Sostenere il manifesto

6 Commenti

  1. I giornalisti.

    Stando a quello che gli elettrodomestici
    fanno credere,
    sono portavoce per lo più passivi,
    d’astratte superficiali modalità intellettuali
    per rappresentazioni pilotate della realtà.
    Non ci sono garanzie,
    che questi piloti ed i loro portavoce,
    non siano disonesti, o cretini.
    Data una base presidio di sistema minimo in essere,
    il resto progressivamente degenera
    in un feudale accaparramento delle opportunità
    e una graduale sedimentazione dei privilegi ,
    che determinano l’entropia, la scadenza
    organica della democrazia, del vigore economico
    e dell’intelligenza di un sistema.
    Il re è nudo, i giornalisti non lo sanno,
    il manganello con lo stipendio
    ha le sue scialuppe di salvataggio
    e minaccia le umane eccedenze
    che hanno paura .
    A che giova il sospirar?
    L’eterno riposo ci sorride,
    il tetro splendore del nulla,
    il dolce far niente senza problemi per l’eternità,
    una prospettiva niente male,
    il mio scheletro lo merita e quando prima lo godrà.
    I giornalisti vip arricchiti nei gabinetti di lusso
    con la carta igienica in mano
    guardano con orrore alla morte
    sono dei disperati viventi.
    Le guance dell’umanità
    sono fresche e sode,
    Dio le benedica.

  2. Sì, come dice Norma ci sono state molte crisi, momenti durissimi, ma non posso credere che il manifesto chiuda davvero. Fa parte della mia storia. Della storia di molti. Non possiamo cavarcela con un “sono i tempi che cambiano”. Cambiano come? Domani lo compro, e invito tutti a farlo.

  3. l’ho comprato saltuariamente ma volentieri a causa di un mio personalissimo rapporto diamagnetico col denaro.Forse l’unica cosa che in passato mi irritava è stato uno scarso senso pratico(persino al subcomandante marcos e a paco ignacio taibo II piace la coca cola.E il buon Baldoni riteneva che i macdonalds fossero una risorsa con cui mangiarsi un pasto completo con pochi quattrini),e la presunzione che si potesse insegnare alla gente a pensare in una certa maniera(e non a pensare coltivando il dubbio senza manicheismi o pietre da scagliare e basta)o perlomeno io così percepivo in particolare nella vecchia guardia questa filosofia sottotraccia.Insomma gli integralismi di qualsiasi colore siano non portano bene.Più onesto comunque spingere invece che per la sottoscrizione di un’offerta(a mio parere da riservarsi per cause di vita o di morte)verso l’acquisto del quotidiano.Anche per rispetto nei confronti del proprio lavoro.Un invito che spero non cada nel vuoto

    http://archivochile.com/Musica_audio/Musica/ellas_danzan_solas_sting_esp.mp3

  4. azionisti, sostenitore e lettore del giornale da quando ho sedici anni…ora mi sono stancato; non si può vivere sempre di questua, ci vuole un piano editoriale di sviluppo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Rossana Rossanda e gli altri rabdomanti

di Velio Abati La poesia di Tommaso Di Francesco nasce e vive in una controscena. Uomo pubblico dalla sua militanza...

Ciao, compagna Rossana

di Antonio Sparzani mi mancano, come sempre, le parole per salutarti come forse tu vorresti, t’ho sfiorata una volta a...

Letteratura e memoria/1: Annie Ernaux

di Stefano Gallerani Annie Ernaux Memoria di ragazza (traduzione di Lorenzo Flabbi) pp. 256, € 16,20 L’orma editore, “Kreuzville Aleph” Roma, 2017 Dopo il successo...

Marino, univoco e «disorientato»

(Dal Manifesto di oggi, l'editoriale a firma Tommaso di Francesco) Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha deciso di affiggere...

Morir dal ridere, ovvero la Grande Svolta

di Luca Lenzini Un passaggio epocale, niente di meno, ha avuto luogo nel 2013. Il fatto è così macroscopico che,...

Quenelle de Brest. Esistono censure giuste?

In Francia, da un po' di anni, si discute di libertà di espressione e di censura a proposito di...