Articolo precedenteParlare sottovoce
Articolo successivoPortraits (Orson Welles)

Statistiche per ottobre novembre 2006

Il traffico sulle pagine web di Nazione Indiana a ottobre e novembre è cresciuto ancora. Ecco nel dettaglio i dati, ottenuti con Google Analytics (per ogni spiegazione su termini e metodo, vedi la documentazione).

Le pagine viste (pageviews) totali nel mese di novembre sono state 152.742. Qui sotto l’andamento grafico:

nov2006pageviews.png

Le sessioni di visita (visits) sono state 50.151 a novembre. Qui sotto l’andamento:
nov2006visits.png

I visitatori unici totali rilevati stati 34.039 per novembre. Qui sotto l’andamento:

nov2006totdayvisitors.png

Vediamo il rapporto tra nuove visite e visite di ritorno: a totali novembre il dato è di 20.678 nuove e 29.473 di ritorno.

nov2006newretvisitor.png

La “fedeltà” del visitatore può essere analizzata distinguendo il numero di visite fatte in passato: il numero dei lettori con 15-100+ visite alle spalle è di 18.441 a novembre. Tradotto in grafico e considerando anche i mesi precedenti abbiamo:

nov2006visitorloyalty.png

Le stesse visite possono essere spezzate per numero di pagine lette in ogni visita (la cosiddetta profondità delle visite). A novembre 33.765 visite sono state da 1 o 2 pagine, mentre in 16386 visite sono state lette da 3 a 20 e oltre pagine. Ecco l’andamento nei mesi precedenti:

nov2006visitdepth.png

Infine, ecco la durata delle visite, distinguendo quelle sotto il minuto e quelle da 1 a 30 minuti e oltre:

nov2006visitlength.png

Esistono altri indicatori esterni come il Google Pagerank, il Technorati Rank, gli iscritti al feed, i backlink di Google, di Google Blog Search, di Yahoo! Search, le citazioni nei blog italiani. Si trovano nella pagina di dettaglio di Nazione Indiana sulla Blogbabel 0.3 beta, uno strumento che permette di analizzare e confrontare tra loro oltre 2000 blog italiani.

Riservatezza e privacy

I dati qui presentati descrivono unicamente i comportamenti di oggetti software che interagiscono con il sito: browser che onorano i cookie. Sebbene si usino i termini visita, visitatore, sessione, essi si riferiscono alle rappresentazioni fornite da oggetti informatici e non alle azioni di persone fisiche.
Tutte le informazioni sul traffico sono raccolte a fini esclusivamente statistici e di operatività del sito.
Le informazioni raccolte non permettono di ricostruire i percorsi di navigazione di un singolo visitatore, né di associare tali percorsi a un dato personale.
Le informazioni sui visitatori possono essere alterate dalla (buona) abitudine di inibire l’uso di javascript e cookie, o di limitarne la durata nel tempo, da parte degli utenti.

35 Commenti

  1. Jan, scommettiamo che entro qualche ora arriva il “suo” commento?
    Io lo aspetto, come ogni mese. Spero tanto non voglia deludermi.

  2. domanda curiosa :-)
    ma che valore hanno queste analisi?
    Me lo chiedo da tanto e non è certo una domanda provocatoria.
    A parte che NI è un favoloso blog e quindi merita ogni successo, probabile che il suo successo sia anche maggiore di questi risultati veramente ottimi. Del resto è testimoniato anche dal fatto che vanta più tentativi di imitazione della settiman anigmistica :-)
    Ma mi chiedo che valore abbiano queste analisi.
    Vedo dei blog stupidotti posizionati benissimo e altri che io apprezzo molto invece persi in delle posizioni incredibili.
    Va beh la meritocrazia da che mondo e mondo non entra nelle classifiche però …. io non seguo mai le classifiche (se non in queste analisi di jan) però per un periodo mi ero divertita a vedere le oscillazioni del mio blog (che tra l’altro sono stupita sia nelle classifiche, anche se infime, perchè io non ho mai registrato nulla, ne fatto alcunchè, forse ci finiscono automaticamente, ma allora perchè molti, anche buoni, sono introvabili nelle classifiche?) e di altri blog, beh … sono rimasta stupitissima. Più aumentavano gli accessi giornalieri e più il mio blog (o altri blog) calava nella classifica (l’unica volta che ho superato i 700 accessi sono precipitata) poi magari un mio post venivo linkata da un solo blog e salivo di centinaia di posti in un giorno, venivo linkata da altri dieci blog e calavo vertiginosamente :-), tecnocrati poi non segue assolutamente tutti i linkamenti, anzi ne pesca, a caso, uno ogni tanto e non si capisce in base a cosa.
    Quindi mi chiedo che valore abbiano queste classifiche.
    Intendo che valore reale gli possiamo dare?
    Altra cosa che vorrei chiedere a jan, lo avevo già chiesto qui o altrove, ma nessuno mi ha risposto, linkare una copia cache di un blog ha lo stesso risultato (in termine di salita nelle classifiche) che linkare il link originario? Lo chiedo perchè ho notato che nella guerra sotterrane che scorre in rete (contro ogni spirito di rete) molti *avversari* per non far salire un blog che odiano, per un motivo o per l’altro, quando vogliono citarlo/linkarlo (anche in negativo) usano la copia cachè, un motivo ci dovrà pur essere per farlo :-). Alla mia domanda naturalmente gli *autori* diretti di simile sistema non hanno voluto rispondere (inutile dire che la vittima di tali linkamenti anonimi era Il primo amore)
    Ringraziando jan per le risposte
    geo

  3. è molto strano però che i commenti diminuiscano così tanto, non vi pare. ricordo gli inizi di ni, quando certi post schizzavano nel giro di poche ore a 100 commenti e più; oggi, invece, sono molti i post che rimangono senza niente.

  4. Abbiamo ricordi diversi, schizzomen. Se fai un confronto con gli anni scorsi (vai a vedere nell’archivio) ti accorgi che molti post erano assolutamente deserti e solo alcuni (così come è oggi) prendevano impennate pazzesche. Oggi, semmai, si commenta di più in modo orizzontale. Cioè più pezzi commentati, insomma.

  5. più che ricordi, mi sa che ci vediamo diversamente! vado spesso in archivio e mi pare proprio diverso. comunque, era solo un’opinione.

  6. schizzomen i commenti sono un optional (anche se necessario che ci sia la possibilità di farli), le entrate e letture sono altra cosa e spesso più qualificata.
    I post migliori spesso hanno pochissimi commenti se non addirittura nessuno, ma questo non vuol dire che non siano apprezzati, a volte apprezzatissimi.
    Se un post arriva a cento e più commenti di solito vuol dire che c’è uno scazzo in corso. Ma da quando in qua lo scazzo è un titolo di merito?
    Quindi il numero dei commenti lascia il tempo che trova. Portare un post a quota commento alto può essere un demerito di qualcuno più che un merito. Naturalmente ogni caso è un caso a sè, e a volte discutere è divertente ma non sempre necessario :-).
    Ad esempio Vibrisse al momento non ha possibilità di commenti però ci sono due post che penso li avrebbero fatti schizzare alquanto e forse è un gran vantaggio per il blog che al momento siano inattivati :-)))))
    geo

  7. Jan scrive:
    Quanto a un link alla copia cache Google di una pagina, invece che alla pagina originale, è un modo contorto per non dargli traffico.

    Georgia
    Beh lo avevo immaginato, però mi sembra un atteggiamento molto scorretto e meschino e soprattutto contro lo spirito della rete, oltre che decisamente di destra.
    Possibile che alcuni che in rete ci sono da tantissimo, che passano per sinistri, e che alla fin fine dovrebbero dare l’esempio, lo usino? e non è una cosa altamente riprovevole quasi quanto un tentativo di broglio nelle votazioni?
    bleah!
    georgia

  8. Quattro sono già spariti dalla circolazione. Gli altri li stanno cercando tramite delazione di amici e parenti, interrogatori polizieschi, spie infiltrate nelle università. Domani sera, a Roma, si manifesta in favore degli studenti iraniani che hanno provato a dire basta. Prima che gli pisciassero in faccia. Adesioni a teheran2007@libero.it

  9. il successo di visite sarà dovuto alla nuova svolta spiritualista e cattolicante di N.I.?
    nel senso che un buon numero di pecorelle smarrite può trovare qui una buona parola e un sicuro asilo spirituale?
    nel senso che anche noi finalmente abbiamo il nostro cappellano che ci fa meditare sullo “scorrere nelle vene” dello “spirito”?

  10. Georgia, riesco a riprendere la risposta solo ora. Progetti come Blogbabel sono un servizio di pubblica utilità, secondo me. Servono a confrontare tra loro set di informazioni in contesti diversi e fare delle scelte. Ad esempio analizzare i blog che trattano lo stesso argomento e capire come le diverse scelte editoriali, tecniche e grafiche si traducono in numeri. Sono uno strumento di conoscenza.

    schizzomen: ho messo a confronto a occhio novembre 2003 2004 2005 2006 e nel tempo i commenti mensili crescono di numero e si distribuiscono più uniformemente su tutti i post, come scrive Gianni. Ci sono sempre i “pezzi mostro” che raccolgono centinaia di commenti, li considero una anomalia dove intervengono dinamiche legate ai limiti tecnici e organizzativi delle nostre colonne di commenti. Puoi confrontare tu stesso i dati dai nostri archivi.

    roberto: temo che gli studenti iraniani siano assai poco interessati a web-analytics nostrani.

    tashtego: mi interessa principalmente misurare le pecorelle e i caproni :-) Penso che i pezzi di Centofanti attirino commentatori nuovi, ma che l’analisi delle pageview e visite effettive non dia risultati fori dalla norma. I commentatori sono da 1% a 10% dei lettori.

  11. Di male in peggio. Lì ti becchi luminamenti. Poco ma sicuro. Se ti senti portato per l’hard, sappi che fuori, ad aspettarlo, c’è Lazzaro…

    Mi sa che non c’è scampo. Io torno alla magna mater. Almeno ho la certezza che nessuno mi chiede di digiunare.

  12. ho capito… beh, mi toccherà far ritorno alla casa madre, ai bambini di satana, ecco… son sicuro che prima di tornare alla magna mater un salto con me lo fai, noo?

  13. ugolino è di quelli che se tu ti disci non-credente loro ti dicono che “ah, ma è perché sotto sotto, ner subbe-conscio, tu sei un fracco credente e lo sei più degli altri ma ancora non lo sai, quindi starompe, per favore”.

    questa invasione di post da parte di credenti e addetti di professione ai culti misterici dell’Universo e dello Spirito, mi lascia assai interdetto, perché so che una volta data la stura a questo tipo di “tematiche” poi non le fermi più e ti ritrovi in baleno dentro una comunità di adolescenti in crisi mistica.
    già mi sembrava che da qualche mese a questa parte i post di NI 2.0 siano in debito complessivo di qualità, ma adesso, con il narcisismo dell’ego dei devoti, siamo davvero messi male.

  14. interessante sarà vedere l’andamento di dicembre, senza gli interventi di db e gz. E’ vero che db fa capolino ancora sotto nicks frusti come Ugolino, Lady L.,Magnifico E., ma ha perso la verve, mancandogli uno sparring partner all’altezza.

  15. Io mi chiamo Ugolino Conte, non Strarompi, di professione non credente, quasi non vedente, sub senza subbe-conscie.

    Tash, ma ti ritieni indispensabile? Chi ti ha detto che quel pronome personale (incontrar”lo”) fosse riferito a te?

    Per il resto, io non mi intendo di queste cose, devi discuterle con Lazzaro Visconti Pera e Luminamenti. Sono sicuro che assieme costituite un vero trio lesc-ano della teologia all’abbacchio.

    @ mannheimero

    Faresti meglio a cambiare mestiere e a unirti al trio, che diventerebbe un quartetto: il quartetto cetra alle vongole.

  16. strarompi era il compianto paolo panelli. mo’ tashtego cerca di sostituirlo, con risibbili risultati.
    ahò, per gli spaghetti alle vongole ci sono anch’io.
    se votate carbonare cuscino pure.

  17. forse ugolino, non hai capito.
    volevo solo ironizzare un po’.
    ma poco male.
    l’abbacchio, le vongole, l’amatriciana, eccetera: che modo brutto e banale, letto e sentito mille volte, di prendere le distanze.

  18. caro tashtego, te lo dico da amico. ogni tanto taci, prendi un po’ d’aria, fatti un giro. ci fai più bella figura.

  19. Caro tash, non dar retta a questo brutone cattivone del ponzio p., io sono buono e ti perdono. A un patto: che tu domani, in ufficio, legga ad alta voce l’ultimo commento di luminamenti appena sfornato sotto il post Vita da prete # 3. Se dopo la lettura sei ancora incolume, o se qualcuno ti rivolge ancora il saluto, ti svelo la mia vocazione segreta…

  20. Ci avrei giurato, tash. E ti capisco, perché anch’io avrei fatto la stessa cosa. Abbandonarsi a delle pratiche no limits di masochismo, finisce per somigliare a una sorta di espiazione, alla ricerca a tutti i costi del martirio. Lasciamo dunque il luminare ai fumi delle sue tisane.

  21. Buon natale e buon anno anche a te, tash.

    p.s.

    Se per caso ti imbatti nella luce di Alcor (sai, a natale questi luminamenti miracolistici sono, più che possibili, all’ordine del giorno) estendi il tutto anche a lei. Con un abbraccio da parte mia. Ma senza esagerare, mi raccomando.

    p.s.s.

    E così, ridendo e scherzando, almeno fino al due gennaio mi sono “fumato” la mia vittima preferita… ;)
    A fun cool tutte le ‘ste feste dell’ostrega.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’Italia (unita?) vista dai blogger

L’Italia (unita?) vista dai blogger: è il tema dell'incontro organizzato dall'Unità per domattina dalle 11 alle 13. Per verificare...

Blog, commenti e lettori

di Jan Reister mi viene spesso chiesto se il numero dei commenti ad un articolo di un blog sia un...

Un piccolo bilancio di Nazione Indiana – 2

di Jan Reister Articolo amarcord d'occasione dato che Nazione Indiana ha compiuto sei anni e mezzo: qui ho parlato dellla...

Luci e ombre di Google in Francia

Il collettivo Ippolita ha pubblicato per Payot&Rivages La face Cachée de Google, l'edizione francese di Luci e Ombre...

Bacheca di febbraio 2008

Nello scorso mese di gennaio sono successe alcune cose: gli abbonati al feed hanno superato i 600 iscritti ed hanno...

Luci e ombre di Google: un libro di Ippolita

di Jan Reister Il 35% dei visitatori di Nazione Indiana arriva dopo aver interrogato un motore di ricerca, quasi sempre...
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.