  3. franz krauspenhaar il 17 marzo 2009 alle 13:49

    Ma la pop art non è già surrealismo in catena di montaggio? Bei quadri, anche se, forse, troppo illustrativi. La pittura vera è sempre più scarna, più elementare…

  4. lucio il 17 marzo 2009 alle 20:03

    Io invece non riesco ad aprire il link per firmare la petizione – in favore di Gianluca Lerici. E vorrei magari invitare altri a firmarla; perchè credo che l’opera pop-underground del prof meriti uno spazio pubblico e che anche il museo ne guadagni.
    franz krauspnhaar “surrealismo in catena di montaggio”?
    lucio

  5. lucio il 17 marzo 2009 alle 20:05

    pardon, krauspenhaar
    lucio

  6. vito il 17 marzo 2009 alle 22:10

    franz ha ragione … surrealismo in catena di montaggio dice perfettamente lo stile di una pittura fra Ernst, Savinio, Tim Burton e i cartoni gotici che vede mio figlio di sei anni… ho molte perplessità sull’idea di aver pubblicato su l’unità questo accorato appello

  7. marco rovelli il 17 marzo 2009 alle 22:13

    Mi pare che Franz con quella definizione si riferisse alla “pop art” – e su questo non mi trovo granché d’accordo, visto che il surrealismo lavora su materiale onirico e la pop art sul feticcio merce. Ma è vero che poi ci sono metodi di composizione contigui.
    Quanto alla pubblicazione sull’Unità, non capisco le perplessità.

  8. vito il 17 marzo 2009 alle 22:24

    sai … ho un’idea romantica del l’unità… forse penso che fra quelle pagine debba passarci materiale più alto. Non volevo essere cattivo, ma forse lo sono lo stesso… ho visto le immagini che non mi convincono. Molte opere, se non tutte, mi sembrano un’esercitazione da illustratore estremo, come in un cartone un po’ colto e per adulti… la piacevolezza sottolineata e così onirica mi pare che strizzi l’occhio all’acquirente da galleria d’arte contemporanea che commenta dicendo “particolare!”. Non c’è ironia, non mi sembrano autentiche

  9. marco rovelli il 17 marzo 2009 alle 22:28

    Per carità, nulla da dire sull’esser cattivo, più che legittimo esserlo, non capivo davvero il senso della tua affermazione, adesso l’ho capito, ma solo in parte: ti riferisci a Bad Trip o a Gianluca Sbrana o a tutti e due?

  10. vito il 17 marzo 2009 alle 22:30

    soprattutto a sbrana… ma su bad trip voglio documentarmi meglio

  11. vito il 17 marzo 2009 alle 22:33

    Bad Trip è decisamente più alto… l’avevo negli occhi e non lo avevo collegato al nome

  12. marco rovelli il 17 marzo 2009 alle 22:37

    A me pare invece che le sue opere siano davvero colme di ironia, non saprei leggerle altrimenti. Il suo assemblage mette insieme materiali alti e materiali bassi, e gioca con la dimensione del sacro con spirito da infante (nel senso pieno e vero del termine). Curioso poi che tu parli di piacevolezza, proprio ieri qualcuno a cui ho fatto vedere il sito mi ha detto di essere colpito favorevolmente, e “disturbato”, nel senso dell’affiorare perturbante di immagini – insomma, tutto il contrario della tua percezione. Ma ovviamente questo sta nel normale gioco della ricezione delle opere d’arte, credo. (La controprova, del resto, è proprio che nessuno dei galleristi di arte contemporanea – quelli che appunto fanno della piacevolezza un must – ha mai dato spazio a Sbrana: che invece – il gioco di parole non è voluto – farà una mostra ad aprile a Milano nella galleria di Giacomo Spazio, un altro eterodosso).

  13. vito il 17 marzo 2009 alle 22:50

    rivedo con estremo piacere i miei giudizi e seguirò da internet la mostra… per quanto riguarda la piacevolezza mi riferivo più all’aspetto prettamente che alla selezione di immagini perturbanti… e comunque viva gli eterodossi sempre

  14. vito il 17 marzo 2009 alle 22:54

    prettamente formale…

  15. lucio il 18 marzo 2009 alle 00:46

    Ora si può firmare. Anche se non sarà decisiva per il museo (pretende il cartaceo) firmare una petizione e ricordarne l’opera è il minimo dovuto al nostro Haring allucinato. E almeno su questo, complimenti a L’Unità.
    Vito, azzardo : “illustratore estremo di cartoni colti per adulti” Clerici lo avrebbe rifiutato come complimento.
    Quanto a Sbrana, in effetti nei quadri sembra curare “piacevolmente” l’aspetto formale dei paesaggi; abitati però da personaggi/figure che possono risultare perturbanti.
    W l’arte e il Prof Bad Trip.
    lucio

  16. franz krauspenhaar il 18 marzo 2009 alle 02:18

    Se ci esprimiamo sempre allungando la mano sul manuale cencelli della pittura non possiamo discutere. Surrealismo in catena di montaggio: Andy Warhol questo faceva, ha replicato all’infinito una latta di minestra avvolta nell’infinito.

    Se parlate di Max Ernst, per favore, inginochiatevi e pregate. Il surrealismo dei post surrealisti è cosa penosa, francamente, se messa a confronto con le opere del genio tedesco. O del suo maestro De Chirico.

  17. marco rovelli il 18 marzo 2009 alle 09:27

    Sulla grandezza di Ernst sono d’accordo (mentre a De Chirico preferisco il grandissimo fratello eteronimo Savinio).
    Ma ribadisco che il tipo di lavoro – materiale onirico vs. materiale mercantile – non è affatto indifferente, laddove invece, formalmente, c’è una continuità.

  18. franz krauspenhaar il 18 marzo 2009 alle 09:36

    Carissimo, ho capito soltanto che preferisci Savinio a De Chirico.

  19. marco rovelli il 18 marzo 2009 alle 10:59

    Dai, Franz, che hai capito benissimo…

  20. franz krauspenhaar il 18 marzo 2009 alle 12:58

    Giuro di no.

  21. theoden il 18 marzo 2009 alle 14:01

    idolo



indiani