Infernotto

14 febbraio 2004
Pubblicato da

di Guido Caserza

notld90_1.jpg

UNO
(il berlusconi)

Ha il volto cotto, le ossa brulle ed aride
che alle reni tornano: per la fessa
del culo sputa e soffia come l’aspide
che dal merdone è stretto in strana ressa.
E come il serpe tratto dalla roccia
che guizza nell’arena arida e spessa
e s’intorce sui rocchi e contro coccia
al ferro, il rigattiere dallo strozzo
del casso s’erge e col collo s’alloggia
girando intorno al suo codino mozzo.

Come verso il mattino il ver si sogna
dirò che quando il sole manda obliqui
i suoi raggi, da fonde tane l’ombre
vengono fuori, e muovendo alle gole
tristi al fianco del dimòn che comanda
null’altro braman che il sol si nasconda.

DUE
(il costanzo)

Dentro le melme del primo scaglione
lento, gobbo sotto l’ampio cranio brollo,
quel che in vita mostrò fiero il testone
m’appare: or procede nel loco sollo
e sol strisciando nello strame crista
per quel vapor che ben gli chiude il collo.
Per le mosche che gli stan sulla vista
dà col ceffo e col pie’ di quando in quando
e sfoggia i coppi pien di gialla cispa
come da porcil porco grufolando.

TRE
(il rutelli)

Questi che avanza con faccia di giusto
Rutelli, uom d’ogni frode, è. Due coste
ha pelose che salgon sopra il fusto
e dalla riva branche come rote
a guisa di scorpione tragge in su.
Ma non la coda svela che pur scuote
il vil Francesco, né la bocca lurca:
sopra al secondo cerchio la squamata
schiena erge, levandosi come duca
tenta l’amore ma riesce in pisciata.

Guido Caserza ha pubblicato la raccolta poetica Allegoriche (Oèdipus, 2001); i testi qui presentati sono tratti dalla silloge Malebolge (Zona Editrice, 2003).

Tag:

8 Responses to Infernotto

  1. uvizeta il 14 febbraio 2004 alle 11:15

    Ma insomma… Quando il gioco è così scoperto, quando si mette Berlusconi all’inferno (e dove, sennò?), l’intento morale – o didascalico – non rischia di essere irrimediabilmente depotenziato?
    Che sia più efficace l’allegoria (non certo mirante a far diventare tutti vegetariani) di Ferrari? O addirittura (addirittura!) la luna (la luna!) e gli dèi a piedi della poesia di Benedetti?

  2. andrea inglese il 14 febbraio 2004 alle 15:22

    Cosa c’è in effetti di più scoperto dell’invettiva e del “vituperium”, di tradizione almeno duecentesca? Non dubito che oggi questo genere, dopo un secolo di dominio del paradigma lirico, sia considerato “poco efficace”. E’ “inquinato” da elementi comici, da un’esplicita riscrittura del testo dantesco , e poi dalla sua dimensione apertamente referenziale. (Troppe violazioni del codice lirico moderno!) Ma tutt’ora esistono dei suoi grandi estimatori.

  3. franz il 14 febbraio 2004 alle 21:19

    Notevole!!! Tra Dante e Georg Grosz, versi davvero citrigni!

  4. uvizeta il 15 febbraio 2004 alle 00:56

    Non dubito dell’esistenza di grandi estimatori dell’invettiva. Nemmeno a me dispiace, l’invettiva. E riconosco che qui c’è tecnica, sapienza.
    Dubito invece della capacità dell’avanguardia, o meglio di un’avanguardia sempre più istituzionalizzata e dunque prevedibile, di rompere per davvero con la convenzione.
    A ogni modo le mie sono soprattutto domande. Mi chiedo per esempio se chiamare in causa consapevolmente la luna sia – ora come ora – omaggio alla tradizione, convenzione stucchevole o rottura di una convenzione (in primo luogo la convenzione dell’avanguardia).
    Nel leggere (troppo in fretta, devo rileggerlo) “Umana gloria” mi è venuto da pensare anche a Pascoli. Non è che Pascoli mi entusiasmi. Eppure…

  5. andrea inglese il 15 febbraio 2004 alle 10:52

    Sull’avanguardia istituzionalizzata, son ben d’accordo. D’altra parte era nel progetto stesso della neoavanguardia diventare arte “da museo”. Quanto alla scritura di Caserza è riconducibileper certi aspetti senz’altro alla neoavanguardia, ma si muove oggi lungo una linea di ricerca ben poco istituzionalizzata. Ma una tradizione critica questa si davvero stucchevole ci ha abituati ad avvicinarci ai testi poetici per scaffalatture davvero ottuse: tipo avanguardia contro tradizione. Il riferimento a Dante è ancora più “tradizione” della luna di Benedetti. Allora chi è il più tradizionalista? E la carica espressionista di Ivano ferrari? E il Pascoli di Benedetti (forse come suggerisci c’è davvero una vena pascoliana)? Io tendo ogni volta a sforzarmi di capire qual’è la strategia messa in opera da un certo testo e poi mi chiedo se lo scopo che persegue m’interessa davvero, se gli strumenti espressivi che usa sono all’altezza dello scopo, ecc. Di certo, il genere dell’invettiva si poggia su delle assunzioni di significato già condivise dall’uditorio, mentre poesie come quelle di Ferrari o Benedetti si muovono in zone di senso non assodate, più imprevedibili, più aperte…

  6. uvizeta il 15 febbraio 2004 alle 16:24

    Caro Inglese, innanzitutto ti ringrazio per la disponibilità e per il modo di interagire con i lettori di N.I.
    Quanto al resto: penso anch’io che sia necessario evitare pregiudizi e steccati critici grossolani; dunque non ho alcuna difficoltà a condividere il tuo intervento.
    In effetti le mie – lo ripeto – erano soprattutto domande, anche se un po’ provocatorie.
    In concreto leggo tranquillamente Balestrini (a piccole dosi), Sanguineti (con piacere), Porta (con più entusiasmo).
    Non sono per il partito della tradizione più di quanto non sia per altri partiti. E all’interno della tradizione credo che rifarsi a Dante sia più difficile che rifarsi a Petrarca.
    Vedrò di cercare i libri di Caserza. Non sarà semplice. Benedetti (Specchio Mondadori) alla libreria Mondadori della mia città non c’è. L’ho scovato (unica copia) in una libreria defilata, probabilmente destinata a chiudere.

  7. andrea inglese il 20 febbraio 2004 alle 11:21

    Caro Uvizeta, se davvero manterrai la ferrea determinazione di scovare, con le tue sole forze, un libro di Caserza, ti prego di comunicare anche l’esito dell’impresa (sia esso nullo o di successo). I libri di poesia, anche validi, di piccoli ed effimeri editori hanno di solito una circolazione pre-addomesticamento del cavallo(viaggiano a piedi, sul corpo dell’autore, e passano direttamente dalle sue mani a quelle del bizzarro acquirente).

  8. uvizeta il 20 febbraio 2004 alle 16:12

    Caro Inglese, ho fatto così. Ho guardato (senza entrare) la luminosa vetrina della Mondadori, ho superato (senza entrare) l’opaca vetrina della libreria destinata a chiudere, ho tirato dritto VERSO l’ufficio postale. Lì ho compilato il bollettino di VERSAMENTO, ho scritto i titoli, ho fatto la fila, ho pagato, ho rifatto il percorso all’inVERSO. Adesso aspetto i VERSI.
    Dato che c’ero, ne ho ordinati un tot, di VERSI. Ci sono anche i tuoi :-)
    Pubblicità Progresso: http://www.editricezona.it/acquisti.htm



indiani