Articolo precedenteLa Restaurazione
Articolo successivoMILANO FESTIVAL INTERNAZIONALE DI POESIA

Jack Spicer, Billy The Kid (1958)

Billy The Kid (II/X)

II

 

A sprinkling of glod leaf looking like hell flowers

A flat piece of wrapping paper, already wrinkled, but wrinkled again by hand, smoothed into shape by an electric iron

A painting

Which told me about the death of Billy The Kid.

Collage     a binding together

Of the real

Which flat colors

Tell us what heroes

                           really come by.

No, it is not a collage. Hell flowers

Fall from the hand of heroes

                           fall from all of our hands

                                                               flat

As if we were not ever able quite to include them.

His gun

           does not shoot real bullets

                                           his death

Being done is unimportant.

Being done

In those flat colors

Not a collage

A binding together,    a

Memory.

9 Commenti

  1. l’avevo capito, eric. ma metteteci la traduzione in italiano, (simpatico consiglio) sennò gli ignoranti come me devono “capire” col traduttore automatico.
    sai che spasso.

  2. Minchia pare la torre di babele! Parlate ognuno una lingua diversa

    jack spicer era americano e parlava l’inglese americano
    raos che è italiano parla francese
    suchere che è francese parla italiano
    vera blau parla inglese, inglese inglese, ma non è inglese (andrea)
    e sevenent, co ‘sto nome anglofono, no speak english.

    l.s.d. per tutti, offro io, così non ci capiamo una mazza come ora , ma scriviamo ancora meglio.

    Franco

  3. Sevent, alla mia conoscenza, non ci sono traduzioni italiane. Ma vi propongo di tradurlo per quelli che non parlano l’inglese o il francese.

  4. @eric.
    e questa si che è una bella idea. mettete il vecchio testo a fronte. mia zia, per esempio, ama molto la poesia ma no speak english, e anche con l’italiano a dire il vero ha qualche difficoltà.

    @franco-oh-franco
    dicevo ignoranti in senso cosmico. insomma per i cosmonauti di internet che l’inglese no anderstend. in realtà io l’inglese lo capisco. by the way: questo jack me piace mucho.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Diario della pandemia dall’Himachal Pradesh #6

  di R. Umamaheshwari  R. Umamaheshwari è una storica e giornalista che vive in India. Ha pubblicato When Godavari Comes: People’s History of...

Lettere dall’assenza #5

di Mariasole Ariot
Cara L. Seduta sulle ginocchia dell’alba ho il volto rivolto ad est, ho sempre capito i segni cardinali, li sento nell’esofago, ti scrivo mentre la casa è un temporale.

Amicizia, ricerca, trauma: leggere Elena Ferrante nel contesto globale

L'opera dell'autrice che ha messo al centro l'amicizia femminile è stata anche veicolo di amicizia tra le studiose. Tiziana de Rogatis, Stiliana Milkova e Kathrin Wehling-Giorgi, le curatrici del volume speciale Elena Ferrante in A Global Context ...

Frantellanimello

di Francesca Rossi Brunori Illustrazione di Marco Filicio Marinangeli   FRANTELLANIMELLO un racconto di un altro alfabetamondo   C’era un ramoscello che si perdeva nel lungo correre...

Allegro con Brio

di Martino Scacciati A distanza di anni, ormai, sento ancora, addosso, il disagio che provai quando mi invitarono a prendere il...

Et tournoie…

di Sharon Vanoli
Non dava spazio ai pensieri, e questo era bene, a detta del torpore: non voleva pensare.