Juke Box/ Il lavoro

laclasseoperaia1.jpg

di Piero Ciampi 

Il lavoro? Ancora non lo so.
Mi hanno preso? Non mi hanno detto niente.
E allora? Ti ho detto, non so niente.
E allora? Allora non lo so,
non lo so, non lo so, non lo so,
non lo so, non lo so.


Ti ho portato qualche cosa che ti piacerà,
ecco il giornale e un pacchetto di sigarette
e dietro a me c’è una sorpresa,
un ospite, un nuovo inquilino:
c’è la mia ombra che chiede asilo
perchè purtroppo anche stavolta
devo dirti che è andata male.

Ma non è successo niente, non è successo niente,
fai finta di niente, non è successo niente,
accendi una sigaretta, chiudi la finestra
e spogliati…
Io ti porto a nuotare,
ti faccio vedere la schiuma bianca del mare,
niente suoni, io e te soli
io e te soli, io e te soli.

Ricordi quel mattino? Quando sono venuto a prenderti
per andare a sposarci e quando siamo entrati in
quell’ufficio… tu mi hai detto “ma dove mi hai portato?”,
Ho detto “eh… ti ho portato qui per sposarti” e tu
ridevi, poi a poco a poco sei diventata seria e poi
piangevi e io ridevo… ti ricordi quel mattino?
È come questo, ti amo come allora.

Facciamo l’amore, facciamo l’amore,
facciamo l’amore, facciamo l’amore,
facciamo l’amore…
non parlare, non chiedere spiegazioni,
non mi creare complicazioni,
non è cambiato niente, provvederò,
ma domani è domenica e ti porto a nuotare
fino a mezzanotte.

Il lavoro? Ancora non so niente.
Mi hanno preso? Non mi hanno detto niente.
E allora? E allora non lo so.
E allora? Ti ripeto, non so niente,
non so niente, non lo so, non lo so,
non
lo
so.

(Nella foto: un fotogramma di “La classe operaia va in paradiso” di Elio Petri)

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. Indimenticabile Piero estremamente dotato, splendido sprecatore di talento, che si è trovato a vivere in un mondo in cui chi talento non ce l’ha – o ce ne ha molto poco – però furoreggia.

  2. E’ una canzone disperata e forte insieme. Il mondo vuole da noi sempre quello che c’interessa meno di dare – troppo spesso fa di noi un estraneo.

    Nella stanza dove facciamo l’amore c’è tutta la vita e facciamo così tanta fatica a difenderla, a farla accettare.

  3. Anch’io mi ritrovo nelle sue parole – perchè vivo male la mia vita / ma lo fo con grande amore – usando il suo modo geniale di descrivere il malessere esistenziale.
    E allora:
    “Andare camminare lavorare
    il passato nel cassetto chiuso a chiave
    il futuro al Totocalcio per sperare
    il presente per amare
    non è il caso di scappare
    andare camminare lavorare
    andare camminare lavorare
    dai, lavorare!”

    Sarà un caso ma mi ricorda Ferretti dei CCCP che declama:
    “produci consuma crepa
    sbattiti fatti crepa
    cotonati i capelli
    riempiti di borchie
    rompiti le palle
    crepa”

    Penso anche lui si sia ispirato a Ciampi, inconsapevolmente, certo.

    Ed io sono contenta che tu esisti, fk.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

V. & V. Nabokov & son

di Chiara Montini
Vera e Vladimir Nabokov decidono di far entrare anche il figlio al servizio della loro piccola impresa letteraria, in principio affidandogli traduzioni sotto la loro supervisione e responsabilità.

‘O paese

di Giorgio Sica
Ispirato dalla poesia che canta il ritorno al paese, al selvaggio borgo natio che assurge a luogo di purezza ed eroico furore, dove poter amare davvero la donna, liberata dalla retorica stilnovista e tornata finalmente femmina, ho composto un piccolo ciclo di componimenti

Willy e luglio

di Arjuna Cecchetti
Okay, vederla tuffarsi dal pontile non era da mozzare il fiato, le mancava qualche curva nei punti giusti, per lo stesso motivo non mozzava il fiato nemmeno quando risaliva spingendo con le braccia sulle tavole di legno.

Giamaica e malinconie

di Nick Casini
A Winnifred Beach c’è una signora che prepara zuppe bollenti. Non è Cynthia - la ristoratrice che compare con Anthony Bourdain in un episodio di Parts Unknown - ma un’altra signora. Gestisce un chiosco a dieci metri dal mare

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

Vasyl’ Stus e Marina Cvetaeva

di Ornella Tajani
Nella collana DieciXuno di Mucchi dedicata alla traduzione poetica [...] è uscito stavolta un volumetto dedicato non a uno ma a due poeti: l'ucraino Vasyl' Stus insieme a Marina Cvetaeva
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: