milan l’è un gran falò

di Pino Tripodi

ultimo esercizio di letterosofia

 

qualcosa si può fare.

che cosa.

non lo so ma qualcosa si deve fare.

si deve è un’esagerazione. facciamo quel che si può. c’è sempre qualcosa che si può fare.

che differenza c’è, scusa, tra il si deve e il si può.

non so, ma quel si deve a pelle mi sembra un po’ inquietante. si può è più ragionevole, o no.

ma non è vero. a far quel che si può non si fa mai niente.

forse, ma a far quel che si deve si finisce a far sempre cazzate.

non c’è una via d’uscita?

non so. pensiamoci su, dai.

forse ho trovato.

sarebbe?

facciamo come si vuole. è  meglio, che ne dite?

come si vuole chi, scusa.

come si vuole noi che ne parliamo.

ti sembra più facile?

più facile non so. certo più curioso, più entusiasmante a spanne.

magari ha ragione gig, che ne dici geg?

avrà pure ragione, ma a far ciò che si vuole bisogna pur voler qualcosa.

giusto.

e noi cosa vogliamo?

il punto è tutto qui, gag. vogliamo? e se vogliamo, cosa vogliamo per davvero.

non facciamo le cose complicate. siamo solo in tre. iniziamo da qualche parte a dire cosa vogliamo poi se troviamo la strada valichiamo la frontiera della situazione altrimenti ci fermiamo sul bordo delle parole sbiascicate.

bravo gag. ben detto. ma se non vogliamo niente basta lamentele e pianti. si torna a pedalare e via andare in attesa di una rotaia che per pietà di noi ci tranci dalla vita infame.

giusto geg. però non drammatizziamo. siamo qui al parco di ravizza. c’è il gelso grande. guarda che meraviglia. e quante more rosse che attendono di essere assaggiate. basta che lo vogliamo.

vogliamo eccome. da dove iniziamo.

da noi, no. è inutile cercar lontano.

d’accordo. allora cosa vogliamo da noi, gig.

io vorrei la luna servita nel piatto. e voi?

bello. a me piacerebbe vivere guardandomi da lontano.

io invece vorrei tutti gli uomini ai miei piedi dire geg sei la più bella donna del pianeta.

bene. adesso che conosciamo la volontà generale possiamo metterci in cammino.

dov’è che andiamo, gig.

entriamo nel particolare, no, così la volontà impasta il suo corso.

giusto. allora inizio io se non vi spiace.

dicci. cos’è che vuoi, gig.

la ruota nuova. questa sculetta troppo. mi fa impazzire a pedalare quando consegno pizze a domicilio coatto.

vediamo. la ruota nuova. ma è assurdo gag. guardala la tua bici.

lo so. è sgangherata.

sgangherata è niente. è tutta scassata, non la vedi?

sgangherata o del tutto scassata, non fa lo stesso?

e no, mio caro. condisci le parole col cervello. non basta l’olio di rotula per le nostre pedalate.

fosse solo sgangherata potresti rimetterla nei cardini, ma se è tutta scassata la ruota nuova non la fa girare meglio. o cambi tutti i pezzi uno per uno o fai prima a prenderne una nuova.

ma non mi è possibile, gig.

non ti è possibile, vero? ti credo. io ti credo sempre anche quando dici l’asino vola. ma tu ci credi veramente?

perché non ci dovrei.

te lo spiego io gag, facile. perché ragione vuole senso e che senso ha a maggior ragione cambiare ruota se poi la bici continua a non andare.

forse hai ragione. che fare?

aspetta che decidiamo. adesso però dobbiamo andare all’assemblea.

giusto. così vediamo cosa fanno nei nostri panni gli altri rider fattorini.

andiamo allora, presto. c’è riunione generale al circolo della bellezza.

guarda geg. quanta gente.

che dicono gig. c’è qualcosa che ci può interessare?

sì, certo. c’è il sindacato. dice che ci devono lievitare il salario a ora.

ah e poi. chi c’è.

c’è l’esponente di un partito della sinistra fievole. dice che le tutele minime con qualche gradualità e con prudenza massima andrebbero col condizionale d’obbligo garantite.

e poi?

poi c’è uno della sinistra sinistrissima che più a sinistra sbanderebbe altrove, quel solito attivista dei diritti umani. dice che morire per strade non è giusto. accusa i padroni. criminali dice.

e poi. cos’altro vedi, gig.

c’è quello del precariato collettivo che protesta. non è giusto dice che andiamo a lavorare a nostre spese con scooter e bici nostri e nostro telefonino. le ditte ci devono fornire il materiale, la mensa e se ho sentito bene anche i cerotti per quando ci facciamo male.

e poi, finisce qui?

non geg, c’è l’ultimo, esponenente della carità cristiana. dice che se moriamo almeno l’assicurazione ce la meritiamo.

gig, attento. adesso mettono assieme le proposte per consegnarle al voto.

noi che vogliamo.

cosa vogliamo? una parola. è arduo pensar qualcosa tra tutta questa folla.

vabbè! lo so, ma non possiamo svicolare. ricordi? abbiamo detto che qualcosa vogliamo.

giusto. se non vogliamo niente stiamo muti senza perdere il tempo e  le lamentele.

ma noi vogliamo, no? cosa vogliamo. dai, pensiamoci su per bene. spremiamo le meningi per fare un succo neuronale ben cremoso.

non è semplice geg. bisogna sapere bene cosa vogliamo veramente perché volere è facile. anche il mio pollame nell’aia della nonna magari sa cosa vuol mangiare se avanzi di lattuga o mais a chicchi geneticamente modificati. volere veramente è un’altra cosa.

cos’altro è.

è quella cosa che quando si vuole non sente inciampo. muri, montagna o mare risultano anziché ostacoli mezzi di propagazione.

ma tu che hai fatto l’esempio della ruota qualcosa ce l’hai in testa di sicuro. forza, pensaci su. spremi il cervelletto.

gig, aspetta. forse una strada radicata nella mente l’ho pescata.

figo. e che aspetti. mostraci il germoglio della nostra volontà, geg.

spero non mi fischiate.

giuro, non lo facciamo. dicci. al massimo ci seppelliamo di risate.

allora inizio a dire?

dici.

per prima cosa mettiamo in un cestino le delibere proposte, così una per una le vagliamo bene.

giusto. allora cominciamo, rapidi. ecco il cestino e queste sono le mozioni dell’assemblea. leggile, geg. a voce alta così entrano di prepotenza nel labirinto delle orecchie.

l’aumento salariale. lo vogliamo?

ma va gig, che ce ne facciamo.

sulle maggior tutele, che diciamo.

che fanno schifo, no!, cos’altro si può dire.

e del fatto che non si può morire di lavoro, è giusto, no, che dite!

gag, ma cosa dici. il tuo cervello s’è annegato nel banale. non me l’aspettavo, sai, da te.

scusa, geg, però non fare la figona. non è che il banale adesso che vogliamo qualcosa ce lo leviamo in un secondo come il sapone con l’acqua della doccia.

sì, me l’hai già detto, gig. il banale è il primo soldatino a mettere l’elmetto ed è sempre l’ultimo milite a morire. però, che gli diciamo a quello della mozione che non si può morire di lavoro.

digli che se lo sento ancora dire cazzate a quello là, lo prendo a botte, giuro.

rimane da dire qualcosa su bici e scooter. è giusto siano nostre o della  ditta?

ma che giustizia è questa, gig. noi ce ne freghiamo di tutto ciò, sbaglio?

vero. e dell’assicurazione sulla morte. e della pensione. non è magari giusto pensare cosa succede se moriamo.

basta, geg. mi fai vomitare se ripeti ancora quelle terribili parole.

calma, gig. rilassati, per favore. e riassumiamo. le proposte vagliate nel cestino non hanno il nostro gradimento. che ne facciamo.

le bruciamo, no? facciamo un piccolo falò che metta a fuoco tutte le imposture della nostra condizione.

bello. bruciamo le minchiate della vita. forza. aiutami  nell’incendio all’impostura.

e allora, cosa vogliamo, adesso è forse chiaro.

certo mannaggia a te. non lo hai capito?

ancora no, gig. se me lo spieghi ti ringrazio come amico.

non c’è più tempo, gag. adesso occorre andare là nel mezzo delle masse a fare la proposta decisiva.

dai, che aspetti. corri. vai a dire a tutti cosa vogliamo per davvero.

corro sì. guarda quanto sudo. adesso che son qua sul palcoscenico delle decisioni, scusatemi a nome mio di gag e geg io che son gig vi dico cosa vogliamo.

cosa volete. dite, svelti ché si va a votare.

primo. che di tutte le proposte messe ai voti si faccia un piccolo falò.

falò? ma tu sei matto, amico. sono le uniche mosse per  migliorare le nostre cose.

no. ci vuole un piccolo falò. chiedete a gag il mio amico se serve cambiar la ruota in una bicicletta ormai tutta sbrindellata.

non si capisce nulla. cosa vuoi dire. e voi di sotto, non fischiate per favore. lasciatelo parlare.

dico che a tentare di pedalare cambiando ruota quando la bicicletta è totalmente sbrindellata ci rende fessacchiotti, ha ragione la mia amica.

ancora non ci hai detto cosa volete.

vogliamo la luna servita nel piatto, vivere guardandoci da lontano e tutti gli uomini ai miei piedi dire geg sei la più bella donna del pianeta.

questo gig è matto. facciamolo tiessoare.

sicuro, mi faccio pure arrestare, ma prima ascoltate cosa vuole la volontà generale.

sbrigati. non c’è più tempo. occorre votare.

il tempo lo ritroviamo se lo vogliamo veramente.

se passa, non se ne fa niente.

il tempo torna, sai. m’ha detto gag che è una freccia veloce di direzione sconosciuta. può andare avanti o indietro a piacimento suo ma preferisce dice star fermo spesso e volentieri.

sarà come tu dici, ma cosa vuoi, si può sapere.

noi vogliamo.

anche noi vogliamo.

sicuro, ma voi volete quel che si vuole per migliorare la condizione che anche se migliora puzza così tanto che non c’è olfatto che la possa sopportare.

e voi?

noi vogliamo veramente.

cosa. per dio, rispondi o ti butto giù dall’impalcatura.

giuro che fino ad ora non lo sapevo, ma m’è venuto in mente una cosa che davvero vogliamo fare io gag e geg, non è vero?

vero, gig, diglielo cosa vogliamo veramente.

vogliamo, ecco, non mi fischiate per favore. vogliamo organizzare un falò grande e uno sciopero totale.

sarebbe?

sarebbe che invece di continuare a consegnare, adesso prendiamo le chiamate, ciascuno di noi va a ritirare sushi, pizza e carbonara e porta tutto sulla darsena di milano.

per cosa fare, prego.

come per cosa fare.

pizza, carbonara e sushi li diamo ai piccioni da piluccare e ai pesci d’acqua dolce da succhiare. senza la pizza e il resto del mangiar meschino dentro l’involucro di cartone rimane solo la vergogna di  concepire un atto alimentare così brutale. con tutto  quel cartone facciamo un gran falò che resta sempre acceso come la fiamma olimpica così a bruciare di giorno in giorno ogni ignominia della vita che i matti seguitano a chiamare lavoro salario merce o giù di lì.

se anche si accende il gran falò non migliora la condizione di noi rider fattorini.

geg, diglielo anche tu che non è vero. le cose possono migliorare se sono. ma senza semi il niente rimane tale e quale, non diviene zucca.

e i rider fattorini cosa sono, allora.

non sono semi da diventar zucchina. restano niente a vita condannati alla zucconeria.

ma cosa dici. offendi.

la servitù è come la morte. si può abbellire, ma nella servitù non si rinasce. si diventa mummie già prima di morire.

noi servi non siamo. noi prestiamo un servizio.

gig, ma che lo stai ad ascoltare. è un servo schiavo vestito da generale.

geg. smettila. non insultare. è nostro amico nella storia fatale. forza. vogliamo votare per il gran falò di milano e per lo sciopero totale.

aspetta. il gran falò lo abbiamo capito, ma lo sciopero totale. cos’è. dillo, prima di votare.

lo sciopero totale? è quello che proponiamo gig, gag e io.

cioè.

cioè cosa.

dicci cos’è, per dio.

lo dico, ma non t’arrabbiare.

sbrigati. dobbiamo votare.

ci sono cose che  non vogliamo fare né vivi né morti né in ospedale.

questo va arrestato di sicuro. ce l’ha con le ditte che ci danno il lavoro. e con chi torna a casa e stanco da morire chiede pizza, sushi e carbonara per non faticare ancora.

no, no ti sbagli totalmente. io gig e geg non ce l’abbiamo con la volontà dei committenti. loro giusto o sbagliato nobili e miserabili vogliono qualcosa.

con chi ce l’hai allora, non farci perder tempo.

ce l’ho con chi vuole ciò che vogliono loro.

ma loro ci dan lavoro.

gig, diglielo che va a caccia grossa ma non prende neanche una zanzara.

cosa vuoi dire tu che urli dal fondo della sala.

dico che siamo noi la chiave della loro volontà.

 

cantagli la canzone, gig. così convinci tutti.

quale canzone, gag.

la canzone di marte di lunedì. ricordi?

no, cantala tu, ti prego.

d’accordo. fatemi il coro.

 

se lo vogliamo veramente non c’è nemico che ci viene a mente.

il fuoco sale sul salario della città che sale della città che sale.

il sale della città nella città che sale non è nel mio salario di fattorino rider.   non è nel mio salario di fattorino rider

noi lo vogliamo veramente. mai più salario, mai più salario.

 

se lo vogliamo veramente

il raffreddore ci prende bene e gli intoppi della vita si scalano in fretta anche se la scalata appare infinita.

se lo vogliamo veramente.

se lo vogliamo veramente la miseria finisce nel burrone accompagnata da lamenti e questue che sono le sue dame preferite.  accompagnate da lamenti e questue che sono le sue dame preferite

se fai la merda e non lo sei diventi merda e non lo sai. e non lo sai. se fai la merda e non lo sei diventi merda e non lo sai.

 

se poi decidi di fare il servo non servirai mai a niente non servirai mai a niente neanche al servo che c’è pure in te.  non servirai mai a niente neanche al servo che c’è pure in te.

 

la volontà si pesa a chili. sotto il grammo si sniffa al parco come la maria, ma oltre la tonnellata la volontà diventa un muro invalicabile senza di lei. un muro invalicabile senza di lei

se lo vogliamo veramente la vita la prendiamo con le mani senz’affidarla al padroncin di turno che rende schiava anche la nostra aria. anche la nostra aria che cantiamo diventa schiava diventa schiava.

 

noi che vogliamo veramente non consegniamo pizza sushi e carbonara più per nessun salario. per nessun salario

bici e motorino noi li vogliamo per andare in città nella montagna al mare ma a fare i fattorini non ci stiamo più ci rifiutiamo ci rifiutiamo

se lo vogliamo veramente andiamo anche nella montagna al mare ci troviamo nella città che sale,  anche nella montagna al mare ci troviamo nella città che sale.

 

hai visto gag. senti quanti applausi. piace a tutti la nostra ballata.

 

basta. la discussione è chiusa. ora si passa ai voti.

gig, la folla si esprime con le mani sollevate. urla, si agita, si divide. c’è un movimento infernale. a esigua minoranza geg la massa alla fine decide per il gran falò. per lo sciopero totale. la maggioranza gag ci rimane male. piange, si dispera per la delusione. adesso non sa più come umanizzare i mostri umani. ma gig gli dice pronto che i mostri se non hanno occasione di mostrare anche se non sono tanto umani non ha importanza alcuna. non si possono umanizzare.

la decisione è presa, gig. forza con l’algoritmo. ritiriamo il cibo maledetto. andiamo a pedalare sulla darsena. distribuiamo da mangiare alle bestioline.

geg, guarda che bello. neanche i pesci mangiano il sushi e i piccioni che spettacolo rifiutano carbonara e pizza.

fantastico, gag. adesso in amicizia di pesci piccioni e perché no zanzare  facciamo il gran falò per riscaldare la città.

e poi gig. cosa facciamo piccioni pesci e noi quando il gran falò è al massimo sviluppo.

ciò che vogliamo, non l’hai capito ancora?

ciò che vogliamo certo, ma che vogliamo ancora.

diglielo tu gag. io mi sono stancato di parlare.

si va in corteo per la città, no. finito il gran falò sulla darsena di milano, si forma il gran corteo che attraversa ogni angolo della città. gridiamo assieme ai pesci e ai piccioni e perché no alle zanzare. esponiamo i nostri manifesti con la scritta. sushi, pizze e carbonare cucinateli da voi pirla. nessuno ve li consegnerà più, chiaro. c’è sciopero totale contro la mancanza di volontà generale.

e poi, cosa vogliamo ancora.

chiediamolo a zanzare piccioni e pesci.

giusto. anche loro sono nella partita. sentiamo. gag che dicono.

dicono che da domani si fa picchetto generale. scooter e biciclette per le consegne sono vietati. chiunque non segua la vicenda finisce con il carico sequestrato nel gran falò di milano.

gig, nella città che sale il fuoco si alimenta di giorno in giorno. è questo che vogliamo?

vogliamo quel che si fa e poi si vede, geg. diglielo tu, gag.

glielo dico certo. cantiamo tutti in coro. milan l’è un gran falò. cantiamo in coro così pure zanzare piccioni e pesci si mettono a ballare milan l’è un gran falò.

biagio cepollaro

Biagio Cepollaro, nato a Napoli nel 1959, vive a Milano. Esordisce come poeta nel 1984 con Le parole di Eliodora (Forum/Quinta generazione), nel 1993 pubblica Scribeide (Piero Manni ed.) con prefazione di Romano Luperini e Luna persciente (Carlo Mancosu ed.) con prefazione di Guido Guglielmi. Sono gli anni della poetica idiolettale e plurilinguista, del Gruppo 93 e della rivista Baldus . Con Fabrica (Zona ed., 2002), Versi nuovi (Oedipus ed., 2004) e Lavoro da fare (e-book del 2006) la lingua poetica diventa sempre più essenziale aprendosi a una dimensione meditativa della poesia. Questa seconda fase del suo percorso è caratterizzata da pionieristiche attività editoriali in rete che danno vita alle edizioni on line di ristampe di autori come Niccolai, Di Ruscio e di inediti di Amelia Rosselli, a cui si aggiungono le riviste-blog, come Poesia da fare (dal 2003) e Per una Critica futura (2007-2010). Nello stesso periodo si dedica intensamente alla pittura (La materia delle parole, a cura di Elisabetta Longari, Galleria Ostrakon, Milano, 2011), pubblicando libri che raccolgono versi e immagini, come Da strato a strato, prefato da Giovanni Anceschi, La Camera Verde, 2009. Il primo libro di una nuova trilogia poetica, Le qualità, esce presso La Camera Verde nel 2012. E' in corso di pubblicazione il secondo libro, La curva del giorno, presso L'arcolaio editrice. Sito-archivio: www.cepollaro.it Blog dedicato alla poesia dal 2003: www.poesiadafare.wordpress.com Blog dedicato all’arte: http://cepollaroarte.wordpress.com/ 

Tags:

  1 comment for “milan l’è un gran falò

  1. vincenzo
    18 giugno 2018 at 08:00

    Rileggere ” In morte del fratello Giovanni”.

Comments are closed.