Articolo precedenteEUROSIÓN: RETORNO O TRASTORNO?
Articolo successivoI limiti dell’arte

Nella fabbrica del gesto

di Franz Krauspenhaar e Nina Maroccolo

Chiamalo

Chiamalo attenzione, e dispersione
e disperazione e fiore nero e caduta
e innalzarsi, invece; e speranza, e mirto,
e i tuoi occhi e la cascata di dolore
che mi prese al solo pensare di lei
e di te; e poi consumazione, e stanco
io non di te ma di me; e chiamalo sonno
come un romanzo, e chiamalo emozione
come una canzone, e chiamalo turno
nella fabbrica del gesto, nell’imperante
guazzabuglio, nell’intrico selvatico
del desiderio, nell’orgasmo muto
e in quello sordo; chiamalo senza parole,
senza senso, chiamalo nulla, o tutto,
chiamalo offerta, vita, carezza, dio. Io.

All’ombra di un mirto

all’ombra di un mirto
la vita s’ingremba
selvatica ––ignara d’altra vita
lacrimosa flotta d’anemoni––

dispera echi futuri dall’apice del ventre
––conchiglia abissale
ma sempre–– quel farsi mattino
sia per te rogo astrale

l’invocazione della mano––

(Immagine: Henry Moore – Mani, 1980)

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. A entrambi complimenti, molto belle queste poesie e questo passaggio
    “e chiamalo sonno
    come un romanzo, e chiamalo emozione
    come una canzone, e chiamalo turno
    nella fabbrica del gesto”.

  2. selvatica, selvatica… conchiglia abissale… ah, che bellezza, oggi porto con me queste parole – grazie, r

  3. Cara Nadia e Renata,
    grazie mille per gli interventi.ù
    @Renata: sempre alti i cuori!

    Nina Maroccolo

  4. Nina e Franz, oddio e come vi conoscete? bellissimo tutto bellissimo, persino la vita. Tengo nel cuore voi e ricordo sorridendo le vostre apparizioni maceratesi.
    un abbraccio ad entrambi

  5. Alessandro caro,
    le vie del Signore sono infinite!!!
    Una fortuna ritrovarsi, ma ora non perdiamoci di vista!
    Franz è è un piccolo grande alchimista: unisce, riunisce tutti.
    Un abbraccio forte, e grazie.

    nina

  6. non sempre ai gesti si riesce a dare una loro reale collocazione/interpretazione; in questo caso credo che si possa cogliere l’INTUIZIONE di un gesto, le cui radici hanno, sì, un ritorno differito ma allo stesso tempo preservano un “collaudo” sincero.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Mattia Tarantino: dalla crepa tra le leggi

    Ospito qui alcune poesie tratte da L'età dell'uva di Mattia Tarantino (Giulio Perrone Editore), insieme a un frammento dall'introduzione...

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Etty Hillesum: rose malgrado tutto

di Lorenzo Orazi I Una fede totale nei maestri Amsterdam, 1942: ottenere un impiego presso il Consiglio Ebraico rappresenta, per molti, la...

Inavvertita luce

di Annachiara Atzei Dopo aver tentato tutto simulare la neve – essere neve. L’unico tuo segreto è fare a pezzi, asportare fegato rene cuore: qualcuno verrà a riconoscerti.

Bianca Battilocchi: il ritmo che ritorna

    «Territori dell'esplorazione / li legge chi corre / distante dalle pagine» Il ritmo che ritorna di Bianca Battilocchi è il quinto...

Nella spirale

di Gianluca D'Andrea da Primavera   CLIMAX Climax, umore del corpo, periodo climatico. Che è sempre e porta in sé il rischio...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: