Stilos diventa una testata indipendente

(Ricevo da Piero Sorrentino e pubblico. F.K.)

Dal 21 giugno Stilos esce dal quotidiano La Sicilia e diventa una testata indipendente. Cambia veste, pagine e collocazione: un quindicinale (in edicola il martedì) a diffusione nazionale, con 24 pagine al costo di un euro. A sette anni dalla nascita, il magazine nato con La Sicilia compie un salto importante. Stilos uscirà nelle edicole italiane e del Canton Ticino con una rinnovata veste grafica più mossa e vicina a una vera e propria rivista letteraria.

Nuova veste, nuovi contenuti: largo spazio alle recensioni, alle interviste, ai racconti d’autore scritti appositamente per il giornale, alle rubriche fisse affidate a scrittori e critici, alle inchieste e ai reportage con firme famose e inedite…

Dopo sette anni di tirocinio, Stilos diventa grande.

Nel primo numero (in edicola martedì 21 giugno al prezzo di 1 euro) :

Il primo capitolo del prossimo romanzo di Camilleri su Montalbano
Racconti di Salvatore Mannuzzu e Tullio Avoledo
Interviste a Ernesto Ferrero, Nanni Balestrini, Julian Fellowes
Uno speciale su Jules Verne nel centenario della morte con un’intervista a Valerio Evangelisti
Conversazioni e incontri con la nuova scena letteraria italiana: Tommaso Pincio, Giuseppe Culicchia, Laura Pariani, Franz Krauspenhaar, Giulia Carcasi, Clara Nubile, Lucia Vastano
Un breve saggio di Vincenzo Consolo su Stendhal e Sciascia
Un articolo di Raffaele La Capria sulle riviste letterarie
Un’inchiesta di Enzo Golino – che continua i suoi studi sui rapporti tra linguaggio, potere e società – sulla parola “Diciamo…”
Le rubriche fisse di Andrea Carraro, Benedetta Centovalli, Arnaldo Colasanti, Sossio Giametta, Aurelio Grimaldi, Idolina Landolfi, Walter Pedullà, Vanni Ronsisvalle e Giulio Mozzi
Recensioni, segnalazioni, schede di approfondimento sulle novità librarie, saggi e articoli di critici militanti…

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La Genova di quattro scrittori liguri

di Marino Magliani, Laura Guglielmi, Guido Festinese e Emilia Marasco
Perché in fondo Genova è un isola, sotto il doppio assedio del sale e della pietra, assedio perso in entrambi casi, e chi scrive da Genova è un isolano.

La vita sfilacciata

di Francesco Segoni
Io, se dovessi compilare la lista dei miei Works, la dividerei in quattro tappe: il manager, l’omino del gas e della luce, lo pseudo-giornalista e l’operatore umanitario. Nessuna di queste definizioni mi sta bene a dire il vero, ma sono quelle che si capiscono più facilmente.

Su “Solenoide” di Mircea Cărtărescu

Fabio M. Rocchi
Come opera una delle logiche di racconto preponderanti nell’ultimo fluviale romanzo di Mircea Cărtărescu, Solenoide? La storia si concentra sulle ossessioni e sulla non-vita del protagonsita, un anonimo professore di scuola secondaria che presta servizio nella Romania degli anni Ottanta...

L’uomo post-storico

Lewis Mumford
L’uomo post-storico ossessiona da molto tempo l’immaginazione moderna. In una serie di romanzi sui possibili mondi futuri Jules Verne e il suo successore H.G. Wells hanno descritto come sarebbe una società se una tale creatura, fanaticamente votata alla macchina, fosse al posto di comando.

Alessio Paiano: s’inceppa tutto il discorrere

    Ospito qui -in anteprima- alcuni estratti da Punti di fuga di Alessio Paiano, pubblicato da Arcipelago Itaca, insieme alla postfazione...

Intervista a Giorgio Ghiotti

Marino Magliani
intervista di Giorgio Ghiotti
Nelle pagine dei libri le storie cantano, e non solo le storie: le parole, i nomi, i gesti, si richiamano e poi si innovano.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: