Stilos diventa una testata indipendente

(Ricevo da Piero Sorrentino e pubblico. F.K.)

Dal 21 giugno Stilos esce dal quotidiano La Sicilia e diventa una testata indipendente. Cambia veste, pagine e collocazione: un quindicinale (in edicola il martedì) a diffusione nazionale, con 24 pagine al costo di un euro. A sette anni dalla nascita, il magazine nato con La Sicilia compie un salto importante. Stilos uscirà nelle edicole italiane e del Canton Ticino con una rinnovata veste grafica più mossa e vicina a una vera e propria rivista letteraria.

Nuova veste, nuovi contenuti: largo spazio alle recensioni, alle interviste, ai racconti d’autore scritti appositamente per il giornale, alle rubriche fisse affidate a scrittori e critici, alle inchieste e ai reportage con firme famose e inedite…

Dopo sette anni di tirocinio, Stilos diventa grande.

Nel primo numero (in edicola martedì 21 giugno al prezzo di 1 euro) :

Il primo capitolo del prossimo romanzo di Camilleri su Montalbano
Racconti di Salvatore Mannuzzu e Tullio Avoledo
Interviste a Ernesto Ferrero, Nanni Balestrini, Julian Fellowes
Uno speciale su Jules Verne nel centenario della morte con un’intervista a Valerio Evangelisti
Conversazioni e incontri con la nuova scena letteraria italiana: Tommaso Pincio, Giuseppe Culicchia, Laura Pariani, Franz Krauspenhaar, Giulia Carcasi, Clara Nubile, Lucia Vastano
Un breve saggio di Vincenzo Consolo su Stendhal e Sciascia
Un articolo di Raffaele La Capria sulle riviste letterarie
Un’inchiesta di Enzo Golino – che continua i suoi studi sui rapporti tra linguaggio, potere e società – sulla parola “Diciamo…”
Le rubriche fisse di Andrea Carraro, Benedetta Centovalli, Arnaldo Colasanti, Sossio Giametta, Aurelio Grimaldi, Idolina Landolfi, Walter Pedullà, Vanni Ronsisvalle e Giulio Mozzi
Recensioni, segnalazioni, schede di approfondimento sulle novità librarie, saggi e articoli di critici militanti…

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nell’entroterra kenyota

di Nick Casini
L’auto è una Suzuki Jimny degli anni Settanta senza cinture di sicurezza e con due panche di legno al posto dei sedili posteriori. Viaggia lanciata verso l’entroterra kenyota, mentre Malindi è già una dozzina di chilometri alle nostre spalle, oltre una coltre di polvere

Le parole degli altri: Mario Benedetti

di Valérie T. Bravaccio
Il progetto iniziale di riunire personalità del mondo culturale odierno per assistere virtualmente ai funerali di uno scrittore, supera le aspettative solite perché offre spunti di riflessione su come analizzare la poesia in generale. La biografia è molto importante, certo, per capire un modo di scrivere, però non si deve dimenticare che a ogni poeta piace anche (o prima di tutto) la lettura. E nel caso la traduzione, ovviamente.

Del solvere e del dissolvere: cartolina da Montelago

    « qualche cosa che / provenga da mutilati orizzonti immaginari di inconcepibile / travaglio» Emilio Villa, Sybilla (foedus, foetus)   È una specie...

Elogio del calciatore violento: Boban, Cantona, Zidane

di Daniele Ruini
Tre immagini divenute iconiche, tre momenti in cui tre grandi giocatori hanno, per così dire, rotto gli schemi, finendo al centro dell’attenzione non per meriti sportivi quanto per demeriti comportamentali

Il pittore

di Salvatore Enrico Anselmi
Prosegue, nel caldo agostano, il mio privato festival del racconto inedito. Andremo, grazie a Salvatore Enrico Anselmi, fino a Morcete, città segnata nelle carte come l’ultima prima delle grandi dune.

Prima fascismu, adés no sai – FEDERICO TAVAN

poesie di Federico Tavan fotografie di Danilo De Marco
Maledeta chê volta / ch’ài tacât a scrîve
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: