Articolo precedenteDomande per Krishnamurti
Articolo successivoIl catalogo del mondo

questa è la vita

di Christian Raimo

questa volta mi sono seduta sul letto, mi hai detto,
eri stanca persino di uscire, vieni a farti un giretto?,
e andare dove?, mi hai chiesto, son rientrata adesso,
sono le nove e devo ancora farmi una doccia e cenare.
ho insistito, esci ti aspetto, ci prendiamo una cosa, parliamo.
ma parlare di cosa, mi hai detto, un’altra serata a parlare di affitto?
con tu che mi dici che il prossimo mese ti fanno un contratto
e ti danno quattrocento euro al mese escluse le spese di pranzo e benzina,
o a lamentarsi in gruppetto dell’impossibilità condivisa di fare un progetto
che duri due giorni, di accendere un mutuo, a fare la gara a chi più insicuro,
a chi ha meno idea di cosa fare in futuro, ma anche tu non sei stufo?
scusami ho sonno e devo andare in cantina, mi riprendo la rete
che avevo buttato, quest’altra che ho messo è peggio dell’altra,
ci dormo malissimo e da due settimane mi sveglio con la schiena attrappita.
ci sentiamo domani, magari per pranzo, se ti sta bene, questa è la vita.

Print Friendly, PDF & Email

25 Commenti

  1. Brutta situazione. E’ anche vero che il lavoro fisso, sempre nello stesso posto, sempre con lo stesso stronzo che ti controlla e ti rompe i coglioni, magari per anni, puo’ anche essere peggio.
    Bisognerebbe essere flessibili in un posto fisso. Vale a dire, bisognerebbe fare il lavoro che si è scelto.
    Alcuni ci riescono, in Italia.
    Alcuni di questi (quanti?) tramite una bella raccomandazione…

  2. mi riprendo la rete che avevo buttato, quest’altra che ho messo è peggio dell’altra

    Simone gli rispose: «Maestro, tutta la notte ci siamo affaticati, e non abbiamo preso nulla; però, secondo la tua parola, getterò le *reti*».

  3. già, “flessibili in un posto fisso”… d’Altan l’intuizione primigenia (v. ur-strip, la vignetta del tizio che si volta: “che fa?”, e l’altro con l’ombrello, che gli predica la flessibilità, con la palpebra pesante, l’occhio da maiale).

  4. Con la rete mi hai ricordato il letto della mia infanzia.
    Con tutto il resto la mia adultità…
    e mi sto ancora domandando francamente cosa sia peggio :-)

  5. grande raimo! veramente non ne possiamo più di questa colata melmosa di romanzi, romanzetti, racconti, saggetti, interviste, reportage su precari e compagnia! baaaaaaaaaaaaaaaaaaaaasta!!! è ormai un vero e proprio sottegenere totalmente codificato buono soltanto a dar lavoro a quelli che ne scrivono.
    perchè, poi, diciamolo: posto che letterariamente hanno poco o nulla da dire, a quale effettualità “politica” o “sociale” puntano? cosa si cerca nella spastica ripetizione dello stesso motivo? soltanto che ne siamo sempre più anestetizzati, annoiati, prevenuti. e amen.
    “con tu che mi dici che il prossimo mese ti fanno un contratto
    e ti danno quattrocento euro al mese escluse le spese di pranzo e benzina,
    o a lamentarsi in gruppetto dell’impossibilità condivisa di fare un progetto
    che duri due giorni, di accendere un mutuo, a fare la gara a chi più insicuro, a chi ha meno idea di cosa fare in futuro, ma anche tu non sei stufo?” Sì, sono stufo. Se continuano così torno a leggere il signore degli anelli…

  6. Bella descrizione del malessere serale, quando anche le velleità di sopravvivere al giorno dopo sono seppellite sotto la stanchezza e il chiedersi se sarà così per tutta la vita. Comunque usare il futon è il primo passo per uscirne. andare a vedere il mare e non parlare sempre di affitti anche. un buon bicchiere di vino o di pernod, pure. insomma al precariato e alla mancanza di progetti si risponde solo con una posizione zen dell’animo: l’oggi per l’oggi.

  7. Metricamente coinvolgente. Il ritmo che s/c-ostituisce il contenuto? Vaghe influenze gemmagaetaniane, forse… Molto interessante comunque l’esercizio di stile.

  8. Delle poesie con troppo contenuto
    Meglio: come questa
    Con un contenuto così prevalente
    Oggettivo, fattuale
    Non-sublimato del tutto
    Non del tutto fatto-verso
    Penso che sono troppo una via-di-mezzo
    E sospendo ogni adesione
    Che pure vorrei dare alla ragazza
    Che passa la sua vita
    Sulla soglia sorvegliata
    Dal Guardiano della Legge.

  9. Sì, concordo pienamente con Aldo Biscardi e Killer….
    Io al Signore degli Anelli ci sono tornato da tempo:

    Non tutto l’oro luccica
    né i viandanti sono perduti
    il vecchio che è forte non s’aggrinza
    le radici profonde non gelano
    dalle ceneri rinascerà un fuoco
    nuova sarà la lama ora rotta
    e Re quei che è senza corona

    Il guaio è che scrivere di precariato fa molto trendly: anche quando si scrivono cagate… “l’audience” è assicurato.

  10. chiarisco: il mio non era un commento contro il pezzo di raimo, sarcastico o ironico. Era un dargli ragione: io ho letto questo intervento come una presa di posizione poetica vs. il mainstream sociologiese e antiletterario di questi tempi. Poi magari ho preso una cantonata io, eh!

  11. Io Raimo lo manderei a lavorare, ma lavorare davvero, in un grande magazzino, come commesso tuttofare. Si stancherebbe e scriverebbe meno vaccate!

  12. Il Biscardi e il Nobili non sono mica dei precari, no, hanno il lavoro fisso loro, si scocciano se qualcuno parla di precariato, ma sì, che ognuno si guardi al proprio orticello privato e mandi al diavolo il prossimo. Massì, chiudetevi in casa col vostro signore degli anelli che è meglio, e onorateci con un po’ di silenzio!

  13. button, il precariato e mazzi vari è un problema, non temere che non lo sappia. se amassi indulgere nell’iperbole ti direi che è un genocidio (simbolico) generazionale. ma non stiamo parlando di questo! perchè resta da vedere se la *letteratura* debba umiliare se stessa andando dietro a un sindacalismo, tra l’altro all’acqua di rose, o non debba fare altro: chè magari sarebbe forse ben più scomoda di questo prevedibile e previsto piagnisteo generalizzato.
    ho detto che torno a leggere il sda per paradosso, perchè a forza di imitare i giornali o le inchieste sociologiche la letteratura consuma se stessa.
    vedila in altri termini: per sapere che il precariato è una tragedia umana, esistenziale, oltre che economica e politica, non ho bisogno di leggerlo su un libro da parte di uno scrittore che si improvvisa giornalista d’inchiesta, basta guardarmi in giro. dalla letteratura ho il diritto ad aspettarmi qualcosa di più, no?

  14. @aldobisca
    il sindacalismo all’acqua di rose, la letteratura che umilia se stessa, il piagnisteo generalizzato, la letteratura che consuma se stessa, dalla letteratura di aspettarmi di più ho il diritto.
    la parola “letteratura” usata più volte.
    in senso alto s’intende, che mica è sindacalismo, mica è piagnisteo: è altro, anzi: ALTRO.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

“Io ero il milanese”: Lorenzo S. e l’inutilità del carcere

di Daniele Ruini
Se ci venisse data una bacchetta magica per poter cambiare qualcosa del mondo in cui in viviamo, che cosa sceglieremmo? Per quanto mi riguarda, una delle prime cose sarebbe questa: basta carcere.

Perché è importante leggere David Graeber

di Lorenzo Velotti
Il suo pensiero può essere d’aiuto a chi non si rassegna alla naturalizzazione del capitalismo, del patriarcato e delle burocrazie statali coercitive

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Crimes of the future, di David Cronenberg

di Mauro Baldrati
Già, perché in quel futuro remoto, l'arte consiste nell'aprire i corpi, infliggere ferite, tagliuzzare le facce, nell'assenza del dolore, che nessuno prova più, e nella scomparsa del sesso tradizionale, sostituito dalla chirurgia senza anestesia.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: