Articolo precedenteChe cos’è un classico?
Articolo successivoLe teste

Kids On Rainbows… a tutti.

Kids on Rainbows… a tutti… in un mondo un po’ più condiviso…

Sarebbe probabilmente il modo migliore per augurarci qualcosa di buono.

evelina santangelo

4 Commenti

  1. Grazie questa danza dell’infanzia attraverso il mondo.
    Il sorriso di un bambino è una luce, e una sola lacrima
    chiede a noi dov’è passata la nostra umanità.

    Una sublima manera di dare omaggio all’infanzia,
    e forse alla nostra, già scomparsa.

  2. …penso agli studenti iraniani… che da mesi (e ancora in queste ore) non avranno nemmeno un giorno in più di vita… penso al sacrilegio di negare materialmente, fisicamente, spiritualmente, idealmente… ai giovani il diritto stesso ad aspirare a un futuro… e, più che mai, a un futuro più giusto e libero. Dico, «ai giovani», in partcolare, e «ai bambini», perché in loro (più che in ogni altro) mi sembra evidente, anzi, consustanziale, lo slancio verso possibili nuovi sviluppi esistenziali. Dico «ai giovani» e «ai bambini» perché è come se ci rifacessimo «giovani» e «bambini» quando riusciamo a non accontentarci delle nostre sperimentate abitudini esistenziali, per immaginare possibilità nuove e diverse…
    Penso che ogni nuovo anno debba idealmente richiamarci a questa sfida. O almeno lo spero.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Sicilia Spa

una lettera pubblica promossa da Evelina Santangelo e Fabio Stassi   L’accesso al mare alla tonnara di Scopello è uno spazio...

Trittico di Andreotti

di Helena Janeczek, Davide Orecchio, Evelina Santangelo Il bambino con la cravatta a righe di Helena Janeczek La testa china sulle cravatte...

Chiusa nella mia stanza in un’abissale solitudine

«il Fatto Quotidiano» 10/12/2012 diario immaginario di Susanna Camusso di Evelina Santangelo   Scrivere aiuta a capire chi siamo, dove stiamo andando. Per questo...

Quello che siamo… Quello che vogliamo…

di Evelina Santangelo Quello che siamo...Quello che vogliamo...Quello che siamo...Quello che vogliamo...Quello che siamo...Quello che vogliamo...Quello che siamo...Quello che vogliamo...Quello...

Un pezzo del nostro paese.

di Evelina Santangelo Voglio ricordarmi: delle parole di Nadia (operaia dell'Eurostets): «in una tenda puoi andare a dormire ma mica a...

Il pomeriggio del 23 maggio 1992.

Evelina Santangelo Il pomeriggio del 23 maggio 1992, ero su quell'autostrada in cui sarebbe scoppiata la bomba che avrebbe ucciso...