La responsabilità dell’autore: Alberto Abruzzese- seconda parte


la prima parte, qui.

[Dopo gli interventi di Helena Janeczek e Andrea Inglese, abbiamo pensato di mettere a punto un questionario composto di 10 domande, e di mandarlo a un certo numero di autori, critici e addetti al mestiere. Dopo Erri De Luca, Luigi Bernardi, Michela Murgia, Giulio Mozzi, Emanule Trevi, Ferruccio Parazzoli, Claudio Piersanti, Franco Cordelli, Gherardo Bortolotti e Dario Voltolini, Tommaso Pincio, ecco le risposte di Alberto Abruzzese]

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Un Abruzzese giogione ai massimi. Ammiccante, vanesio, simpatico, anche, ma le risposte? Un intervista all’ammazzacaffè. Divertente, per carità. Ma, nel merito dell’intervista, cosa dice, cosa conclude? Non sono riuscito a capire un solo ragionamento. Forse la digestione in corso ha sottratto lucidità? Eppure di cose interessanti se ne trova, dentro la sua bibliografia.
    Sublime al minuto 3:11 quando, voltandosi verso sinistra, fa la tipica espressione da vecchio lupo al passaggio di una bella ragazza.

  2. Grazie Sergio! marco, l’espressione al minuto 3:11 ( la tua remarque è da moviolone) è legata alla citazione dellìeditoria da sostenere e rivolta a Maria Liguori (editrice fuori campo)
    effeffe

  3. io ho trovato questa intervista en plein air formidabile …
    … acquistano significato le domande, che apparivano insulse, fatte tra una umanità brulicante: bambini rumorosi che passano sul monopattino, cameriere che saettano, comuni mortali che si salutano, si incuriosiscono, trasportano seggiole, commentano, ordinano il caffe macchiato, tornano dall’aver preso i bambini a scuola (cartelle rosa in mano ad un anonimo), si fanno i fatti loro, cellulari che squillano … per non parlare dei pantaloni pluralisti di effeffe … insomma la responsabilità dell’autore, in mezzo alla vita, riacquista una sua vitalità e una giustificazione che non aveva nelle altre interviste, alcune un po’ supponenti ….

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Limina moralia: Anna Maria Ortese

di Francesco Forlani
Da qualche mese sto collaborando con Limina Rivista, un drappello di giovani intellettuali, tra l'altro presenti in una recente e felice incursione indiana alla Libreria Popolare di via Tadino, a Milano.

Colonna (sonora) 2022

di Claudio Loi
2021. 15 DISCHI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE Anche quest’anno è arrivato il momento dei bilanci, di partecipare allo stupido giochino delle playlist che come al solito non serve a niente ma proprio per questo ci piace e ci diverte.

Palermo Underground: Fabio Sgroi

Francesco Forlani
Quando abbiamo preparato il numero di Focus-in, rivista parigina, su Palermo abbiamo avuto chiaro dal principio che cosa non avremmo voluto offrire ai lettori di Focus In, una Palermo fissata in cliché-archetipi, immagini come sabbie “immobili” che non fossero in grado di raccontarci davvero la contemporaneità.

I cattivi maestri: Aldo Braibanti

  di Francesco Forlani     Dal 1 marzo i giurati voteranno la cinquina del David di Donatello. Su 150 opere, "Il caso Braibanti"...

Dia Logue: stop making sense

  Rivista è cosa mai vista (effeffe)     https://issuu.com/esp.mau/docs/dia_logue_03?fbclid=IwAR0y6KFIb7ZygqnoVRpF_g_qg1-YSoH2j1pxDPoFJU7Gg21r1lvWMWoUYIs   https://www.youtube.com/watch?v=jhF3zHm9Vz8    

Zibaldoni: divenire in stato d’eccezione

  di Enrico De Vivo «Qual è colüi che sognando vede, che dopo ’l sogno la passione impressa rimane, e l’altro a la mente...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: