Un giorno senza fogli di stile: CSS naked day

Ma che è successo alla grafica del sito? Semplicemente, oggi (9 aprile) è il CSS naked day, una giornata per promuovere gli standard web, l’uso di (x)html, il markup semantico, una buona struttura del sito e soprattutto contenuti di qualità. Abbiamo rimosso il foglio di stile (e quindi l’impaginazione e i disegni di contorno) per mostrare come Nazione Indiana è veramente, per rompere con le vecchie abitudini e per sottolineare la forza dei contenuti.

Prendete una vacanza da voi stessi e guardate le cose da un’angolazione diversa!

13 Commenti

  1. Pensieri Oziosi, qui qualcuno si sta divertendo, piuttosto! Comunque, il css che vedi è un segnaposto vuoto e gli altri 2 sono dei plugin.

  2. Esperimento interessante,che stimola la curiosità. Genera tra le altre cose il desiderio di rimuovere tutto il pesantissimo CSS in forma di trucco, plastiche, ritocchi, reimpianti di capelli che copre la faccia dell’anziano ex-presidente del consiglio Silvio Berlusconi per scoprire come sarebbe al naturale.

    Sebastian

  3. Giustissimo! Per un giorno facciamo a meno d’estetismo imbellettato a misura di lettore mordi e fuggi! Basta colori e profumi! Basta “gioco di gambe” e “guardami, guardami” come direbbe Chinaski.

  4. Con te, Cappuccetto Rosso, fogli di stile o meno, è sempre bello. :-)

    Be’, penso di sì, che domani NI di nuovo in camerino come Platinette a rifarsi il trucco. :-) Un bel cerone come dio comanda e tornerà come prima NI. :-)))

    E comunque non si vede bene con alcuni browser, anche se sono stati fatti fuori i css. Comunque fra qualche ora torna tutto normale. :-)

    Ciao ciao

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

jan reister
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.