Articolo precedenteBlogpensieri
Articolo successivoTutto su sua nonna e molto altro

I leoni

di Beppe Sebaste

All’incontro torinese sulla Restaurazione dello scorso 9 maggio, Beppe Sebaste aveva inviato questo brano tratto da un suo libro. Per motivi di tempo non è stato possibile leggerlo. (T.S.).

_______________________________________________________________

Ci sono modi di scrivere che è come respirare. Ci sono toni che sono come l’aria.

Altre volte, invece, si è come leoni drogati seduti sullo sgabello, in una gabbia di ferro rotonda: di fronte a noi un domatore con la frusta e i lustrini ci colpisce per mettere la testa dentro la nostra bocca. Ancora una volta, condiscendenti, ne approfittiamo per fare uno sbadiglio. Il nostro acuto odore di leoni ci desta brandelli struggenti di ricordi di corse a perdifiato, di aria cruda come carne, di erba selvaggia, non ancora però abbastanza intensi da farci serrare le mascelle, scendere con un balzo dallo scranno, e ritrovare la nostra vera voce.

Ma un urlo, anche se abbassi il volume, rimane sempre un urlo.

(da: Niente di tutto questo mi appartiene, Feltrinelli 1994, pag. 117)

Print Friendly, PDF & Email

15 Commenti

  1. Curiosità tratta da “l’Unità” di giovedì scorso, p. 25. Prendo a leggere l’articolo di Beppe Sebaste: “Nomina sunt omina, i nomi sono le persone…”. Segno blu marcato. L’adagio è “nomen omen” e vuol dire “un nome un presagio”. Sebaste confonde il plurale di homo che fa homines, con il plurale di omen che fa omina.
    Naturalmente, il tronfio Sebaste farebbe bene a ripassare il latino, o perlomeno a non compromettersi com strumenti che non sa utilizzare. Altrimenti il domatore fa bene a frustarlo e a tenerlo chiuso in gabbia!

  2. Mi sembra una svista madornale, questa di Sebaste. Davvero imeprdonabile. Ma dico: a L’UNITA’ dormono?

  3. E sarebbero, queste entrature? Visto che Sebaste non si fa vivo, almeno facciamo un po’ di inciuci…

  4. Giuseppe Esposito (se si chiama così) ha assolutamente ragione: “omen-ominis” vuol dire presagio, o augurio. Non è che ho confuso homines con omina, sarebbe un bel lapsus, une bella stronzata (“imperdonabile”, ha scritto qualcuno: beh, questo non lo so) e se ho dato questa impressione la vergogna è tutta mia. Se a qualcuno interessa, a volte i pezzi per i giornali si scrivono molto in fretta, e a volte non si rileggono: quello che so è che nella testa (e nelle dita che digitivano) seguivo un’idea che da “presagio” andava a “carattere” nel senso anche di “destino” (daimon) e quindi a “persona”, e io volevo dire questo, che nei nomi c’è già la storia passata e futura delle persone (e delle cose): i nomi sono le persone. Che sia venuto così, come una contrazione di tutta l’idea che si presenta come un lapsus e un’omissione insieme, mi dispiace molto. In tutti i casi quel breve articolo, lo dico per chi non lo ha letto, difendeva il nome “loreto” di piazzale loreto, con tutta la sua storia di partigiani uccisi e di gerarchi impiccati, contro chi vorrebbe occultarne il nome e la storia sotto un’idologica “concordia”. Interessa a qualcuno questo? Quanto agli “inciuci”, alle presunte “entrature sentimentali” all’Unità (?), davvero non posso e non riesco a seguire gli intenti degli anonimi che usano i commenti per tutto fuorché commentare i testi che vengono pubblicati su questo sito… Saluti, beppe s.

  5. Ringrazio vivamente Beppe Sebaste per averci fornito un ottimo esempio di come ci si possa arrampicare sugli specchi nutrendo una forte speranza di non farsi male. La moralità del suo articolo frettoloso e non riletto per l’Unità (bella pubblicità per la pagina culturale di un giornale serio!) ne esce immacolata, anzi rafforzata dall’assunto generale: difendiamo il nomen Loreto, il cui omen è intriso del sangue partigiano e di quello del tiranno. E che nessuno si azzardi a pensare ad altro, passando per quel piazzale, sarebbe reo di mancato riconoscimento dell’omen relativo al suo nomen.
    La Madonna di Loreto ci assista!
    Saluti
    Giuseppe Esposito

  6. Non ho ben capito quello che dice Esposito in replica a Sebaste, ma, per quanto mi rigaurda, credo sia assolutamente spudorato (altro che immorale…) scrivere una giustificazione del genere di quella che ha scritta Sebaste per una evidente cosa che ignorava e che ha voluto scrivere lo stesso non si capisce perché. In altri tempi – più seri, forse – Sebaste avrebbe scritto su l’unità un articoletto di scuse, o un trafiletto o qualcosa di analogo. Altrimenti è solo inverecondo un comportamento tanto superficiale e sprezzante nei confronti dei lettori (scrivo di fretta, etc). In ongi caso, anche questo mi sembra un bel segno dei tempi, un chiaro esempio di come la scrittura diventi sempre più un affare superficiale e frettoloso nelle mani di gente che dovrebbe avere la massima responsabilità, e invece scrive sempre più come se scrivesse un commento in un blog. Traete voi le conclusioni.

  7. E lasciatelo in pace Beppe il cinghialetto! Ha fatto una figura di merda, si è scusato per la sua ignoranza, che altro può fare? Se ci sono pagine culturali che danno spazio ai suoi svarioni forse la colpa non è del cinghiale ma del caposervizio del quotidiano. Chi è costui o costei? Lo sapete? Beh, informiamoci, poi ci facciamo due risate.

  8. adesso se il responsabile delle pagine culturali dell’unità facesse qui ammenda sarebbe una cosa giusta e onesta.

  9. Leggendo questi commenti al pezzo di Sebaste mi pongo una domanda facile facile: perché tanto astio per un semplicissimo plurale al posto di un singolare? Questo mi sembra davvero singolare.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Plug-in? Plug-out!

di Alberto Giorgio Cassani
Alcune puntuali considerazioni sulla fine della Nakagin Capsule Tower, un capolavoro architettonico degli anni Settanta conosciuto in tutto il mondo, marcatore del paesaggio di Tokyo e del nostro immaginario.

I fratelli Ndiaye-NDiaye

di Andrea Inglese
La nomina di Pap Ndiaye al Ministero dell’Educazione Nazionale del nuovo governo della presidenza Macron e del primo ministro Élisabeth Borne non è banale, per vari motivi.

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Caro figlio mio, chiudo questa lettera con una richiesta. Mi dirai: come posso esaudire una tua richiesta dopo quello che mi hai detto, dopo tutto l’odio che mi hai riversato in un’unica soluzione, senza pietà?

Antenati a Costantinopoli: come il Risorgimento italiano è sbarcato in Turchia

Antenati a Costantinopoli ricostruisce le reti di relazioni, spesso dimenticate, tra Risorgimento italiano e riformismo ottomano, permettendoci di fare paralleli continui tra la recente attualità politica in Turchia e in Europa...

Su “Memory Box” di Joana Hadjithomas e Khalil Joreige

di Roberto Todisco
Il giorno della vigilia di Natale, a Montreal, a casa di una famiglia composta di sole donne (nonna, madre e figlia) arriva una misteriosa scatola. [...] Il pacc arriva da Beirut, la città da cui Téta e sua figlia sono fuggite durante la guerra civile libanese degli anni ottanta.

Note a margine della ferita

  di Lorenzo Orazi   Lucio Fontana, Concetto spaziale. Attese   I Detesto avvicinarmi all’arte per un senso del dovere che intende costringermi alla conoscenza. Non...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: