Articolo precedenteIl ritmo delle cose
Articolo successivoLa Restaurazione

Storia di una strada

 di Sergio Garufi

 storia di una strada.jpgLa vecchia strada della Valcellina in Friuli, che fu un tempo via di servizio alla diga, ma anche percorso che collegava i paesi della valle alla pianura sottostante, è la protagonista del bel volume fotografico di Max Rommel corredato dalle ottime prose di Marissa Morelli (Storia di una strada, pp.108, euro 25, M&B, 2004). Le immagini in bianco e nero dei paesaggi attraversati dalla strada e dei volti che la calcarono ci restituiscono lo spirito più autentico del luogo, che non è altro che una memoria profonda, che conserva e tramanda le tracce mnestiche di un passaggio, qualcosa che lascia un segno sulla materia inerte e con quel segno le infonde vita. Come alcuni tratti superstiti della via Francigena, oggi miseri ruderi abbandonati in mezzo alla campagna, un tempo strada maestra solcata da milizie, pellegrini e mercanti i cui passi hanno consunto il selciato; pure la strada della Valcellina, da anni chiusa al traffico, sopravvive ora solo come latèbra e reliquia di un passato che sembra appartenere ad un mondo remoto e sfuggente. Sono ruderi che, come le vite che li hanno attraversati, attendevano qualcuno che li leggesse, li spiegasse, li raccontasse. Lo sguardo dell’autore indugia senza compiacimenti su quel lastricato percorso da tante mute e anonime esistenze – ognuna racchiusa in frammenti temporali che non comunicano fra loro e non condividono niente, se non il fatto di essere stati depositati lì, nel medesimo spazio angusto, dal capriccio della sorte -, e ci dà la sensazione nettissima di come la nostra presenza modifichi, seppur in modo quasi impercettibile, lo spazio che abitiamo. Quei passaggi, che si perdono nel tempo e di cui non si è conservata alcuna memoria, rivendicano una loro segreta necessità, danno senso ai passaggi successivi; un po’ come càpita con l’etimo delle parole, i cui sedimenti semantici si sovrappongono con gli anni fino quasi ad occultare il significato originale, che costituisce il primo passo di un lungo cammino che giunge fino a noi, fino ad oggi. Ed è a questo punto che l’approccio sinottico fra i volti scavati dal tempo e il paesaggio geologico ci illumina sul carattere minerale, direi quasi orografico, di quella gente, cioè a dire su come il vivere fra le montagne ne abbia forgiato l’indole, rendendola schiva e taciturna. Quella che sembrava meno una strada che il rimorso o il rimpianto di una strada, diviene invece metafora di un tragitto individuale e collettivo per ricongiungersi con se stessi e con i territori dell’identità; itinerario intessuto dai desideri, la memoria, l’esperienza e le radici di una cultura e di un popolo. Nel restituire voce e volto a coloro che abitarono quella vallata, le fotografie di Max Rommel e i testi di Marissa Morelli non si limitano a una rievocazione nostalgica, ma tracciano una mappa dell’anima friulana e insieme ritraggono un témenos, uno spazio altro, distinto e discontinuo ai luoghi comuni della vita quotidiana. Se è vero che l’io – come ci ha insegnato Luigi Ghirri – è un luogo di transito, fatto di incontri e di commiati, di occasioni còlte e perdute; allora anche una strada come quella della Valcellina può assurgere a simbolo di un carattere e di un’identità territoriale che vanno salvaguardati e tramandati alle generazioni future.
 

(I lavori di Max Rommel e Marissa Morelli sono visibili sul sito http://www.workingonmemory.com)
 

3 Commenti

  1. @temperanza.
    vedi al post di jack spicer.
    con l’inglese ce la caviamo, ma col friulano sono cavoli amari. proprio tu mi cadi su un problema di questo genere?:-)

  2. mi ha colpito molto la foto, per vari motivi. poi il testo ha suggerito un parallelo tra strada e parola: ecco, forse la poesia (della foto e altro) sta in questa fissità vuota di un passaggio che non passa, in questa piccola sospensione.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Qui nessuno dice niente. Un anno di scuola tra i carcerati – Domenico Conoscenti

Brani dalla ristampa del libro di Domenico Conoscenti (il Palindromo, 2021)  pubblicato da Marietti nel 1991: il diario di insegnamento...

La voce di chi scrive

di Davide Gatto Sa molto di accademia proporre oggi una riflessione sul narratore, su questa sfuggente entità di cui si...

L’Anno del Fuoco Segreto: Verso Montsalvat

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Andrea Morstabilini Era nato, come il re suo nonno, il 25...

Il silenzio

di Fiorella Malchiodi Albedi Mi sono alzato storto. Tutto mi dava noia, una specie di nausea mentale, non riuscivo a...

ANDREA ZANZOTTO [1921-2021] Vera figura, vera natura, slansada in ragi come’n’aurora…

"[…] il discorso visivo di Fellini ha risvegliato per me alcune risonanze entro una certa aura linguistica da dirsi veneta (veneziana solo in parte) sia per eccesso che per difetto. Mi è capitato davanti un parlare perso nella dicronia e nella sincronia veneta, fino al paradosso ed all’irrealtà di una citazione paleoveneta, un parlare un po’ inventato […] "

AGRICOLTURA E SCIENZA

di Giacomo Sartori
Nell’ambito del dibattito attorno all’approvazione della legge sul biologico, e delle polemiche che lo accompagnano, Internazionale ha pubblicato un interessante reportage di Stefano Liberti sull’agricoltura biodinamica.
sergio garufihttp://
Sono nato nel 1963 a Milano e vivo a Monza. Mi interesso principalmente di arte e letteratura. Pezzi miei sono usciti sulla rivista accademica Rassegna Iberistica, il quindicinale Stilos, il quotidiano Liberazione, il settimanale Il Domenicale e il mensile ilmaleppeggio.