Articolo precedenteLa Restaurazione
Articolo successivoMILANO FESTIVAL INTERNAZIONALE DI POESIA

Jack Spicer, Billy The Kid (1958)

Billy The Kid (II/X)

II

 

A sprinkling of glod leaf looking like hell flowers

A flat piece of wrapping paper, already wrinkled, but wrinkled again by hand, smoothed into shape by an electric iron

A painting

Which told me about the death of Billy The Kid.

Collage     a binding together

Of the real

Which flat colors

Tell us what heroes

                           really come by.

No, it is not a collage. Hell flowers

Fall from the hand of heroes

                           fall from all of our hands

                                                               flat

As if we were not ever able quite to include them.

His gun

           does not shoot real bullets

                                           his death

Being done is unimportant.

Being done

In those flat colors

Not a collage

A binding together,    a

Memory.

9 Commenti

  1. l’avevo capito, eric. ma metteteci la traduzione in italiano, (simpatico consiglio) sennò gli ignoranti come me devono “capire” col traduttore automatico.
    sai che spasso.

  2. Minchia pare la torre di babele! Parlate ognuno una lingua diversa

    jack spicer era americano e parlava l’inglese americano
    raos che è italiano parla francese
    suchere che è francese parla italiano
    vera blau parla inglese, inglese inglese, ma non è inglese (andrea)
    e sevenent, co ‘sto nome anglofono, no speak english.

    l.s.d. per tutti, offro io, così non ci capiamo una mazza come ora , ma scriviamo ancora meglio.

    Franco

  3. Sevent, alla mia conoscenza, non ci sono traduzioni italiane. Ma vi propongo di tradurlo per quelli che non parlano l’inglese o il francese.

  4. @eric.
    e questa si che è una bella idea. mettete il vecchio testo a fronte. mia zia, per esempio, ama molto la poesia ma no speak english, e anche con l’italiano a dire il vero ha qualche difficoltà.

    @franco-oh-franco
    dicevo ignoranti in senso cosmico. insomma per i cosmonauti di internet che l’inglese no anderstend. in realtà io l’inglese lo capisco. by the way: questo jack me piace mucho.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il revival del teatro dell’assurdo nell’Italia contemporanea

di Giorgio Mascitelli Attualmente il dibattito pubblico del paese è saldamente incistato in una situazione nella quale una minoranza definisce...

Inavvertita luce

di Annachiara Atzei Dopo aver tentato tutto simulare la neve – essere neve. L’unico tuo segreto è fare a pezzi, asportare fegato rene cuore: qualcuno verrà a riconoscerti.

Luigi Ballerini, teorico e critico della poesia

di Giorgio Patrizi
Questo saggio è tratto da Il remo di Ulisse. Saggi sulla poesia e la poetica di Luigi Ballerini, a cura di Ugo Perolino, Marsilio, 2021.

Dioniso e Adorno. La musica e il dominio

Di Daniele Barbieri. Ho comperato La vendetta di Dioniso. La musica contemporanea da Schönberg ai Nirvana, di Marco Maurizi (Jaca Book 2018), non tanto un libro di musicologia, quanto un libro di filosofia nella tradizione di Adorno: perché mi ha dilettato, perché mi ha irritato.

Camera ecoica. Da César Vallejo a Giuliano Mesa (e ritorno)

di Lorenzo Mari
Nella preparazione della traduzione di Trilce di César Vallejo, recentemente pubblicata da Argolibri, sono tornato più volte in direzione di un incontro che avevo

Da “L’uomo avanzato”

di Mariano Bàino
[Per Oèdipus, esce in questi giorni L'uomo avanzato di Mariano Bàino, prefazione di Remo Ceserani e postfazione di Cecilia Bello Minciacchi. Il libro è la riedizione della prima prova narrativa di Bàino, uscita nel 2008. Oggi appare in nuova veste grafica firmata 8ki e con un nuovo finale.]