Articolo precedentedue passi ( fare )
Articolo successivoCritica letteraria di nomi e cose

Sciuscià Show – the end

untitled-2

E così siamo arrivati alla fine di questa serie estiva dei Paso doble . Non perché siano finiti i passi, anzi, altri dovrebbero arrivarmi nei prossimi giorni, destinati a un ambizioso progetto. Finisce la serie estiva perché è finita l’estate, tutto qui. Per me è stato straordinario vedervi ballare, tutti e a tutti va la mia gratitudine per aver accettato l’invito alla danza. Sono stato il vostro umile ciabattino. C’est tout.
effeffe

12 Commenti

  1. L-ieve si chiude la stagione ballerina
    O-rmeggiam l’ancora compagni di ventura
    V-ento di fin’estate riecheggi di-vers’e risa
    E-ffeffe salutiam, ché l’estate l’è finita …

    Ciau ciau, calo Furlen, Glàssie.
    n.

  2. LOVE

    Effeffe, sei il nostro poeta,
    la nostra musica,
    la vibrazione del cuore.

    Grazie a te,

    véronique

  3. sguardo sereno, testa attenta-
    gambe elastiche, ma dritte.
    braccia in posizione, spalle dritte.
    occhi in linea con i polsi che si sfiorano, quello tuo e della tua compagna.
    guarda le diagonali, ricorda i punti di raccordo: se perdi un passo di cambio aggiungi una figura in più, meglio arrivare dopo gli altri che perdere il tempo musicale.
    tacco. punta. puntatacco. mai perdere la concentrazione.

    grazie Francè… per aver aperto la pista di ballo, onorato di ballare in mezzo a tanta gente di talento.

  4. Con inchino. Spiace solo non aver potuto seguire troppo i passi ultimi; complicazioni…

    Un saluto, e bell’impresa!

    F.T.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

I poeti appartati: Francesca Canobbio

Muta per amore       Prendi le tue ore di distanza quando parto mentre mimo per eccesso di ego una qualsiasi delle mie pose...

il dibattito no, no, il dibattito no

Il dibattito di Philippe Muray (traduzione di effeffe) Non si dovrebbero mai fare dibattiti. Il dibattito, come il resto, nel nostro mondo...

I poeti appartati: Giuseppe Acconcia

Cercando un altro Egitto di Francesco Forlani Ho conosciuto Giuseppe Acconcia grazie a un incontro che si è svolto a Torino durante...

Tutto il calcio minuta per minuta

  di Pasquale Vitagliano       Al processo lo dicevano che la palla è tonda che ogni partita è a sé che il campo è neutro. Allora l’arbitro...

Un peu d’Humanité

Testimonianza raccolta da Alexandre Fache e pubblicata da l'Humanité mardi 17 novembre traduzione di effeffe Stéphane T. , 49 anni, fa...

Democrazia?

di Daniele Ventre Un recente saggio dell'Economist (1) indaga l'evoluzione e la diffusione dei sistemi politici democratici nel mondo, durante...
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux